La febbre2004

SCHEDA FILM

La febbre

Anno: 2004 Durata: 108 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Alessandro D'Alatri

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:MARCO POCCIONI, MARCO VALSANIA PER RODEO DRIVE, RAI CINEMA

Distribuzione:01 DISTRIBUTION (2005)

ATTORI

Fabio Volo nel ruolo di Mario
Valeria Solarino nel ruolo di Linda
Vittorio Franceschi nel ruolo di Faoni
Massimo Bagliani nel ruolo di Cerqueti
Gisella Burinato nel ruolo di Maddalena
Gianluca Gobbi nel ruolo di Marco
Thomas Trabacchi nel ruolo di Bicio
Paolo Jannacci nel ruolo di Luca
Arnoldo Foà nel ruolo di Presidente
Cochi Ponzoni nel ruolo di Padre Mario
Alessandro Garbin nel ruolo di Giovanni
Lucilla Agosti nel ruolo di Marina
Julie Depardieu nel ruolo di Julie
 
 

MONTAGGIO

Bargero, Osvaldo
 

SCENOGRAFIA

Marchione, Luigi
 

COSTUMISTA

Mascagni, Gemma

TRAMA

Mario, geometra 30enne, ha un sogno nel cassetto: aprire un locale insieme ad alcuni amici. Quando arriva, inaspettata, una lettera di assunzione al comune, Mario decide di accettare l'impiego, anche se in contrasto con le sue aspirazioni. Del resto, si tratta soltanto di indossare panni diversi da quelli desiderati per una breve porzione di vita e ottenere in cambio, la realizzazione di un sogno. Si imbatte così nello squallore della burocrazia, nei sotterfugi, nel grigiore, nell'umiliazione. L'incontro con una ragazza, Linda, gli apre altre prospettive esistenziali e gli dà modo di sognare ancora, ma non un locale, bensì una patria in cui si venga apprezzati e riconosciuti per ciò che si è realmente...

CRITICA

"E' un film all'antica ma parla dell'Italia di oggi. Sembra la solita storia di gruppo, o di famiglia, che dai e dai è la palla al piede del nostro cinema, e invece è la storia di un singolo e della sua battaglia solitaria, feroce, ostinata, contro la mediocrità generale. (...) Ma 'La febbre' di Alessandro D'Alatri, forse il più ambizioso e riuscito dei suoi film (tolti certi inutili effetti digitali...), è anche molte altre cose insieme. E' una pietra tombale sul mito della cara vecchia provincia operosa e sanguigna, tenace e fattiva (siamo a Cremona), perché invidia e mediocrità allignano ovunque, non è questione di numeri. E' una galleria di personaggi ben costruiti, di facce giuste, di buone battute, di scene indovinate (su tutte il sogno col padre morto, Cochi Ponzoni, che emerge dalla nebbia con tutta la banda in stile 'Quarto stato', anche se suonano Celentano, non Verdi). Ma il copione ben strutturato nasconde un retrogusto amaro che sa di rabbia e disillusione più che di rivolta e sberleffo. Ed è un film d'amore, anche. Perché a riscattare le delusioni del buon Mario (un intonatissimo Fabio Volo), che non sa mai se quanto gli capita 'è culo o sfiga', c'è la passione dirompente e imprevista per la sensuale Linda (Valeria Solarino, volto irregolare e luminoso, una vera scoperta). Un cane sciolto, un po' come lui, nonché instancabile collezionista di randagi in proprio. Una che fa la cubista nei locali per mantenersi agli studi, ma ha vinto una borsa per andarsene in America a studiare l'opera del Nobel caraibico Derek Walcott." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 1 aprile 2005) "Confermandosi spirito complesso di artista pronto al rischio D'Alatri torna in campo con lo stesso Fabio Volo, eccellente volto televisivo, del suo precedente successo 'Casomai', per raccontare una vicenda esemplare. (...) I difetti ci sono: non tecnici, è un film perfezionista, ma da eccesso di cose da dire. Resto però un film alto". (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 1 aprile 2005) "Un buon copione, innanzitutto, che non usa mezze misure per esprimere il suo grumo di rabbia, disagio e disillusione giovanili. Poi un ottimo regista, Alessandro D'Alatri, fuori dal giro dei facili indignati e più vicino alla figura del professional all'americana, che sul lavoro non pratica schizzinose distinzioni (è un'autorità indiscussa nel campo degli spot pubblicitari). Infine un bel cast, che attorno al convincente Fabio Volo, definitivamente affrancato dallo stampo tv, fa ruotare sia strepitose scoperte (la sensuale Valeria Solarino) sia grintosi veterani (da Gisella Burinato e Cochi Ponzoni al magnifico novantenne Arnoldo Foà). 'La febbre' è un film sull'Italia d'oggi, ma la diagnosi del narratore non è prefabbricata bensì istintiva, generosa, magari confusionaria e soprattutto individualistica, una specie di peccato mortale per i tanti coniatori di slogan nostalgici. L'intonazione porta dritti alla grande commedia all'italiana dei Risi, Monicelli e Comencini, rispetto ai quali, però, D'Alatri esibisce la coscienza di una modernità non demonizzabile né procrastinabile e l'apologia del carattere, che può forgiare i percorsi e i destini esistenziali contro la protervia di famiglia, scuola, imprese e istituzioni varie." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 2 aprile 2005) "Essere o non essere italiani? Sforzandosi di essere ottimista e perfino un po' qualunquista, D'Alatri firma invece una commedia amarissima e personale su un giovane italiano di provincia di oggi, costretto ad accettare le umiliazioni della burocrazia e la castrazione della genialità. Vivrà ai margini di un meccanismo che non accetta il suo personale contributo di vitalità ed entusiasmo. Tramano a suo danno, anche in buona fede, la madre vedova, il capo, gli amici, i parenti, la bella fidanzata, altre varie ed eventuali. Echi di Lattuada e Germi, ritmo accelerato e qualche banalità sentimentale. Bravi la Burinato e Franceschi, di gran spessore e qualità Fabio Volo, che riempie di sfumature e simpatia il suo personaggi. Un jolly." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 9 aprile 2005)

Trova Cinema

Box office
dal 14 al 17 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica