Il camorrista1986

SCHEDA FILM

Il camorrista

Anno: 1986 Durata: 170 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:BIOGRAFICO, DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:35 MM - EASTMANCOLOR

Tratto da:liberamente tratto dal libro omonimo di Giuseppe Marrazzo

Produzione:TITANUS, ARLAC FILM (ROMA), RETE ITALIA (MILANO)

Distribuzione:TITANUS - CREAZIONI HOME VIDEO, MONDADORI VIDEO

TRAMA

Nel carcere di Poggioreale un recluso, il "Professore", comincia a farsi rispettare, sfidando un boss della camorra più anziano di lui. Egli costituisce già tra le mura del luogo di pena i quadri dell'esercito della futura camorra riformata. Preso ad un certo momento il posto del vecchio boss, che conduce vita comoda in una cella bene attrezzata, il "Professore", sempre aiutato dall'esterno dalla sorella Rosaria, esecutrice delle sue direttive e tesoriera della potente organizzazione, riesce ad evadere dal manicomio criminale in cui, dopo il processo, gli avvocati della difesa sono riusciti a farlo trasferire come infermo di mente. Per contro la sua mente funziona benissimo: egli riesce a partire per New York, a contattare il vertice di Cosa Nostra ed a farsi riconoscere come il capo indiscusso della nuova camorra. Ormai in Campania il "Professore" ha creato una potente e ramificata organizzazione, della quale - a parte gli innumerevoli delitti e le vittime - moltissimi riescono a beneficiare, ottenendo in cambio protezione, lavoro e denaro. Un commando viene una notte inviato nella villa del nuovo boss dai capi e capetti locali, rimasti ai margini di ogni attività e profitto. Alfredo Canale, un fedelissimo del "Professore", scopre però il piano dei nemici e, per salvare la vita del suo capo, ne svela alla Polizia il nascondiglio. E' la scelta del male minore, ma il "Professore" crede di essere stato tradito dal più fedele dei suoi e ne ordina l'esecuzione. Intanto a Napoli si scatena la Polizia, a seguito del sequestro di un assessore comunale ad opera delle Brigate Rosse e questo blocca ogni impresa e lucro della camorra. A causa degli aspetti politici del sequestro e dei vari risvolti che ne conseguono, alte personalità e gli stessi Servizi segreti verranno a patti con il "Professore" per salvare l'assessore e lasciare, al contempo, all'oscuro notizie e faccende, che è nell'interesse di gente potente e qualificata non far venire alla luce. Scoppiato un vero scandalo su scala nazionale, il "Professore", che nel frattempo ha fatto eseguire altri crimini, sarà trasferito su di un'isola in un carcere di massima sicurezza.

CRITICA

"Sarebbe ardito annoverare 'Il camorrista' tra i film d'autore, visto che è una saga di stereotipi, a cominciare dall'avvertenza iniziale che lo definisce un tentativo di affresco 'contro la violenza e la sopraffazione'. Ciononostante, l'esordio nel lungometraggio di Giuseppe Tornatore (che si fece le ossa con 'Cento giorni a Palermo' di Giuseppe Ferrara) non è trascurabile. Il ritratto del professore, nell'ordine psicologico e comportamentale, il suo ambiguo rapporto con la sorella, le trame che possono avere legato camorristi, servizi segreti, parlamentari, certi sinistri compromessi fra la malavita e le forze dell'ordine, tutto il sistema di favori e minacce che devasta il nostro tessuto sociale sono rappresentati con un piglio didascalico efficacemente popolare. Avendo per modello 'Il Padrino', ma provandosi a coniugare il cinema sociale alla Francesco Rosi e alla Damiani col melodramma, il giallo d'azione, l'avventuroso e il carcerario, Tornatore rivela già alla prima prova di saper confezionare uno spettacolo che magari come italiani ci lascia ancor più depressi ma ci coinvolge in quella spirale di barbarie. Alla quale conviene, proprio per il suo manierismo, persino l'interpretazione di Ben Gazzara, istrione d'alta scuola con al fianco una Laura Del Sol di doverosa durezza e caratteristi eccellenti fra cui primeggia Nicola Di Pinto nei panni del braccio destro del professore. Ben servito dalla fotografia di Blasco Giurato, dalle scenografie di Osvaldo Desideri, dalla musica di Nicola Piovani, 'Il camorrista' dura oltre due ore e mezzo, ma chi fosse ancora attratto dal mito del furfante ne aspetti la versione Tv. Avrà doppia dose, in cinque puntate." (Giovanni Grazzini, 'Il Corriere della Sera', 28 Novembre 1986) "Aiutato dalle musiche funzionali di Nicola Piovani, Tornatore traccia il suo affresco di sangue, violenza abominio con corposa evidenza, plastica suggestione e sagace ricorso agli stereotipi che ribadiscono un sistema di attese. C'è anche una colorita galleria di personaggi minori tra cui spicca il suo fido aiutante, interpretato da un ottimo Nicola Di Pinto. 'Il camorrista' non è fatto per piacere allo spettatore piccolo e medio borghese, che probabilmente lo giudica rozzo, inverosimile ed enfatico. Piacerà in alto e in basso, al pubblico della provincia e agli spettatori colti in grado di capire - il primo per istinto, i secondi per conoscenza - quanto sia vicino alla realtà questo - melodramma romanzesco. Non è escluso che troverà il suo vero successo quando sarà messo in onda da Canale 5 nell'edizione di cinque ore." (Morando Morandini, 'Il Giorno', 1 Dicembre 1986) "Il film di Tornatore è tutto qui, in questa storia drammatica, difficile, tormentata, che ha segnato in modo indelebile la vita di una città martoriata come Napoli, col suo hinterland (omicidi, traffici illeciti, carceri, terrorismo, disoccupazione, processi, droga) con i suoi personaggi che conducono - inevitabilmente - alla figura di Cutolo, il boss di Ottaviano ('o professore vesuviano') un po' mitizzato, quasi alla stregua di un vero e proprio padrino, di coppoliana memoria. Narrato con un certo ritmo e non privo di scene ed elementi spettacolari, il film di Tornatore mostra però la corda nel disegno troppo rozzo ed enfatizzato dei personaggi, nelle scene di cruda ed efferata violenza, nelle conclusioni pessimistiche, amare su un fenomeno endemico, che ha radici difficilmente sradicabili, a detta del regista. Intensa e vigorosa, nei panni del boss camorrista, l'interpretazione di Ben Gazzarra, mentre Laura Del Sol è la sorella Rosaria. Da citare, tra gli altri, le prove di Leo Gullotta, Lino Troisi, Nicola Di Pinto." ('Il Tempo', 28 Settembre 1986)

Trova Cinema

Box office
dal 16 al 19 novembre

Incasso in euro

  1. 1. The Place  13.672.032
    The Place

    Un misterioso uomo siede sempre allo stesso tavolo di un ristorante, pronto a esaudire i più grandi desideri di otto visitatori, in cambio di compiti da svolgere. Quanto saranno disposti a spingersi oltre i protagonisti per...

  2. 2. Paddington 2  1.018.935
  3. 3. Auguri per la tua morte  987.555
  4. 4. Borg McEnroe  820.257
  5. 5. Thor: Ragnarök  791.825
  6. 6. Capitan Mutanda - Il film  510.838
  7. 7. La ragazza nella nebbia  460.293
  8. 8. Addio fottuti musi verdi  453.603
  9. 9. Saw: Legacy  417.528
  10. 10. Geostorm  316.848

Tutta la classifica