Half Light2006

SCHEDA FILM

Half Light

Anno: 2006 Durata: 110 Origine: GERMANIA Colore: C

Genere:ROMANTICO, THRILLER

Regia:Craig Rosenberg

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:LAKESHORE ENTERTAINMENT, VIP 3 MEDIENFONDS

Distribuzione:UIP

ATTORI

Demi Moore nel ruolo di Rachel Carlson
Hans Matheson nel ruolo di Angus
Henry Ian Cusick nel ruolo di Brian Forester
Kate Isitt nel ruolo di Sharon
James Cosmo nel ruolo di Finlay
Therese Bradley nel ruolo di Morag
Joanna Hole nel ruolo di Mary Murray
Beans El-Balawi nel ruolo di Thomas Carlson
Michael Wilson (II) nel ruolo di McMahon
Polly Frame
 

SOGGETTO

Rosenberg, Craig
 

SCENEGGIATORE

Rosenberg, Craig
 
 

SCENOGRAFIA

Taylor, Don
 

COSTUMISTA

Myers, Ruth

TRAMA

La vita di Rachel Carlson, scrittrice di romanzi 'mistery' di successo, è sconvolta dalla tragica morte per annegamento di suo figlio Thomas, di soli sette anni. Dal momento della tragedia Rachel perde la sua vena creativa e non riesce a scrivere il romanzo per cui ha già ricevuto un cospicuo assegno. Anche il suo matrimonio è franato ed ora la donna deve tentare di ritrovare un po' della serenità perduta. Accetta così l'offerta di una sua cara amica che affitta per lei un cottage in un piccolo e isolato villaggio di pescatori nelle Highlands scozzesi. Tuttavia, quello che doveva essere un rilassato soggiorno per recuperare tranquillità e concentrazione si trasforma per Rachel in un incubo che la porta a temere per la sua vita e la sua sanità mentale...

CRITICA

"Prima c'era una sola Moore: Demi. Ora ce n'è un'altra: Mandy. La seconda è un talento di ventidue anni strepitosa sia in 'Romance & Cigarettes' che in 'American Dreamz'. Diventerà una grande star. (...) Non ci stupiamo quindi di trovarla in una pellicola di fantasmi mediocre come 'Half Light' di Craig Rosenberg. Dopo un inizio promettente in cui l'ex moglie di Bruce Willis è una scrittrice alla Stephen King che perde il figlio in un incidente (bello il montaggio che profetizza la tragedia), la pellicola di Rosenberg crolla alla distanza. Dopo la morte del figlio la scrittrice si rifugia in un'isola scozzese. Qui diventerà protagonista di una trama gialla fin troppo prevedibile che coinvolgerà un misterioso guardiano di un faro, un'amica rancorosa e un ex marito apatico. L'elemento più interessante di 'Half Light' è constatare che a sette anni dalla sua uscita 'Il sesto senso' di Shyamalan continua ad essere copiato senza vergogna. Demi Moore? Pessima. Puntate tutto su Mandy." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 16 giugno 2006) "Cita sequenze del 'Pupazzo del ventriloquo', episodio di 'Dead of night' e parecchi altri classici del mystery il film di Craig Rosenberg. Però sarebbe difficile collocarlo rispetto alla definizione del 'fantastico' di Todorov: da una parte sembra filtrare col soprannaturale, poi ti dà una spiegazione razionale, infine torna a infilarci l'elemento ultraterreno. Le intenzioni, comunque, sono migliori del previsto. 'Half Light' ambisce a creare un'atmosfera, facendoti identificare con la vertigine che s'impadronisce della sua eroina. Molto tempo, però, è passato dalla 'Casa sulla scogliera' e film analoghi, dove la suspense contava più dell'azione. Così, verso l'epilogo, Rosenberg si sente in dovere di offrirci emozioni più dirette e incappa in un finale un po' ovvio, con botte e spargimento di sangue." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 16 giugno 2006) "Estate horror-paranormale. La inaugura, in un film di manichini, una sciatta Demi Moore, al suo ritorno, in una parte scomoda: la madre che ha appena perso il piccino annegato e si esilia dal mondo cercando di scrivere storie mistery. (...) San Hitchcock proteggici e proteggili tu, la situazione è nota al cinema gotico e il regista Craig Rosenberg, lettore di «giri di vite» e sceneggiatore di Spielberg, prepara un colpo thriller-romantico che va in tilt perché prevedibile e privo di una vera tensione interna. I paesaggi selvaggi delle Highlands scozzesi fanno da scenario suggestivo e Hans Matheson è un guardiano del faro che porta l'ospite in una dimensione di annunciata, visionaria follia che non ci contagia gran che." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 17 giugno 2006)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica