I fratelli McMullen1996

SCHEDA FILM

I fratelli McMullen

Anno: 1996 Durata: 95 Origine: USA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:EDWARD BURNS E DICK FISHER PER BROTHERS MCMULLEN PRODUCTIONS, MARLBORO ROAD GANG PRODUCTIONS, VIDEOGRAPHY PRODUCTIONS

Distribuzione:ARTISTI ASSOCIATI - 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT

TRAMA

Tre fratelli irlandesi, trapiantati a New York, alle prese con l'educazione tradizionale e la ricerca del vero amore. Il primo dei tre è romantico e cattolico, il secondo sfugge ai legami impegnativi, il terzo desidera una concreta e duratura relazione. E con le donne hanno difficoltà. Gran Premio della Giuria al Sundance film Festival.

CRITICA

"Un eccesso di happy end, ma già l'ipotesi del racconto, che in famiglia si parli tanto e volentieri degli affari più privati, è ottimista, il contrappasso è nei traumi di violenza che il padre lascia in eredità. Onore al giovane regista Burns, per certi versi un Woody Allen 'made in Irlanda', che si adopera per un cinema che parli e non che scoppi in aria, dove qualche banalità viene sciolta in una piacevole, logorroica, spiritosa cronaca familiare a tre, in cui il fascino del maschio irlandese mostra tre possibili sfaccettature. E dove si parla dell'indissolubilità del matrimonio (in Irlanda il divorzio è da poco lecito) ma anche dello stufato con i cavoli, si beve birra e si cita l'Inferno, come punizione diretta al peccato carnale. Attori bravi e particolarmente affiatati servono con amore un copione attento a non sbavare nella retorica". (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 21 settembre 1996). "A scrivere e dirigere questo fermo posta del cuore maschile all'antica irlandese è stato l'esordiente Edward Burns che lo interpreta nel ruolo di Barry. Premiato al Sundance '95 e ben accolto dalla critica americana 'I fratelli McMullen' parte da un'esperienza personale. Tuttavia in un contesto di attori mediocri, compreso Burns che ha una bella faccia ma non è granché espressivo, i personaggi non decollano i dialoghi risultano ripetitivi e la regia piatta. Restano l'affettuosità del tono e la simpatia". (Alessandra Levatesi, 'La Stampa', 24 settembre 1996).

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica