SCHEDA FILM

La carbonara

Anno: 1999 Durata: 117 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA, STORICO

Regia:Luigi Magni

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:LETIZIA COLONNA DI STIGLIANO E MASSIMO FERRERO PER LA LETIZIA CINEMATOGRAFICA - RAI CINEMA

Distribuzione:LION PICTURES (2000)

ATTORI

Lucrezia Lante della Rovere nel ruolo di Cecilia
Valerio Mastandrea nel ruolo di Fabrizio
Claudio Amendola nel ruolo di Lupone
Nino Manfredi nel ruolo di Il cardinale Rivarola
Fabrizio Gifuni nel ruolo di Zaccaria
Alberto Alemanno nel ruolo di Il capitano
Fernando Cerulli nel ruolo di Principe di Collepardo
Pierfrancesco Favino nel ruolo di Sergente
Andrea Garinei nel ruolo di Pittore straniero
Duccio Giordano nel ruolo di Filippo
Giacomo Gonnella nel ruolo di Michele
Pino Ingrosso nel ruolo di Un cantante
Marina Jlina nel ruolo di Bella Rosa
Alessandro Lombardo nel ruolo di Germano
Marina Lorenzi nel ruolo di Angelina
Pia Giancaro nel ruolo di Pia Ruspoli
 

SOGGETTO

Magni, Luigi
 

SCENEGGIATORE

Magni, Luigi
 

MUSICHE

Piovani, Nicola
 

MONTAGGIO

Indoni, Fernanda
 

SCENOGRAFIA

Mirisola, Lucia

TRAMA

Nel 1825 nelle campagne non molto distanti da Roma c'è la locanda chiamata "La carbonara" con annesse osteria, stazione di posta, cambio di cavalli. 'Carbonara' è chiamata anche Cecilia, la bella proprietaria. Mentre nelle zone intorno briganti e gendarmi mantengono l'ordine e l'equilibrio spartendosi il territorio, quattro carbonari diretti a Roma si rifugiano nell'osteria. Tra questi Zaccaria, un vecchio amore della carbonara. Arriva anche un frate: si tratta di Fabrizio, ex marito della carbonara che lo credeva morto. I quattro hanno intenzione di sequestrare un cardinale di passaggio per chiedere in cambio la scarcerazione di alcuni compagni condannati a morte. Il sequestro fallisce, tre muoiono e l'ultimo, Fabrizio, viene arrestato in attesa dell'esecuzione. Quando ha capito l'identità dei due uomini, Cecilia cerca di ottenere presso il cardinale la grazia per Zaccaria. Ma è Fabrizio, con uno stratagemma, a fare in modo che l'esecuzione fallisca. Zaccaria viene liberato, il cardinale riparte e, nei boschi, riceve l'omaggio di Lupone, il capo dei briganti. L'equilibrio, faticosamente costruito, forse può tornare a regnare. Intanto Cecilia vede arrivare alla locanda il principe azzurro a lungo sognato, e parte sul suo cavallo. Lupone li guarda e dice: "Dove andate?".

CRITICA

"Nell'anno del Signore e del Giubileo, Luigi Magni strizza l'occhio al presente con uno dei suoi film storico-pop: qualche accenno di azione picaresca, uomorismo laico condito con slang romanesco, taverna del libero scambio alla Feydau, melodramma lacrime e pecorino. Cast rischioso con Lucrezia Lante della Rovere, locandiera che sentenzia qua e là un 'che me ne frega' finto cinico, Valerio Mastandrea, frate rugantino, Claudio Amendola, fuorilegge con collier di peperoncini e Nino Manfredi guest star della Roma papalina". (Fabio Bo, 'Il Messaggero, 11 febbraio 2000) "Con 'La Carbonara', Magni torna dopo una lunga assenza ai suoi temi prediletti: e anche se il film è antiquato e schematico, anche se sono troppo ripetuti per non divnetare stucchevolli i giochi di parole, fra i carbonari rivoltosi, gli spaghetti alla carbonara, l'osteria La Carbonara e la sua ostessa, la narrazione non è spiacevole e allinea molte allusioni ai compromessi e al trasformismo della politica italiana contemporanea". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 14 marzo 2000).

Trova Cinema

Box office
dal 15 al 18 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Cinquanta sfumature di rosso  5.897.856
    Cinquanta sfumature di rosso

    Credendo di essersi lasciati alle spalle delle presenze oscure del loro passato, Christian ed Ana, novelli sposi, condividono un legame inossidabile e vivono una vita di lusso. Ma proprio quando lei entra pienamente nel ruo...

  2. 2. The Post  1.411.716
  3. 3. Ore 15:17 - Attacco al treno  1.205.817
  4. 4. Maze Runner - La rivelazione  609.218
  5. 5. Sono tornato  548.445
  6. 6. L'uomo sul treno - The Commuter  403.175
  7. 7. I primitivi  388.068
  8. 8. Chiamami col tuo nome  310.798
  9. 9. Made in Italy  214.805
  10. 10. L'ora più buia  202.834

Tutta la classifica