SCHEDA FILM

IL GIORNO DEL FURORE

Anno: 1973 Durata: 118 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:CINESCOPE TECHNICOLOR

Tratto da:ROMANZO DI MICHAEL LERMONTOV

Produzione:DAMA (ROMA) LOWNDEES (LONDRA)

Distribuzione:MGM

TRAMA

Palizyn, ricco e spietato possidente di mezza età, sposato con Natalia e padre di un ragazzo, Yuri, vive nella sua bella casa di campagna circondato e temuto da decine di servi che tratta come schiavi, ignorando la moglie e struggendosi invece per una giovinetta, Irene, che ha accolto in casa quand'era ancora bambina e dopo averle ucciso i genitori. Un giorno, accedendo alle sue implorazioni, Palizyn assume alle proprie dipendenze un giovane storpio, Vadim. Fratello di Irene, che ignorava la sua esistenza, costui non ha che uno scopo: vendicarsi del possidente distruggendo lui, la sua famiglia e tutte le sue ricchezze. Seminati pazientemente, tra i servi di Palizyn i germi della ribellione (Irene, innamorata di Yuri, non gli è di aiuto), Vadim coglie i primi frutti della sua opera allorché, riunitisi i proprietari terrieri per accogliere un vescovo, una moltitudine di servi e di mendicanti, infuriati per la morte di una prostituta involontariamente causata da Vadim, ma attribuita ai padroni, si getta su di loro massacrandoli. Scampati alla morte (che non ha invece risparmiato Natalia), Palizyn, Yuri e Irene si ritrovano insieme in una cava, dove le loro vite hanno un tragico epilogo: violentata la giovinetta e ucciso il figlio, Palizyn muore colpito da un gruppo di ribelli guidati dal cosacco Pugacev. Sfuggiti al controllo di Vadim, però, gli armati uccidono anche Irene.

CRITICA

Il film risente di una elaborazione scenaristica insufficiente. Infatti, alla sceneggiatura si debbono le sue maggiori carenze: una narrazione poco equilibrata e delle ideologie molto incerte. Alla regia, invece, vanno ascritte le gradevoli scenografie bulgare, l'ottima fotografia, le attinenti musiche e le convinte interpretazioni. Puntando più sulle contorte psicologie dei personaggi e sulle disumanità, che non sui fenomeni sociali conseguenti, il film è pieno di passioni sfrenate e non manca di pagine aberranti. Finisce, come conseguenza, per essere un quadro tutt'altro che costruttivo. (Segnalazioni Cinematografiche).

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica