Free Zone2005

SCHEDA FILM

Free Zone

Anno: 2005 Durata: 90 Origine: BELGIO Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Amos Gitaï

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:NICOLAS BLANC, MICHAEL TAPUACH, LAURENT TRUCHOT PER AGAT FILMS & CIE, AGAV FILM, AGAV HAFAKOT, GOLEM, ARTEMIS, CINEART, HAMMON HAFAKOT, ARTE FRANCE CINEMA, SCOPE INVEST, YISRAEL ESER, CHANNEL, YES SATELLITE, RTBF, BAC FILMS, UNITED KING FILMS

Distribuzione:ISTITUTO LUCE (2006)

ATTORI

Natalie Portman nel ruolo di Rebecca
Hanna Laslo nel ruolo di Hanna
Hiam Abbass nel ruolo di Leila
Carmen Maura nel ruolo di Sig.ra Breitberg
Makram Khoury nel ruolo di Samir
Aki Avni nel ruolo di Julio
Uri Klauzner nel ruolo di Moshe
Adnan Tarabshi nel ruolo di Garagista
Liron Levo nel ruolo di Doganiere
Shredy Gabarin nel ruolo di Incendiario
Tomer Russo nel ruolo di Doganiere
 

SCENOGRAFIA

Markin, Miguel
 

COSTUMISTA

Stern, Aline

TRAMA

Rebecca è americana ma da alcuni mesi vive a Gerusalemme perché sta per sposarsi. Purtroppo però le cose non vanno come lei aveva sperato e una volta rotto il fidanzamento, si allontana a bordo di un taxi. Alla guida dell'auto c'è Hanna, una ragazza israeliana che le confida di essere diretta in Giordania nella 'Zona Franca' per recuperare dei soldi presso alcuni 'soci' americani del marito. Rebecca decide di accompagnarla nella missione, ma una volta giunte a destinazione scoprirà con Hanna che i soldi sono spariti...

CRITICA

"Come in un film di Kiarostami, non scendiamo quasi dalla jeep dell'eccellente Hanna Laslo, energica israeliana che, oltre a scarrozzare turisti, fabbrica col marito auto blindate per un certo americano nella Free Zone, che a sua volta le rivende agli iracheni. Non fosse storia quotidiana, anche questa si direbbe inventata. (...) Fra liti, imprevisti, confessioni, riconciliazioni, Gitai schizza un ritratto non convenzionale del Medio Oriente. Troppa carne al fuoco forse per sperare in un premio maggiore. Ma le tre attrici sarebbero tutte da palma." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 20 maggio 2005) "Di una bruttezza desolante è apparso 'Free Zone' dell'israeliano Amos Gitai. In questo ennesimo pasticcio molesto, agghindato dall'inutile presenza dell'hollywoodiana Natalie Portman, il pensoso regista contorce inquadrature e fatti tentando di ammannire al pubblico degli esperti il suo augusto parere sul dramma dell'impossibile coesistenza tra arabi e occidentali. (...) Se l'imprudente spettatore avesse pensato a una teoria rivoluzionaria, dovrebbe a questo punto schiodare la poltrona: 'Free Zone' ha cincischiato per un'ora e mezza con dissolvenze, primi piani e carrellate d'autore per poi proclamare che i contendenti hanno perso ogni riferimento concreto, nessuno è più responsabile delle sanguinose scelte di campo e il conflitto mediorientale è in pratica un rebus irrisolvibile." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 19 maggio 2005) "Il film è palesemente fatto alla svelta, con poca accuratezza, con soluzioni narrative sbrigative: il flash back, per dire, è sostituito da sovrapposizioni di immagini del passato su immagini del presente non belle e neppure molto comprensibili. Ma le attrici sono brave (specialmente Hanna Laslo) e la Free Zone è una soluzione interessante: magari potesse estendersi." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 20 maggio 2005) "Un taxi, una giovane in lacrime, una lunga inquadratura fissa e dietro il finestrino il Muro del Pianto. Siamo a Gerusalemme, anzi siamo in un film di Amos Gitai, cineasta-cartografo che da sempre interroga la sua terra. Ammesso che sia 'sua' perché ogni film del regista israeliano rimette in discussione appartenenze e identità. Stavolta siamo nella 'Free Zone' fra Israele e Giordania, una zona franca dove arabi e israeliani scambiano merci e culture in libertà. Alla guida del taxi-jeep c'è l'eccellente Hanna Laslo (premiata a Cannes), energica israeliana che oltre a scarrozzare turisti fabbrica col marito auto blindate per un certo americano che a sua volta le rivende agli irakeni, sempre nella Free Zone. Ma il tormentato viaggio d'affari di Hanna è solo un pretesto per avvicinare tre donne e tre mondi. Sul taxi c'è infatti anche l'ebrea americana Natalie Portman, fresca di rottura col fidanzato israeliano, soldato e criminale di guerra (è lei che piange all'inizio). Mentre fuori dal taxi, nella Free Zone appunto, c'è la palestinese Hiam Abbass, moglie dell'"Americano", con i suoi guai giganteschi. O è solo una simulatrice? Gitai non risponde ma intanto, fra liti, imprevisti, confessioni, riconciliazioni, apre un dialogo. Tre donne non salveranno il Medio Oriente. Ma possono cominciare." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 12 maggio 2006) "Film liminale di esplorazione dei confini, 'Free Zone' è un'allegoria intrisa di pessimismo sulle barriere contro cui s'infrangono i desideri delle persone: una mescolanza d'incomprensioni linguistiche, psicologiche, storiche, di traumi della memoria, di equivoci ideologici su cui prolifera la violenza. Gitai dirige un road movie a ruota libera, un viaggio anarchico che sovverte la cronologia, sovrappone immagini febbricitanti, alterna scene nervose con altre contemplative, mischia il dramma con la commedia. La cosa migliore del film è il modo con cui sa rappresentare il senso di oppressione che stringe le eroine, tutte interpretate molto bene. Anche se, l'anno scorso, la giuria di Cannes decise di premiare solo l'israeliana Hanna Laslo." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 12 maggio 2006)

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica