Lo stravagante mondo di Greenberg2010

SCHEDA FILM

Lo stravagante mondo di Greenberg

Anno: 2010 Durata: 106 Origine: USA Colore: C

Genere:COMMEDIA, DRAMMATICO

Regia:Noah Baumbach

Specifiche tecniche:35 MM (1:1.85)

Tratto da:-

Produzione:SCOTT RUDIN E JENNIFER JASON LEIGH PER SCOTT RUDIN PRODUCTIONS

Distribuzione:BIM (2011)

ATTORI

Ben Stiller nel ruolo di Roger Greenberg
Greta Gerwig nel ruolo di Florence Marr
Jennifer Jason Leigh nel ruolo di Beth
Rhys Ifans nel ruolo di Ivan Schrank
Chris Messina nel ruolo di Phillip Greenberg
Brie Larson nel ruolo di Sara
Juno Temple nel ruolo di Muriel
Susan Traylor nel ruolo di Carol Greenberg
Koby Rouviere nel ruolo di Bambino Greenberg
Sydney Rouviere nel ruolo di Bambina Greenberg
Merritt Wever nel ruolo di Gina
Zach Chassler nel ruolo di Marlon
Mina Badie nel ruolo di Peggy
Blair Tefkin nel ruolo di Megan
Charlotte Vida Silverman nel ruolo di Figlia dei Beller
Jake Paltrow nel ruolo di Johno
Mark Duplass nel ruolo di Eric Beller
 

SCENEGGIATORE

Baumbach, Noah
 

MUSICHE

Murhpy, James
 

MONTAGGIO

Streeto, Tim
 

SCENOGRAFIA

Wheeler, Ford
 

COSTUMISTA

Bridges, Mark

TRAMA

Los Angeles. Florence Marr sogna una carriera come cantante, ma per ora si deve accontentare di soddisfare i bisogni della facoltosa famiglia Greenberg, per i quali lavora come assistente personale. Quando i Greenberg partono per un viaggio all'estero, la loro bella villa sulle colline di Hollywood viene lasciata nelle mani di Phillip Greenberg, fratello del capofamiglia Roger, rientrato in città dopo un lungo periodo passato a New York. Philip, che si è preso l'incarico di fare compagnia al cane Mahler mentre la famiglia è via, ha 40 anni ed è single, ha tentato la carriera di musicista ma è finito a fare il carpentiere. Ora sta cercando di rimettere a posto la sua vita e vorrebbe ristabilire i contatti con i vecchi amici e la sua ex ragazza, ma tutti sembrano ormai aver trovato la propria strada e non gli sono di grande aiuto. Una mano insperata gli verrà tesa da Florence, che non lo aiuterà solo a orientarsi in una città che gli è ormai quasi sconosciuta e ad accudire Mahler, ma anche a ritrovare stimoli da tempo sopiti...

CRITICA

"Un po' di delusione anche per 'Greenberg' di Noah Baumbach, ritratto sfilacciato e malinconico di un nevrotico «non integrato» interpretato da Ben Stiller. Anche in questo film si ritrovano alcune delle caratteristiche che avevano fatto la forza del film precedente, 'Il calamaro e la balena', come l'abilità nei dialoghi e l'attenzione per i particolari secondari. Ma la storia di questo quarantenne infelice e insicuro, che non riesce ad adattarsi al superficiale edonismo losangelino ma non sa nemmeno quello che vuole davvero, specie nei rapporti con l'indifesa Florence (Greta Gerwig), finisce per girare a vuoto, troppo debitore di un protagonista che sembra compiaciuto della propria recitazione da pseudo Actor's Studio." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della sera', 15 febbraio 2010) "Baumbach, regista vicino all'Oscar nel 2005 per 'II calamaro e la balena', scrive e dirige personaggi da Lewis Caroll inserendoli in un contesto iperrealista: e in questo nasce il simpatico stridore tra la coppia di svitati e il mondo della ragione. Ma attenzione, chi si aspetta eventi epocali rimarrà deluso: 'Lo stravagante mondo di Greenberg' è tale perché in esso nulla, o quasi, accade. Vuoti a rendere di un già visto tragicomico? Forse. Ma Stiller si difende e vale una mezza serata" (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 7 aprile 2011) "Quando, negli anni Settanta, al cinema americano di Ashby, Rafelson, Mazursky stavano a cuore i problemi degli uomini, soprattutto quelli detti sottovoce, si facevano molti film come 'Lo stravagante mondo di Greenberg', che oggi pare un oggetto misterioso diretto da Noah Baumbach, il bravo regista del 'Calamaro e la balena' in complicità coniugale con Jennifer Jason Leigh che recita e co-produce. (...) Ogni tanto la storia si arrotola e spesso è la colonna sonora di James Murphy che la salva; bisogna affidarsi alle onde concentriche che il personaggio sa emanare da una psicologia contorta ma che tutti conosciamo bene e dove a nessuna domanda viene data risposta. Perché è in sintonia con la grande letteratura nuovayorkese di Bellow, Yates, Updike, Mala-mud, Roth (con qualche sconto sul sesso), coi lamenti di Portnoy e altri, aggiornati ai malesseri quotidiani. Se non sempre, spesso il film centra l'invisibile, fastidioso rumore che sta nella testa di Stiller, allertando il clima non soltanto geografico e il malumore senza ragione condiviso dalla brava Greta Gerwig, star del cinema intimista. Una parola per un bel cane lupo anche lui infelice e malato al sistema immunitario: ci sarà una ragione se una volta i cagnoni dei film si chiamavano Beethoven ed ora di nome fanno Mahler." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 8 aprile 2011) "Viene da New York, è in piena crisi depressiva e ha qualche problema con le donne. Ma Woody Allen non c'entra: a differenza dell'ossessivo e sarcastico cantore delle nevrosi di Manhattan, Roger Greenberg non ricama aforismi attorno ai propri vuoti esistenziali né cerca di compensare con I'iperattivismo verbale e sessuale le proprie sindromi di inadeguatezza. Al contrario - taciturno laconico e finanche un poco abulico - Greenberg è il prototipo del 40enne smarrito e svuotato. E visto che a prestargli il volto è lo stesso Ben Stiller che nelle commedie dei fratelli Farrelly ('Tutti pazzi per Mary', 'Lo spaccacuori') celebra i rigurgiti neogoliardici e spermatici di una generazione di freak che fingono di essere evergreen, potremmo dire che il personaggio cucitogli addosso in questo film rappresenta forse l'altra faccia - quella oscura, nascosta, sformata - della medesima generazione. Ed è davvero bravo, Stiller, a offrire la geometria non euclidea del suo volto 'anomalo' e burattinesco a un personaggio che non vuole generare il riso bensì - questa volta - lo smarrimento e lo stupore. (...) Questa incapacità di adattarsi, e di crescere. Chi ama il cinema indie pop, quello alla 'Juno', troverà questo 'Lo stravagante mondo di Greenberg' praticamente perfetto. Perché dentro c'è un po' di Salinger e un po' di Saul Bellow. C'è il cinema anni '70 di Robert Altman, di Hal Ashby e di John Cassavetes. C'è la capacità di fare cinema a fior di pelle, senza esibiti virtuosismi tecnici, ma con una sensibilità - come dire - quasi tattile nel captare e palpare e accarezzare i sussulti e i vuoti dei personaggi. Ci sono alcune situazioni, nel film, in cui i protagonisti - seduti l'uno accanto all'altro - credono di dialogare. In realtà, il loro dialogo è un incrocio di monologhi alternati. Non conoscono altra forma di comunicazione che il soliloquio." (Gianni Canova, 'Il Fatto Quotidiano', 8 aprile 2011) "Quando un comico decide che è ora di esser preso sul serio, spesso cade in film melodrammatici. Se ha più fortuna, o più occhio, gli capita qualcosa che fa ridere e piangere insieme come lo straordinario 'Greenberg', così sottile e fuori schema che in Italia è diventato, didatticamente, 'Lo stravagante mondo di Greenberg''. Quasi che per capire le nevrosi e le angosce del personaggio si dovesse tenere una distanza di sicurezza. (...) Un film-terapia insomma, che piacerà da matti a chi riconosce nei protagonisti qualcosa di sé - e forse lascerà indifferenti gli altri." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 8 aprile 2011) "La verità è che questo Roger egocentrico e fallimentare, delle stimmate del californiano non ha nulla: è un classico prodotto ebraico della grande Mela proprio come Stiller, che ottimamente lo incarna; e come Baumbach, autore di un raffinato girotondo che ai quarantenni odierni le nevrosi e le idiosincrasie di Woody Allen negli anni '70. Elusivo, divertente, malinconico." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 8 aprile 2011) "E' il colmo rimpiangere l'osceno 'Vi presento i nostri', recentissima commediaccia goliardica con un impresentabile De Niro. Che aveva però il pregio di non prendersi sul serio e di far a tratti sbellicare, con le sue facezie pierinesche, le platee di bocca buona. In 'Lo stravagante mondo di Greenberg' riappare lo stesso protagonista, Ben Stiller, improvvisamente (e incautamente) riciclato da guitto. Peccato che il film, una commedia sentimentale con tendenza a piangersi addosso, scritto e diretto dal seminoto Noah Baumbach, sia insopportabilmente pretenzioso, oltre che di indicibile tedio." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 8 aprile 2011) "Spiacerà a coloro che prediligono Ben Stiller quando fa il buffone nevrotico in 'Ti presento i miei' e non lo gradiscono troppo in edizione semiseria." (Giorgio Carbone, 'Libero', 8 aprile 2011)

Trova Cinema

Box office
dal 14 al 17 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica