Gold - La grande truffa2016

SCHEDA FILM

Gold - La grande truffa

Anno: 2016 Durata: 121 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Michael Mann|Stephen Gaghan

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:TEDDY SCHWARZMAN, MICHAEL NOZIK, MATTHEW MCCONAUGHEY, PATRICK MASSETT, JOHN ZINMAN PER BLACK BEAR PICTURES, HIGHWAY 61 FILMS, LIVING FILMS

Distribuzione:EAGLE PICTURES/LEONE FILM GROUP (2017)

ATTORI

Matthew McConaughey nel ruolo di Kenny Wells
Édgar Ramírez nel ruolo di Michael Acosta
Bryce Dallas Howard nel ruolo di Kaylene
Macon Blair nel ruolo di Connie Wright
Adam LeFevre nel ruolo di Bobby Burns
Frank Wood nel ruolo di Scottie Nevins
Corey Stoll nel ruolo di Brian Woolf
Toby Kebbell nel ruolo di Paul Jennings
Joshua Harto nel ruolo di Lloyd Stanton
Timothy Simons nel ruolo di Jeff Jackson
Michael Landes nel ruolo di Glen Binkert
Bruce Greenwood nel ruolo di Mark Hancock
Stacy Keach nel ruolo di Clive Coleman
Bill Camp nel ruolo di Hollis Dresher
Rachael Taylor nel ruolo di Rachel Hill
Bhavesh Patel nel ruolo di Owens
Craig T. Nelson nel ruolo di Kenny Wells
Kristen Rakes nel ruolo di Carissa
Dylan Kenin nel ruolo di Levine
Matthew Page nel ruolo di Hart Hubbard
Stafford Douglas nel ruolo di Henry Andrews
John Pirkis nel ruolo di Lewis Horne
Lionel Archuleta nel ruolo di Luis Bungalon
William Sterchi nel ruolo di Walt Kealer
Ben Whitehair nel ruolo di Banks
Everette Scott Ortiz nel ruolo di Howard
Joanne Camp nel ruolo di Bev
Jackamoe Buzzell nel ruolo di Carl
Lora Martinez-Cunningham nel ruolo di Donna
 
 

MONTAGGIO

Crise, Douglas
 

SCENOGRAFIA

Djurkovic, Maria
 

COSTUMISTA

Glicker, Danny

TRAMA

Kenny Wells è un uomo d'affari alla perenne ricerca del colpo milionario. Grazie al geologo Michael Acosta si imbatte in una vera e propria "montagna di soldi", una delle più grandi e prolifiche miniere d'oro nell'inesplorata giungla indonesiana. Sfacciatamente ricco, senza freni e ancor più avido di denaro, Wells proverà a prendere di petto Wall Street, imparando presto che non è tutto oro quel che luccica...

CRITICA

"Di fattura molto classica, incline a dare più spazio alle parole che all'azione, il film si fa apprezzare soprattutto per le interpretazioni: non solo per quella di McConaughey, obeso bevitore e fumatore compulsivo abitato fino nelle midolla dal suo sogno di gloria, ma anche per la performance del venezuelano Edgar Ramírez, noto per il ruolo del terrorista Carlos nell'omonima miniserie televisiva. I due danno vita a un'amicizia ambigua e interessante, i cui risvolti avrebbero meritato un maggiore approfondimento." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 4 maggio 2017) "II problema principale di Gold' è che non si capisce che tipo di film vuole essere. Ispirato a una storia vera - elaborata con molta libertà, si direbbe - racconta di una avventurosa caccia all'oro attraverso un personaggio che è il contrario di un avventuriero classico. (...) Arpeggiando sulle note grottesche del suo repertorio, McConaughey ricorda un po' l'imbroglione incarnato da Christian Bale in 'American Hustle', salvo che quella era una commedia al vetriolo e spiritosa, seppur piena di risvolti amari. Questa invece non è una figura di truffatore; è semmai un truffato, un perdente ossessionato dall'idea di trovare l'oro, e non per meri motivi di denaro, ma perché persegue un sogno, tutto americano. Cosicché il personaggio più che divertente risulta patetico e il risarcimento a sorpresa del finale arriva tardivo e poco credibile." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 4 maggio 2017) "Sia pure usufruendo di un soggetto e una sceneggiatura avvincenti e scenari degni del classico cinema d'avventure hollywoodiano, «Gold» non riesce a distinguersi dalla media del genere e, quel che è peggio, a incrementare il carisma di un abituale dominatore del grande e piccolo schermo come McConaughey. Tratto dalle vere vicissitudini della Bre-X (...) affronta con grande budget e inopportuna pretensione uno dei tempi cari alla grande epica americana - il viavai tra trionfi e catastrofi dell'imprenditore senza regole né scrupoli che ha stimolato, tra i contemporanei, big della messinscena come Scorsese, P. T. Anderson, Russell - aggrovigliandosi a lungo nelle anse della trama e cogliendo davvero nel segno solo nelle beffe a ripetizione di sottofinale e finale. (...) è, in effetti, difficile entrare in sintonia con la figura dell'avventuriero fondato re e Ceo della Bre-X Wells (McConaughey), ma non a causa della pancia debordante, il cranio semicalvo, i denti giallastri, il sudore facile e gli slip oversize, bensì per l'eccesso gigionesco con cui l'attore strabuzza gli occhi, gesticola forsennatamente e si muove tra sogni di rivalsa familiare e di classe e scariche d'ossessioni psicotiche squassanti. Riflettendoci sopra, in effetti, i film («The Wolf of Wall Street») e i registi di cui sopra traevano la loro forza dall'assimilazione di uno stile ben preciso ai caratteri e alla personalità dei rispettivi antieroi, mentre in questo caso sembra che il procedimento sia purtroppo quello inverso. (...) Nonostante i vuoti drammaturgici che finiscono per penalizzare sia il versante epico, sia quello intimista, sia quello da thriller finanziario e sia quello da commedia grottesca, si può peraltro ammettere che «Gold» non lesina sul lusso della confezione, sciorina look d'epoca divertenti e si giova di un'eccezionale colonna sonora che in qualche snodo tiene a galla l'ennesima metafora della forza e la fragilità del Sogno americano." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 4 maggio 2017) "Autore delle sceneggiature di 'Traffic' e 'Syriana' (che in più ha diretto), Stephen Gaghan ha già dimostrato sia intuito che fascinazione per gli angoli oscuri dell'American dream, portandoci - anche geograficamente parlando - in quei luoghi di frontiera, dove il sogno si contamina con realtà molto più complicate e interessi molto più sporchi, banali - magari in paesi «esotici», come quelli che oggi Trump chiama fabbriche di bad hombres e terroristi. Punito in USA da una distribuzione rimandata più volte e poi troppo sacrificata per via dei problemi economici della compagnia di Harvey Weinstein, 'Gold - La grande truffa' è un'altra avventura hard boiled a risvolto metaforico, un 'Wolf of Wall Street' immerso nelle giungle dell'Indonesia, in preda al delirio della malaria e della febbre del dollaro nella Wall Street anni ottanta." (Giulia D'Agnolo Vallan, 'Il Manifesto', 4 maggio 2017) "(...) siamo lontani dai risultati di 'The Wolf of Wall Street' o 'La grande scommessa'. Il titolo parla già di truffa, dunque la cosa da scoprire è il come. Diciamo che della storia vera la sceneggiatura scava l'avventura personale di un febbricitante sognatore, simbolo e insieme standard dell'idealismo del successo, però (e questa è la parte migliore) onesto fino al sacrificio nella passione per la ricerca. Ma è oro tutto quello che luccica? Amicizia e tradimento alimentano un crak miliardario. Confondendo Wells con Orson Welles, il McConaughey del memorabile cameo nel 'wolf' qui a volte è vittima di 'overacting'." (Silvio Danese, 'Nazione-Carlino-Giorno', 4 maggio 2017) "Non è film perfetto Gold, anzi, ma segnala l'irriducibilità della società, e dell'economia, statunitense al sistema, alla regulation, alla norma e, insieme, l'abbandono fideistico e forsennato al sogno (...). C'è tanto in 'Gold', anche un sospetto fatto certezza: Kenny avrebbe votato Donald Trump. 'Make America Gold Again'." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 4 maggio 2017) "La parola 'Dio' compare in questo film 2 volte. 'Oro', circa mille. In ballo, d'altronde, ci potrebbero essere solo 30 miliardi di dollari. La febbre dell'oro non solo annebbia la vista come nel capolavoro omonimo di Charlie Chaplin ma rischia di togliere la vita come ne 'II tesoro della Sierra Madre' (1948) di John Huston. Qui non siamo né nella parodia della rapacità chapliniana né nel dramma morale hustoniano. E' la storia di una grande amicizia incline a trasformarsi in noir come 'C'era una volta in America' di Leone. A voi il compito di scoprire se Kenny e Mike riusciranno a disintossicarsi da questa 'droga' (il regista è un ex tossicodipendente). Flop in Usa. Peccato perché la terza regia di Gaghan è febbrile, scurrile e virile al punto giusto. McConaughey (...) e Ramírez sono una miniera di chicche interpretative. C'è da divertirsi veramente." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 4 maggio 2017) "Ispirato a fatti realmente accaduti (...) il film diretto da Stephen Gaghan e interpretato da Matthew McConaughey ed Edgar Ramirez, racconta un altro capitolo della grande storia sul sogno americano e la fascinazione che l'oro esercita sugli esseri umani, disposti a tutto pur di impossessarsene." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 5 maggio 2017)

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. Blade Runner 2049  1.995.272
    Blade Runner 2049

    L'agente K della Polizia di Los Angeles scopre un segreto sepolto da tempo che potrebbe far precipitare nel caos quello che è rimasto della società. La scoperta di K lo spinge verso la ricerca di Rick Deckard, un ex Blade R...

  2. 2. Emoji: accendi le emozioni  759.389
  3. 3. Ammore e malavita  568.112
  4. 4. Come ti ammazzo il bodyguard  517.402
  5. 5. Noi siamo tutto  411.903
  6. 6. Cars 3  381.617
  7. 7. Chi m'ha visto  363.547
  8. 8. Valerian e la Città dei Mille Pianeti  232.539
  9. 9. L'incredibile vita di Norman  215.853
  10. 10. Jukai - La foresta dei suicidi  186.791

Tutta la classifica