IL MATRIMONIO DEL MIO MIGLIORE AMICO1997

SCHEDA FILM

IL MATRIMONIO DEL MIO MIGLIORE AMICO

Anno: 1997 Durata: 105 Origine: USA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:JERRY ZUCKER E RONALD BASS PER LA PREDAWN

Distribuzione:COLUMBIA TRISTAR FILMS ITALIA - COLUMBIA TRISTAR HOME VIDEO.

TRAMA

Nove anni prima, Julianne e Michael avevano deciso, da amanti, di rimanere semplicemente amici, facendo però un patto: se, compiuti ventotto anni, non avessero trovato l'anima gemella, si sarebbero rimessi insieme e sposati. Il momento è arrivato e, una notte in albergo, Julianne riceve una telefonata di Michael: lui però la chiama per dirle che ha conosciuto una ragazza e che la domenica successiva si sposeranno. Julianne rimane senza fiato e solo in quel momento si accorge di quanto sia ancora legata a Michael. Chiama George, suo editore, omosessuale e unica persona alla quale confidare la sua rabbia. Parte poi per Chicago, sapendo di avere davanti quattro giorni per impedire quel matrimonio. Rivede Michael, insieme vanno all'aeroporto ad accogliere la promessa sposa Kimmy, che subito dice a Julianne di voler diventare sua amica e di sceglierla come prima damigella. Julianne tuttavia rimane ferma nel proprio proposito. Così cerca di mettere in cattiva luce prima Kimmy agli occhi di Michael e poi Michael agli occhi di Kimmy: e qui sembra quasi riuscirci, perché Michael fa il giornalista sportivo, e il padre di Kimmy è un magnate dei mass-media. Ma equivoci e incomprensioni non sono sufficienti. Alla fine il matrimonio si fa, gli sposi partono per la luna di miele, e Julianne rimane sola e triste alla festa. A consolarla arriva George, che le fa riacquistare il sorriso e la fiducia nel futuro.

CRITICA

"Scaltra e spiritosa, non proprio irresistibile, commedia sentimentale dell'australiano J.P. Hogan, una storiella dall'intreccio anni cinquanta che sarebbe stata perfetta per i cinguettanti Doris Day e Rock Hudson. Nella sfida incrociata fra attori, l'effervescente Cameron Diaz oscura Julia Roberts, e il superlativo Rupert Everett stritola il semolino Dermot Mulroney". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 12 febbraio 2001) "Se qualcuno bada ancora ai titoli di testa questi del 'Matrimonio del mio migliore amico' sono una delizia, tutti in rosa prematrimoniale, vezzosi e anche spiritosi. Fanno da prefazione a una commedia romantica ben orchestrata, simpatica, senza smancerie, di quelle che ripensandoci inducono al sorriso. L'ha diretta l'australiano P.J. Hogan, che di matrimoni se ne intende, avendo debuttato con 'Le nozze di Muriel'; l'ha scritta Ronald Bass, che ha capitalizzato le osservazioni sull'anima femminile in 'Donne'. Non è un film da risate grasse, eccetto la scena dell'irresistibile cantata collettiva di Dionne Warwick, ma il piglio del racconto, la frequenza dei colpetti di scena, la trovata di rendere 'antipatica' Julia Roberts il gusto del sentimentale che salva il mondo, tutto ciò dà al film un sapore un po' retrò in più che si apprezza come merce rara nella produzione oggi alienata tra alieni". (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 20 dicembre 1997) "Amici, complici o amanti? Mariti o mogli? Eterosessuali o gay? Singles o sposati? Dietro all'inaspettato successo americano del film, si celano - forse - tre piccoli segreti, tre grandi astuzie. 'Il matrimonio del mio migliore' amico s'intromette con partecipata sollecitudine nelle increspature dei nuovi disordini amorosi. Ostenta con orgoglio una salutare dose di cattiveria e di perfidia. Prende a prestito, modernizzandoli, gli schemi, i ritmi e i requisiti della classica commedia all'americana (il modello di riferimento è 'Susanna' di Howard Hawks). Semplici accorgimenti comunque sufficienti a graffiare la superficie indolente e ripetitiva che ricopre, da un po' di tempo, i poco sofisticati 'script' hollywoodiani. L'australiano P.J. Hogan, velocemente emigrato nella terra santa del cinema dopo il successo del suo primo film matrimoniale ('Le nozze di Muriel'), coglie nel segno, sceglie gli attori giusti, 'sposa' una sceneggiatura calibratissima (di Ronald Bass)". (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 23 dicembre 1997) "Quando si decide di fare un film come 'Il matrimonio del mio migliore amico', un feel good movie, ovvero una commedia ottimistica e spensierata, la prima cosa è scegliere bene il cast. Nel caso la scelta è perfetta: Julia Roberts in una parte che ne valorizza le potenzialità comiche, la vivacità un po' sfrontata un po' commovente, la bionda Cameron Diaz in quella dell'altra concorrente al cuore di Dermot Mulroney, il quale non sospetta neppure le machiavelliche trame della sua migliore amica; Rupert Everett nel ruolo dell'amico complice di Julia. Diretto dall'australiano P. J. Hogan e punteggiato di intermezzi musicali, tra cui un'esilarante scena di karaoke, 'Il matrimonio del mio migliore amico' dà il suo meglio nelle parti in cui compare Everett che, come omosessuale finto fidanzato di Julia, le ruba più di una volta la scena. Dopo le proiezioni-test, la Columbia ha deciso di rigirare alcune scene per inserirvi l'attore. Il che farà forse inorridire gli amanti del puro cinema d'autore: però, nel caso, funziona benissimo". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 20 dicembre 1997) "Non è un film da crepare dal ridere, 'Il matrimonio del mio migliore amico', e talvolta si ha l'impressione che l'intreccio giri a vuoto. Però è azzeccata l'idea di usare Julia Roberts in un ruolo da antipatica maldestra: più tesse la sua tela malefica, più ottiene risultati contrari, rafforzando l'amore tra i due piccioncini. Ci vorrà una e-mail biecamente falsificata per mettere a repentaglio le sontuose nozze, ma a un passo dal trionfo la gastronoma capirà di ave

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica