SCHEDA FILM

IL GRANDE JACK

Anno: 1976 Durata: 90 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO, MUSICALE

Regia:-

Specifiche tecniche:35 MM, VISTAVISION, TECHNOSPES

Tratto da:OPERA TEATRALE "THE ENTERTAINER" DI JOHN OSBORNE

Produzione:BERYL VERTUE E MARVIN HAMLISCH PER PERSKY-BRIGHT PRODUCTIONS, ROBERT STIGWOOD ORGANIZATION (RSO), SEVEN KEYES

Distribuzione:PAC

TRAMA

Nel 1944, mentre i bollettini radio annunciano la vittoriosa, ma anche costosa irruzione degli Stati Uniti in Normandia, il fantasista Jack Rice tenta invano di tenere in piedi uno spettacolo di varietà, esibendosi al piano, intonando canzoncine, camuffandosi da donna, spiattellando barzellette stantie su un palcoscenico incorniciato da vecchie "paillettes" e da goffe ballerinette. Aiutato dal figlio Frank, osteggiato dalla figlia crocerossina reduce dal fronte, guardato con perplessità dalla docile seconda moglie , Jack tenta di vincere le tergiversazioni dell'impresario Charlie e di conquistare un nuovo finanziatore in un commerciante arricchitosi con la guerra di cui circuisce la figlia. Ma è ugualmente un naufragio completo: mentre viene portato in patria ferito, il figlio muore in un incidente. Il padre Blly, risalito sul palco per aiutare il figlio e salvarlo dalla rovina, muore di infarto. L'era di Jack passa come quella di una società che si è suicidata nella II Guerra Mondiale.

CRITICA

"Il film è tratto da un racconto di Osborne, già comparso sullo schermo per la regia di Tony Richardson e la memorabile interpretazione di Laurence Olivier ('Gli sfasati'), retrodatata la vicenda dal '56 al '44 (sostituendo le tragedie inglesi con quelle dell'America), si lega alla figura di Jack Lemmon (di cui il titolo italiano adotta ampollosamente il nome), il quale lo nobilita artisticamente ma anche contenutisticamente. Infatti, lasciati piuttosto in ombra gli aspetti di analisi di un'epoca, il lavoro è divenuto un interessante studio della complessa figura di un 'buffone' che si dibatte tra bisogni professionali e aspirazioni umane, tra il pubblico cinico e la famiglia composta di personalità diverse, tra necessità materiali e crisi di coscienza. Magistrale è l'apporto di Lemmon nell'evidenziare sottilmente e sfumatamente i moti d'animo del personaggio. Amara e ricca di sfumature è anche la figura del padre." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 81, 1976)

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica