SCHEDA FILM

Il minestrone

Anno: 1981 Durata: 104 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:FANTASY

Regia:-

Specifiche tecniche:PANORAMICO

Tratto da:-

Produzione:RAI, MEDUSA

Distribuzione:MEDUSA DISTRIBUZIONE

TRAMA

Due "morti di fame", per mettere qualcosa sotto i denti, debbono frugare nei sacchi dell'immondizia, contendendo i rifiuti ai cani, finiscono in prigione e liberati, fanno amicizia con il "Maestro", abilissimo nell'abbuffarsi nei ristoranti e poi squagliarsela senza pagare. Finita male la prima esperienza dall'oste Attilio, (per darsela a gambe dopo una memorabile scorpacciata a ufo, sono caduti in una pozza d'acqua fredda e sporca, che li ha fatti vomitare), i tre salgono su un treno merci, che li porta in Toscana. Qui tentano di ripetere il colpo in una trattoria di campagna, ma ne sono dissuasi dall'abitudine che hanno i padroni di girare armati e di mettere ai ceppi chiunque li derubi: Liberato un cameriere-ladro, e da lui ricambiati, dopo che certe contadine, alla cui mensa avevano cercato di mangiare a sbafo, li avevano legati a un palo, i tre, cui ora s'è aggiunto il cameriere, capitano in un ex-ristorante mutato in impresa di pompe funebri, dove vivono una spiacevole avventura con un cadavere e la sua bara. Successivamente i quattro si imbattono in un giovane aristocratico, Gildo, e nella sua famiglia, i quali, già molto ricchi, sono stati ridotti in miseria dai ladri e dalle tasse. Si aggregano a costoro per far visita al padre di Gildo (un uomo che, per il timore di essere avvelenato, non mangia quasi nulla del moltissimo cibo che gli preparano i cuochi); ma non ricevono da lui nemmeno un boccone. Divenuti un folto gruppo, gli affamati si consolano mimando un lauto e succoso pasto. Quando, poi, trovano qualcosa da ingerire, si tratta soltanto di gelatina per missili, ed essi finiscono tutti in ospedale. Ne escono per seguire un medico-santone, un Rasputin da borgata, che li conduce tra i monti innevati fino a un valico, ove ascoltano musica da banda, conservando però la loro fame insaziata.

CRITICA

"L'aver patito la fame, come è accaduto al regista Sergio Citti, forse non basta a far bello un film sulla fame, ma può servire a dargli un retrogusto giocosamente allucinato, un estro visionario, che manca alle inchieste socio-politiche su quel flagello e anche al cinema realista, per il quale la fame è occasione di mestizie (...) (...) Benchè sceneggiato da Citti con Vincenzo Cerami, il film manca infatti soprattutto di ossatura. E' una coroncina di episodi, quale più e quale meno spiritoso, da cui non è nemmeno tanto facile trarre la morale che a Citti sta a cuore." (Giovanni Grazzini, "Cinema '81")

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica