Factotum2005

SCHEDA FILM

Factotum

Anno: 2005 Durata: 94 Origine: GERMANIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Bent Hamer

Specifiche tecniche:35 MM (1:1.85)

Tratto da:romanzo omonimo di Charles Bukowski

Produzione:BENT HAMER, JIM STARK PER BULBUL FILM, STARK SALES, PANDORA

Distribuzione:MIKADO (2006)

ATTORI

Matt Dillon nel ruolo di Henry Chinaski
Lili Taylor nel ruolo di Jan
Marisa Tomei nel ruolo di Laura
Fisher Stevens nel ruolo di Manny
Didier Flamand nel ruolo di Pierre
Adrienne Shelly nel ruolo di Jerry
Karen Young nel ruolo di Grace
Tony Lyons nel ruolo di Tony Endicott
Matthew Feeney nel ruolo di Harry Berglund
Jim Brockhohn nel ruolo di Barista
Jimmy Brockhohn nel ruolo di Giocatore d'azzardo
Chris Carlson nel ruolo di Proprietario del negozio di liquori
Joseph Courtemanche nel ruolo di Avventore del bar
Christopher Day
Diane Kelson
Frank Crandell
Geoff Schilz
Jim Westcott
 

SCENEGGIATORE

Hamer, Bent
Stark, Jim
 
 

MONTAGGIO

Gengenbach, Pål
 

SCENOGRAFIA

Cauley, Eve
 

COSTUMISTA

Duncan, Tere

TRAMA

Henry Chinaski accetta ogni genere di lavoro, basta che gli procuri i soldi necessari per dedicarsi alle sole tre cose che considera importanti nella vita e che ha eletto a sue personali divinità: l'alcol, le donne e la scrittura. Henry usa l'arma affilata dell'ironia per mettere in luce le contraddizioni della vita e del sistema lavorativo dell'America contemporanea, le relazioni nate nei bar, le chiacchiere, le interminabili ore in fabbrica...

CRITICA

"Dal 'Factotum' di Bent Hamer non ci aspettavamo granché e invece, sorpresa: sarà che Matt Dillon, eterno ragazzo, mette per la prima volta in Bukowski/Chinaski una certa ironia; sarà che lo scrittore, morto nel '94, non essendo più fastidiosamente di moda risulta nuovamente vivo ed attuale, ma per la prima volta ci sembra di poter ascoltare veramente la sua voce . E poi il norvegese Bent Hamer (suo il notevole Kitchen Stories ), adattando il romanzo 'Factotum', oltre che sull'alcol e le donne punta sullo strano rapporto di Bukowski con i suoi mille lavori. Lavori umili, precari, accidentali, disprezzati e insieme ricercati perché solo in un rapporto alienato con le proprie mansioni lo scrittore, paradossalmente, sembra trovare la verità del suo tempo. E se ambientare tutto oggi suona qua e là anacronistico, l'andatura volutamente frammentaria del racconto, pieno di episodi e incontri bislacchi, dà alle sue gesta il tono rubato, proprio in senso musicale, che più gli somiglia. Perché questo in fondo fa Chinaski: ruba alla vita (al suo corpo) i suoi segreti; i piaceri acri dell'alcol e del sesso, ma anche quelli ineffabili del lavoro; l'effimera ricchezza accumulata puntando sui cavalli, e l'amarezza senza fondo di un amore che finisce. Tutto mescolato in un cocktail da trangugiare senza pensarci troppo perché solo così, cadendo e rialzandosi, 'sarai solo con gli dèi e il fuoco incendierà le tue notti'. Il resto è per gli altri, per quelli che scelgono di lavorare, di fare soldi, di avere una bella casa e magari rubarti la donna, come fa l'odioso tipetto dell'ippodromo. Ma la gioia, ovvero lo stupore, l'esaltazione, la dignità, la libertà, non sanno nemmeno dove stia di casa." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 31 marzo 2006) "Con un gusto un po' vecchia maniera, 'Factotum' mette in scena un personaggio pieno di 'spleen' e mal di vivere; un asociale, però dotato di una certa grazia e, a conti fatti, più umano di tutti gli altri. Il norvegese Bent Hamer scandisce gli eventi per brevi quadri impressionistici, ambientati in un'America popolata di umiliati e offesi. Segue il suo eroe come in uno stato di sonnambulismo; lasciando trasparire, però, una sottile vena ironica. Il limite è che il suo film non assume un vero punto di vista: tutto è sullo stesso piano, dalla dipendenza alcolica alla vita erotica, ai rapporti col padre. Appesantito, laconico, parco nei gesti, Dillon è bravo. L'ex ragazzo della 56ma strada non ha fatto la carriera di altri, però le sue scelte sono sempre impreviste, e spesso interessanti." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 31 marzo 2006)

Trova Cinema

Box office
dal 10 al 13 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica