La danza dei milioni1940

SCHEDA FILM

La danza dei milioni

Anno: 1940 Durata: 70 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:COMMEDIA

Regia:Camillo Mastrocinque

Specifiche tecniche:-

Tratto da:commedia "L'affare Kubinsky" di Ladislas Fodor

Produzione:ANGELO BESOZZI PER LA ICI

Distribuzione:ICI

ATTORI

Nino Besozzi nel ruolo di Gustavo Wiensinger
Jole Voleri nel ruolo di Herta
Miretta Mauri nel ruolo di La segretaria Franzi
Carlo Campanini nel ruolo di Adolfo Fritsch
Enzo Biliotti nel ruolo di Il presidente della banca Mitropa
Guido Notari nel ruolo di Walter
Giacomo Moschini nel ruolo di Il barone Fabri
Albino Principe nel ruolo di Stefano
Armando Migliari nel ruolo di Il direttore generale
Arturo Bragaglia nel ruolo di Gombos
Giovanni Rosa nel ruolo di Zio Giovanni
Nino Marchetti nel ruolo di Il segretario di Walter
Emilio Petacci nel ruolo di Il maggiordomo
Lina Tartara Minora nel ruolo di La signora pettegola al ballo
Alfredo Martinelli nel ruolo di L'usciere della Banca Centrale
Roberto Bianchi nel ruolo di Il garzone del fornaio
 

SOGGETTO

Fodor, Ladislas
 

SCENEGGIATORE

Zampa, Luigi
 
 
 

COSTUMISTA

De Matteis, Maria

TRAMA

Un giovane, nonostante il suo titolo di studio, non riesce a trovare lavoro e, dopo vari tentativi, chiede a un suo compagno di scuola, che è segretario del Presidente di una importante banca ungherese, a fargli avere una scrivania nella sua stanza e a farlo passare per un impiegato. L'abilità del giovane, ed anche la sua faccia tosta, fanno sì che in breve sia notato dai funzionari dell'Istituto bancario. Ben presto un affare che ha progettato lui finisce per essere preso in seria considerazione dai dirigenti della banca, dai rappresentanti del ministero e da altre organizzazioni finanziarie. Nasce così dal nulla un grandioso consorzio per il finanziamento di opere pubbliche. L'audacia del giovane ha vinto: viene messo a capo della organizzazione e può sposare la figlia del presidente.

CRITICA

"[...] non si creda che abbiamo scoperto un nostrano Lubitsch, o un Capra. Ma insomma il regista Mastrocinque ci ha procurato, in una produzione modesta, una lieta sorpresa. Il soggetto, che deve essere di fuorivia) è molto buono, lo scenario di Luigi Zampa eccellente, la regia sorvegliata e piena di gusto. Ma la novità consiste negli attori di secondo piano. E' la prima volta che vediamo un'opera di fattura corrente, cioè che non deve superare il milione e mezzo di costo, degli attori che sanno quello che fanno. [...] il comico Campanini è a posto e si avvia a diventare un Everett Horton di Cinecittà; tutti gli altri sono visti senza quella approssimazione che perde tanti nostri film". (Volpone [Pietro Bianchi], "Il Bertoldo", 20 settembre 1940)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica