I giorni dell'abbandono2005

SCHEDA FILM

I giorni dell'abbandono

Anno: 2005 Durata: 96 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Roberto Faenza

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:ispirato al romanzo omonimo di Elena Ferrante

Produzione:ELDA FERRI PER JEAN VIGO ITALIA, MEDUSA FILM

Distribuzione:MEDUSA

ATTORI

Margherita Buy nel ruolo di Olga
Luca Zingaretti nel ruolo di Mario
Goran Bregovic nel ruolo di Damian
Alessia Goria nel ruolo di Poverella
Gea Lionello nel ruolo di Lea
Gaia Bermani Amaral nel ruolo di Carla
Simone Della Croce nel ruolo di Gianni
Sara Santostasi nel ruolo di Ilaria
Fausto Maria Sciarappa nel ruolo di Franco
 

SOGGETTO

Ferrante, Elena
 

MUSICHE

Bregovic, Goran
 

MONTAGGIO

Fiocchi, Massimo
 

SCENOGRAFIA

Bassan, Davide
 

COSTUMISTA

Lettieri, Alfonsina
 

TRAMA

Olga ha 35 anni e due figli. Quando suo marito Mario l'abbandona, lei perde completamente la fiducia in se stessa e si lascia andare tanto che non si cura più nemmeno dei figli. Uno spiraglio di felicità e speranza arriva grazie ad una sofferta autoanalisi e ad una serie di incontri, tra cui quello con un musicista vicino di casa...

CRITICA

"Si può detestare un romanzo e apprezzarne la versione cinematografica? Me lo sono chiesto di continuo durante la prima mezz'ora di 'I giorni dell'abbandono', quando mi pareva che il regista Roberto Faenza e i suoi appassionati interpreti stessero dando smalto e consistenza alle pagine di Elena Ferrante. (...) Bisogna dire che Margherita Buy e Luca Zingaretti sono eccezionalmente bravi, lui quanto lei anche se ha meno spazio: e i loro scontri danno luogo a scene da manuale di recitazione. Curiosa è poi la scelta di Goran Bregovic per il vicino di casa che tirerà fuori Olga dalla disperazione. Purtroppo il film, andando avanti, inciampa in tutti i difetti del libro, che sono quelli tipici della sonata su una corda sola; e nel finale c'è addirittura, al di là della Ferrante, uno sconfinamento fiabesco, con il musicista serbo in frac immacolato che si esibisce come violoncellista riuscendo a far riapparire il sorriso sul volto immusonito della povera Olga. Per soprammercato assistiamo alla resurrezione del cane Otto, la cui morte è stata uno dei tanti incidenti del film, che attraversa festoso il palcoscenico del concerto. Si sono messi in sette per scrivere la sceneggiatura, ma forse era meglio lasciare qualcuno a casa. O scegliere un altro libro." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 7 settembre 2005) "'I giorni dell'abbandono' sembra uno spettacolo tagliato sullo spettatore del venerdì sera, una variazione sul tema dell'amore e disamore coniugati con qualche merito non trascurabile e qualche stridente nota stonata. Siamo, per intenderci, nei paraggi di 'Non ti muovere', uno dei titoli di maggior successo degli ultimi anni, ma per fortuna senza il sovraccarico di simbolismi d'accatto e rovelli da posta del cuore che ci hanno reso l'hit di Mazzantini & Castellitto altamente molesto. (...) Abbastanza contenuti e intonati appaiono anche i personaggi maschili, anche se il racconto non decolla mai veramente e, anzi, rischia qua e là d'inciampare nei soliti handicap del nostro cinema medio. Per esempio, il corollario delle spettrali apparizioni di una barbona, che assomiglia alla protagonista di una favola amata e temuta dalla Buy nell'infanzia, non serve allo spettatore per sentirsi più intelligente, certe uscite oniriche (come la corsetta scondinzolante dell'amato cane defunto o il gesto di Bregovic che accende un motivo ballabile dal niente) avviliscono la sobrietà dell'insieme e il finale, nonostante sia desunto pari pari dalle pagine della Ferrante, risulta davvero smunto e sbrigativo. A Faenza va, insomma, riconosciuta la fluidità narrativa, un risultato per nulla scontato date le premesse; ma non sapremmo dire se un autore tanto austero e impegnato si accontenterà di avere appena sfiorato una problematica femminile così complessa e di avere sottratto al dramma il suo cuore nero rendendolo in qualche modo consumabile da un pubblico indifferente." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 7 settembre 2005) "Che epoca racconta 'I giorni dell'abbandono' di Roberto Faenza? La storia, tratta dal romanzo omonimo di Elena Ferrante, è bella e senza tempo. (...) Fra i tanti sguardi possibili per fare il ritratto di questa donna, Faenza sceglie quello fenomenologico, il più arduo. Scruta impassibile i comportamenti di Margherita Buy e Luca Zingaretti (bravissimi entrambi, come sempre). Registra con cura le formule di rito di lui e i lapsus, gli sbandamenti, gli accessi di rabbia di lei. La osserva andare alla deriva, seguire strane ossessioni, tenersi tutto dentro per poi esplodere, da brava borghese educata. Anche con la madre ignara che la bombarda di videotelefonate. Anche col vicino così gentile che la ama in silenzio (il musicista Goran Bregovic, deus ex machina del film e autore della colonna sonora). Fino alla catarsi finale, catarsi incrinata da un dubbio che le immagini però non sostengono. Perché a forza di freddezza, di oggettività, di distacco, non riusciamo a entrare davvero nel corpo e nella mente di questa donna così educata (anzi repressa) da sembrare anacronistica. Ma in fondo è tutto il film, come tanto cinema italiano di oggi, a risultare estraneo, diverso, distante dal mondo in cui viviamo. Troppo patinato, troppo pulito nelle immagini e nelle parole per credergli. E poco importa se una delle ossessioni della Buy è proprio lo sporco, il problema è che questo sporco nel film, come dire, non sembra mai sporco davvero. Il solito problema, a ben vedere. Il nostro cinema ha così paura della realtà che la tiene lontana, la congela, la depura. Non è un bel segnale." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 7 settembre 2005) "Ma è capace questo bravo regista di far vibrare le corde profonde dei sentimenti? La primissima e viziata reazione, per chi abbia letto l'aspro romanzo di Elena Ferrante, è di delusione: il film non restituisce la tensione compatta e soffocante, la disperazione e il naufragio della moglie abbandonata, della madre che smarrisce amore e senso di responsabilità, della donna che perde contatto con il mondo e con il proprio equilibrio. Il peso della difficile impresa è sulle spalle di Margherita Buy: la sua protagonista è in realtà una solista. C'era aspettativa per l'importante opportunità. Ammettiamo che nella fossa dei leoni i 'tiratori scelti' sui film nazionali fanno parte di una deplorevole fisiologia. Ma come mai una Susan Sarandon o una Isabelle Huppert risultano più convincenti? Non è una sentenza ma un dubbio sommesso. E rispettoso: di un'attrice stimata e di un film che, ha ragione Faenza, 'parla di cose che la gente sente'." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 7 settembre 2005)

Trova Cinema

Box office
dal 5 al 8 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Frozen 2 - Il segreto di Arendelle  6.899.794
    Frozen 2 - Il segreto di Arendelle

    La Regina Elsa e la principessa Anna si spingeranno ancora oltre i confini del loro regno per scoprire qualcosa tenuto a lungo nascosto....

  2. 2. Un giorno di pioggia a New York  1.240.439
  3. 3. Cetto c'è, senzadubbiamente  1.115.564
  4. 4. L'ufficiale e la spia  721.370
  5. 5. Midway  576.769
  6. 7. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  224.251
  7. 8. Parasite  141.341
  8. 9. Il Peccato  136.808
  9. 10. Countdown  132.262

Tutta la classifica