GRAZIE DI TUTTO1998

SCHEDA FILM

GRAZIE DI TUTTO

Anno: 1998 Durata: 95 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:GRAZIA VOLPI E CLAUDIO GRASSETTI PER LA FILMTRE IN COLLABORAZIONE CON LA RAI

Distribuzione:ISTITUTO LUCE - BMG VIDEO.

TRAMA

Pier Paolo e Francesca Pacifico, una coppia sui 35 anni senza figli, vivono qualche crisi nel loro rapporto. Alla ricerca di un nuovo equilibrio, lui, scrittore di gialli egoista, e lei, disoccupata benestante e altruista, decidono di abbandonare Roma e di provare almeno per un certo periodo a vivere nella campagna toscana. In una fattoria vicina alla loro, conoscono Guido e Marta, due allevatori che hanno un grande cruccio: il loro unico figlio, Lorenzo, fa il medico in Africa, non lo vedono da anni e non possono nemmeno pensare di raggiungerlo perché bloccati dalla presenza degli anziani genitori di Guido, Pietro e Bianca, bisognosi di continue cure e attenzioni. Ma un giorno Francesca ha un idea. Invita i due coniugi a partire, lei e il marito si prenderanno cura dei due vecchietti, tanto, dice, si tratta solo di una quindicina di giorni. Pier Paolo è in realtà atterrito dalla prospettiva e, quando la convivenza comincia, non pochi fatti cominciano a dargli ragione. Tenere a bada i due anziani non è per niente agevole, lei è un po' smemorata, persa in lontani ricordi, lui vive un rapporto conflittuale con un fratello che è in carcere su un'isola. Le cose si complicano quando arriva la notizia che Guido e Marta sono rimasti vittime in Africa di una banda di predoni. La notizia viene taciuta, e la vita tra la coppia giovane e quella anziana va avanti tra mille contraddizioni. Un giorno arriva dall'Africa Ludovico, che vorrebbe riprendersi i nonni. Ma Francesca dice che ormai possono restare lì con loro. Anche Pier Paolo ora è d'accordo e guarda Francesca, che nel frattempo è rimasta incinta. La coppia anziana decide di andare sull'isola a trovare il fratello di lui.

CRITICA

"Discreta commedia social-sentimentale del figlio d'arte Luca Manfredi, che ha riunito moglie e suocero, per raccontare in bello stile e con accarezzati chiaroscuri psicologici le nevrosi dei fragili quarantenni d'oggidì. Nell'eccellente squadra di attori, davvero inusuale per il cinema italiano, meritano il podio Nino Manfredi, Giulia Lazzarini e Massimo Ghini". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 30 luglio 2001) "Purtroppo il film, diretto da Luca Manfredi, figlio di Nino, è fragilino: labile come scrittura, poco stimolante nella ripresa Il quartetto di centro risulta tuttavia vincente sul piano della simpatia per ciò che riguarda la coppia giovane e addirittura memorabile nel ritratto dei due anziani. Accanto a un Nino Manfredi grande soprattutto quando sbevacchia di nascosto, Giulia Lazzarini appare addirittura miracolosa quando all'improvviso si scopre vecchia davanti allo specchio: come ha fatto finora il cinema a non accorgersi di lei?". (Tullio Kezich, 'Il Corriere della Sera', 18 aprile 1998) "L'esordio alla regia di Luca Manfredi è amorevolmente sostenuto al padre Nino nel molo d'un anziano carabiniere motociclista in pensione scorbutico e solitario che ha una moglie diabetica un po' svanita. (...) Finale buonista e consolatorio per un film girato con grazioso disponibilità forse un po' troppo televisivo ed eccessivamente 'telefonato' sull'interpretazione degli attori che fanno un buon lavoro sui personaggi: e se Manfredi senior è misuratissimo in un molo che avrebbe potuto farlo sbandare, la vera rivelazione è Giulia Lazzarini, raffinata attrice di teatro che esordisce alla grande nel cinema, regalandoci un ritratto tenero, malinconico e commovente". (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 23 aprile 1998) "Malgrado i risvolti drammatici, 'Grazie di tutto' ha l'aspetto di una sit-com televisiva e pare il 'pilota' di una serie a puntate sui rapporti tra le generazioni, realizzata con un cast più accurato del solito. Sceneggiatore e regista di buona esperienza tv, Luca Manfredi gioca in casa: nel cast ci sono papà Nino e Nancy, sua futura moglie, il film è prodotto in collaborazione con a Rai e con Telepiù. ?? sempre un'iniziativa onorevole occuparsi della terza Età, in questa Italia a crescita zero dove gli anziani diventano sempre più numerosi e - agli occhi di molti - sempre più ingombranti. Però bisogna ammettere che in 'Grazie di tutto', malgrado Manfredi senior e una straordinaria Lazzarini, la comprensione per le pantere grigie non vanno oltre l'amabile macchietta del nonnino bizzoso e della Donnina nel Paese delle Meraviglie. (...) Resta l'impressione che un'oncia di cattiveria avrebbe irrobustito il film". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 19 aprile 1998)

Trova Cinema

Box office
dal 11 al 14 luglio

Incasso in euro

  1. 1. Arrivederci professore  515.484
    Arrivederci professore

    Quando Richard, professore universitario di mezz'età, scopre di avere un cancro allo stadio terminale, decide di rivoluzionare la sua vita e godersi a pieno il tempo che gli rimane. La sua complicata relazione sentimentale ...

  2. 2. Pets 2 - Vita Da Animali  478.576
  3. 3. Aladdin  370.377
  4. 4. La Bambola Assassina  302.746
  5. 5. X-Men: Dark Phoenix  283.069
  6. 6. Il traditore  145.432
  7. 7. I morti non muoiono  137.394
  8. 8. Rapina a Stoccolma  95.631
  9. 9. Godzilla 2  91.006
  10. 10. Il grande salto  54.683

Tutta la classifica