La leggenda di Beowulf2007

SCHEDA FILM

La leggenda di Beowulf

Anno: 2007 Durata: 114 Origine: USA Colore: C

Genere:ANIMAZIONE, AVVENTURA, DRAMMATICO, FANTASY

Regia:Robert Zemeckis

Specifiche tecniche:-

Tratto da:omonimo poema epico

Produzione:WARNER BROS. PICTURES, IMAGEMOVERS, PARAMOUNT PICTURES, SHANGRI-LA ENTERTAINMENT

Distribuzione:WARNER BROS. PICTURES ITALIA, DVD E BLU-RAY: WARNER HOME VIDEO

TRAMA

Il valoroso guerriero Beowulf è chiamato a combattere contro il demone Grendel, provocandone la morte e scatenando così l'ira funesta della madre della bestia, una strega potente e affascinante.

CRITICA

"Un poema nordico medievale amato e saccheggiato da Tolkien e da molti altri. Un regista pazzo. Due sceneggiatori sanguinari. Un'industria a caccia di immagini (e storie) per le nuove tecnologie. Una tecnica, inaugurata in 'Polar Express', che trasforma gli attori in docili cartoons. Unite il tutto e avrete una pallida idea del cupo, violentissimo, sconcertante 'Beowulf' di Zemeckis, l'uomo che in un altro (più sereno) millennio celebrò le nozze fra umani e cartoni in Roger Rabbit, e ora sforna pellicole mutanti per il rinascente mercato delle sale in 3 D. (...) Insomma un film difficile da amare, che però spiazza, scuote, sfida tutte le nostre categorie. E a suo modo annuncia il cinema diverso e un po' mostruoso, appunto, che sta nascendo dagli amori contronatura fra la Settima arte e il digitale." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 16 novembre 2007) "Di 'Beowulf' si può dire che affronta con spregiudicatezza la raffigurazione di un passato di cui esistono solo tracce archeologiche. Si impone d'ammirazione il lavoro di: operatore, scenografo, costumiste (l'italiana Gabriella Pescucci), coreografi di carnasciali e duelli.Gli attori recitano come se facessero Shakespeare e il computer ci pensa ad abbellirli, a invecchiarli, a motivare la loro fama di eroi. Zemeckis ne emerge trionfante come un super-Blasetti, con a disposizione una tastiera elettronica che avrebbe mandato in estasi il nostro Sandro se nel '38, quando i miracoli si facevano a mano (ricordate 'La corona di ferro'?), fosse magicamente apparsa a Cinecittà." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 16 novembre 2007) "Per raccontare le vicende del guerriero Beowulf ambientate nel 500 d.C. nella cornice di una Danimarca mitologica e violenta popolata di mostri e draghi, Zemeckis è infatti ricorso alla tecnica della 'performance capture'. Vale a dire che gli attori, dal protagonista Ray Winstone alla strega Angelina Jolie, dal re Anthony Hopkins alla sua sposa Robin Wright Penn hanno recitato in uno spazio vuoto con indosso speciali sensori. Quelle sullo schermo sono le loro immagini lavorate al computer, artefatte e al contempo così vere da risultare inquietanti. I valori produttivi e spettacolari sono di prima qualità e Zemeckis si conferma regista abilissimo, ma è difficile lasciarsi coinvolgere da personaggi che ogni tanto sembrano cartoni animati." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 16 novembre 2007) "Robert Zemeckis riappare dall'oblio in cui era caduto dopo il sonnolento 'Polar Express' con 'La leggenda di Beowulf' testo del medioevo inglese che aveva studiato, senza amarlo, a scuola. Si sente che non l'ama nemmeno ora, solo che qualcuno deve pur fare film; e poiché il fantastico è di moda, il regista brioso di vent'anni fa è stato rimesso in pista. Ma solo per impantanarsi in questa leggenda a sfondo danese (...) Suicida l'idea di prendere tanti noti attori per modificarne i lineamenti del Volto e del corpo al computer. E il ritmo non è fatto per tener desti. Peccato: siamo ben al di sotto anche del non eccelso ciclo del 'Signore degli Anelli' di Peter Jackson." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale, 16 novembre 2007) "Affilando le armi della computergrafica e perfezionando il metodo della performance capture che ha generato l'inquietante Gollum de 'Il Signore degli Anelli', Zemeckis utilizza l'intero spazio dell'inquadratura per trasformare gli attori in figure da cartoon manipolabili illimitatamente. Ne risulta uno show dinamico, ibrido e iperviolento che cerca di esorcizzare la minaccia di un'algida ripetitività grazie al buon lavoro compiuto dagli sceneggiatori Roger Avary e soprattutto Neil Gaiman, emulo di Frank Miller e Alan Moore nel passare dall'autorevolezza nel campo dei fumetti a quella tout court cinematografica. Ambientata nel 500 d.C., la cavalcata fantasy racconta le imprese del possente e un po' fanfarone guerriero vichingo che liberò dal mostro il re Hrothgar, ricevendone in cambio corona, beni e sposa; cinquant'anni più tardi, però, il vecchio Beowulf è costretto ad affrontare una nuova e temibile creatura, anch'essa procreata dall'acquatica strega incarnata dalla signora Pitt con pelle giallo brillante, treccia vertiginosa e tacchi a spillo incorporati nella carne delle gambe. La sorpresa finale è relativa, a conti fatti, rispetto a quella procurata ad ogni fotogramma da un film sgradevole ma forte ed eloquente, in bilico com'è tra epica, psicanalisi, videogioco e splatter." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 17 novembre 2007)

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica