SCHEDA FILM

HABITAT - NON ENTRATE

Anno: 1996 Durata: 103 Origine: CANADA Colore: C

Genere:FANTASY

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:CLAUDE LEGER, PIETER KROONENBURG.

Distribuzione:I.I.F. - MONACO INTERNATIONAL GROUP

TRAMA

Hank Symes, brillante microbiologo, vuole a tutti i costi trovare un modo per salvare la Terra dallo strato di ozono sempre più incombente. Alla fine di uno dei tanti esperimenti mirati a trasformare la Terra in un giardino dell'Eden, la casa di Symes diventa una specie di palude e lui stesso subisce una metamorfosi. Il figlio diciassettenne Andreas, schernito dai suoi coetanei per le stranezze dei genitori, diventa però il bersaglio di scherzi ancora più feroci in seguito alla trasformazione della casa e alla improvvisa scomparsa del padre. Proprio la casa nel frattempo prende vita, scossa dallo spirito di Hank. Un giorno il fidanzato di Deborah, un'amica di Andreas, viene preso dalla gelosia e cerca di vendicarsi su ciò che resta della casa di Andreas. Gli abitanti della città si rivolgono ad una squadra di sterminatori per liberarsi di quella trappola melmosa in mezzo alla quale crescono materie allucinogene e altre mostruosità. In una resa dei conti finale, il fantasma di Hank si materializza e inghiotte tutti, tranne Andreas e Deborah che diventano i sopravvissuti per una nuova vita sulla Terra.

CRITICA

"La bellezza di 'Habitat' è la medesima di una discarica o del contenuto di una pattumiera. Per definire la caratura estetica di questa favola fanta-ecologistica insomma, non vengono in mente che esempi di brutture antiecologiche. Totalmente girato in studio, esterni prelevati da scartini di repertorio, trasparenti che di trasparente hanno solo la loro evidenza; poi il primato della segatura, l'esaltazione del modellino 'fai da te', la gloria del truciolato e del polistirolo che adornano dialoghi con licenza di uccidere il buon senso e un'assortita combriccola di attori, i quali probabilmente pensano che Stanislawskij sia una marca di vodka. Disperate dunque! Perché non si tratta neanche, come si potrebbe pensare, di un film che sfiora il sublime che talvolta il trash movie contempla (persino John Waters si offenderebbe del paragone), ma solo di un film girato da René Daalder con i piedi, quelli di qualcun altro, e che come certe catastrofi non si può raccontare, ma soltanto vivere ed essere felici di esserne usciti". (Francesco Lalli, 'Film')

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica