Il figlio pi? piccolo2009

SCHEDA FILM

Il figlio più piccolo

Anno: 2009 Durata: 100 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Pupi Avati

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:-

Produzione:ANTONIO AVATI PER DUEA FILM INCOLLABORAZIONE CON MEDUSA FILM

Distribuzione:MEDUSA (2010)

ATTORI

Christian De Sica nel ruolo di Luciano Baietti
Laura Morante nel ruolo di Fiamma
Luca Zingaretti nel ruolo di Bollino
Sydne Rome nel ruolo di Sheyla
Nicola Nocella nel ruolo di Baldo
Manuela Morabito nel ruolo di Betty Chirone
Fabio Ferrari nel ruolo di Sainati
Marcello Maietta nel ruolo di Paolo Baietti
Massimo Bonetti nel ruolo di Pilastro
Alessandra Acciai nel ruolo di Dina Diasparro
Alberto Gimignani nel ruolo di Carosi
Maurizio Battista nel ruolo di Nazareno
Giulio Pizzirani nel ruolo di Amadei
Matilde Matteucci nel ruolo di Roberta
Vincenzo Failla nel ruolo di Notaio Gabutti
Pino Quartullo nel ruolo di Elicotterista
Omar Pedrini nel ruolo di Se Stesso
Aurora Cossio nel ruolo di Zoe
Christian Marazziti nel ruolo di Vicesindaco
Emanuele Salce nel ruolo di Organizzatore
Gisella Marengo nel ruolo di Elvira Bagdikan
Luciano Luminelli nel ruolo di Invitato
Massimiliano Varrese nel ruolo di Capitano Taddei
Pilar Abella nel ruolo di Invitata
Pino Calabrese nel ruolo di Fotogafo
Simone Arcese nel ruolo di Conduttore radio
Tiziana Buldini nel ruolo di Carlotta Morè
 

SOGGETTO

Avati, Pupi
 

SCENEGGIATORE

Avati, Pupi
 

MUSICHE

Ortolani, Riz
 

MONTAGGIO

Salfa, Amedeo
 

SCENOGRAFIA

Pannuti, Giuliano
 

COSTUMISTA

Tonelli, Steno
 

EFFETTI

Justeleven

TRAMA

Bologna, primi anni '90. Luciano Baietti, un immobiliarista romano, ha deciso di sposare Fiamma, donna bellissima ma astratta, che gli ha già dato due figli - Paolo e Baldo - e gli intesterà due appartamenti. Luciano, però, proprio nel giorno delle nozze abbandona compagna e figli e sparisce insieme al suo socio, Sergio Bollino. Anni dopo, Luciano inizia ad avere delle difficoltà economiche e deve trovare un prestanome su cui scaricare la responsabilità delle situazioni più gravi. La scelta cadrà su Baldo, il figlio più piccolo avuto da Fiamma...

CRITICA

"L'ennesimo sguardo sullo squallore medio e mediocre dell'italiano tipo del cineasta, infatti, questa volta sì posa su un protagonista avvilito dalla sua stessa meschinità, un furbetto del quartierino post litteram. Senza amarcord più o meno nostalgico. (...) Mentre le qualità da pittore di miniature morali di Avati si sfogano in un racconto di soli caratteristi, in ritratti spesso sciatti di varia (dis)umanità, tutto, alla fine, è affidato a uno sguardo quasi appassionato, tenero, tra i due sconfitti Zingaretti e De Sica, che mostrano tutto quello che il film poteva essere e non è stato. E così più che delusione, c'è appunto rabbia. Perchè un gioiello, un potenziale capolavoro diventa una pellicola mediocre, la solita palestra d'attori avatiana (difficile, gli va dato atto, veder qualcuno recitare male per lui), ma piena di promesse non mantenute." (Boris Sollazzo, 'Liberazione', 19 febbraio 2010) "Avevamo lasciato Avati intenerito dai suoi ricordi bolognesi di gioventù, reinventati con goliardico brio e qualche nota acida ne 'Gli amici del Bar Margherita'. Lo ritroviamo indignato, anzi inferocito in un film dove tutto è lugubre, squallido, senza speranza sia per quanto racconta che per il tono con cui lo racconta. Con una coesione così inestricabile fra i personaggi messi in scena e lo sguardo loro riservato che 'Il figlio più piccolo' è forse il più nero dei film di Avati - nonché uno dei meno risolti. (...) Malgrado l'accumulo di comprimari, brutture e sgradevolezze d'ogni tipo, i personaggi restano però psicologicamente poco credibili e l'insieme prevedibile, nel suo squallore, per trovare un equilibrio fra satira e denuncia, orrido e grottesco. Anche perché ambienti e figure simili sono ormai tristemente familiari e solo uno sguardo, uno stile inedito potrebbe rendere vivace e interessante quanto appartiene alla livida cronaca quotidiana. Inevitabile, non solo perché c'è Christian De Sica, pensare ai vari 'Natale a ...', rovesciati in chiave seria. Anche se qui tutto è desessualizzato e al posto dell'eros ci sono sempre e solo soldi, intrighi, ricatti, e un cattolicissimo senso di colpa (l'ex-frate Zingaretti, la trovata migliore del film, porta i sandali sotto il completo). Una noia senza scampo." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 19 febbraio 2010) "Un uomo appare sul portone del convento, in abito non fratesco ma con i piedi nudi nei sandali. Dice con calma al suo accompagnatore una frase terribile: «Ormai è troppo tardi per tutto», e sembra un anticipato giudizio sulla storia del film e del Paese. L'uomo è Luca Zingaretti, che ne 'Il figlio più piccolo' di Pupi Avati offre una eccellente prova d'attore: gli basta un paio di baffi per cancellare ogni precedente interpretazione inclusa quella del commissario Montalbano, per trasformarsi in uno stratega del male, un'anima nera posata e ipocondriaca, un esempio di grande intelligenza italiana applicata al crimine, insomma il diavolo nel suo aspetto più contemporaneo. La mutazione di Christian De Sica al confronto è più modesta: per il suo solito personaggio di cialtrone romano l'attore ha lavorato di sottrazione, non grida, non dice troppe parolacce nè fa troppe smorfie, è laconico, a volte tanto impassibile da sembrare inespressivo. La vicenda de 'Il figlio più piccolo' è atroce (...). Il mondo dei finti ricchi dai gusti opulenti e cafoni e degli affaristi squattrinati è descritto molto efficacemente nel suo altalenare tra infamie e sciocchezze, ricchezza e miseria, paura, matrimoni di convenienza, assegni postdatati: anche se a volte questo universo sembra un poco cartaceo, derivato cioè dai giornali più che dalla conoscenza diretta. L'indignazione non è il sentimento prevalente in Pupi Avati, che più spesso pare cinico oppure remissivo di fronte alla malvagità umana: ma il film riuscito è certo una testimonianza del tempo, del Paese in cui viviamo." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 19 febbraio 2010) "Sotto la superficie di volgarità, sotto l'orrore per le scelte del padre e la tristezza per le chiusure del fratello maggiore (che s'è stufato, e come dargli torto?) s'intravede un uomo vero. Il Bene non fa mai storia, sembra banale: ma Baldo banale non lo è. Come Pupi, che banale non lo è mai. Qualche volta va troppo di fretta, dirige film alla velocità della luce, sembra quasi tirare via sulla recitazione. Ma non questa volta, assolutamente non questa volta. Basterebbe, per avere una controprova, soffermarsi sullo sguardo di De Sica, sui suoi tic, sui passaggi repentini dalla più aperta sguaiataggine al riaffiorare di un residuo di coscienza." (Luigi Paini, 'Il Sole 24 ore', 20 febbraio 2010)

Trova Cinema

Box office
dal 5 al 8 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica