SCHEDA FILM

Il lungo silenzio

Anno: 1993 Durata: 90 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:PANORAMICA A COLORI

Tratto da:-

Produzione:FELICE LAUDADIO PER EVENTO SPETTACOLO UNION P.N. (ROMA) - K.G. PRODUCTIONS (PARIGI) - BIOSKOP FILM (MONACO)

Distribuzione:UIP - POLYGRAM FILMED ENTERTAINMENT VIDEO

TRAMA

Una storia di ordinaria paura ambientata - in un futuro più o meno prossimo - in una qualunque città italiana, Roma per esempio, epicentro simbolico, e non solo, della collusione fra poteri politici e poteri criminali. Qui vivono Carla Aldrovandi, una ginecologa, e suo marito Marco Canova, magistrato "in prima linea". L'esistenza di Carla è dominata e condizionata dal terrore, aggravato da frequenti minacce, che il giudice - impegnato in una complessa indagine sulla Cooperazione allo sviluppo e su un sofisticato traffico d'armi scaturita da una precedente inchiesta sulle tangenti - possa essere assassinato da un momento all'altro. Cosa che puntualmente si verificherà e che spingerà Carla, dopo i primi terribili momenti di dolorosa prostrazione, a reagire e a non arrendersi, nel tentativo di giungere alla verità e di spezzare insieme ad altre donne nella sua stessa condizione il muro del silenzio, del "lungo silenzio" del quale da sempre si sono giovati e ancora si giovano i mandanti e gli esecutori dei tanti fatti e misfatti che insanguinano e abbrutiscono questo straordinario e disgraziato Paese.

CRITICA

"Fino a quando un obiettivo mobilissimo e nervoso registra la vita soffocata della moglie di un magistrato sotto scorta e scandaglia le sue giornate imprigionate dietro finestre sempre chiuse, il film riesce a trasmettere allo spettatore il senso d'angoscia e di impotenza di questi personaggi e di questi anni. Ma quando il magistrato viene ucciso, allora il film tradisce se stesso e le immagini lasciando il posto alle parole: discorsi didascalici, discorsi programmatici, discorsi inutili. Perchè non aiutano a capire ma a ribadire. Perché non spiegano ma enfatizzano. E finiscono significativamente per sottolineare la subalternità di questo tipo di cinema al moloch televisivo, costretto (per colpa della sua stessa mancanza di coraggio) a ripercorrere le strade di un qualsiasi special piuttosto che continuare a cercare modi originali per esprimere la rabbia e il disorientamento, bicefalo." (Paolo Mereghetti, da Sette de 'Il Corriere della Sera') "Due solo le ideuzze e le trovatine di regia: all'inizio, la coppia tenera e affettuosa su una spiaggia che pare deserta, e la macchina da presa che "allarga" a mostrare la numerosa e vigile scorta; alla fine, la morte della protagonista in un diluvio pioggia e musica, infine sciolta dalle sue ansiogene reiterazioni. Servono, film cosi'? Bruttezza e noia a parte, si ha ben diritto di dubitarne." (Goffredo Fofi, 'Panorama') "Nell'Italia tragica dei magistrati che conducono una "vita blindata", prigionieri delle misure di sicurezza, e che tuttavia vengono ammazzati, non è mai accaduto che una vedova raccogliesse l'eredità d'inchieste del marito magistrato ucciso e che ne portasse avanti il lavoro di denuncia." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa')

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica