SCHEDA FILM

Il grande coltello

Anno: 1955 Durata: 113 Origine: USA Colore: B/N

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:testo teatrale omonimo di Clifford Odets (1949)

Produzione:UNITED ARTISTS, THE ASSOCIATES & ALDRICH COMPANY INC.

Distribuzione:DEAR

TRAMA

Charlie Castle, celebre attore cinematografico, dovrebbe firmare un contratto di sette anni con Stanley Hoff; ma sua moglie Marion è contraria, perché gli obblighi assunti col contratto costringerebbero Charlie a star lontano da lei. Per non perdere l'affetto della moglie, egli le promette di rinunciare al contratto; ma quando si trova di fronte a Hoff ed alle sue minacce, dopo aver tentato di resistere, finisce col cedere. Charlie riceve la visita di Connie Bliss, moglie del suo amico Buddy, agente pubblicitario, che è innamorata di lui. Charlie la respinge, benché Connie tenti di ricattarlo accennando ad un fatto di cui è a conoscenza. Qualche tempo addietro, Charlie ha investito con la sua macchina un bambino: per evitargli delle noie, Buddy, per incarico del produttore, se ne è assunto la responsabilità. Un giorno, Smiley Coy, l'assistente di Hoff, avverte Charlie che Dixie Evans, un'attricetta ch'era con lui al momento dell'incidente, ne parla senza alcun ritegno. Charlie tenta d'indurla a tacere; ma Dixie minaccia di far in modo che la cosa diventi di pubblico dominio. Smiley Coy insinua che sarebbe meglio far tacere per sempre Dixie; ma Charlie si ribella. Egli è disposto a sopportare tutte le conseguenze dei suoi atti e la sua reazione è ancor più energica, quando Smiley accenna ad un'altra soluzione: sposare Dixie. Di fronte alla reazione di Marion, Hoff ricatta anche lei, portando dei dischi, sui quali sono incise delle conversazioni tra lei e Hank, un amico del marito. Dixie muore in seguito ad un investimento; Charlie è trovato morto nella stanza da bagno. Smiley Coy si preoccupa di evitare uno scandalo, ma Hank dichiara che renderà nota la verità: Charlie è stato vittima degli intrighi di un ambiente corrotto.

CRITICA

"E' un film notevole, anche se a tratti nel ritmo e nel dilungarsi del dialogo risente della sua originale teatrale. Sufficientemente approfondita e convincente la psicologia dei personaggi; particolarmente efficace la recitazione. Buoni il commento sonoro e la fotografia." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 39, 1956)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica