SCHEDA FILM

Faccia da mascalzone

Anno: 1955 Durata: 88 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:COMMEDIA

Regia:Lance Comfort|Raffaele Andreassi

Specifiche tecniche:-

Tratto da:DA UNO DEI "RACCONTI ROMANI" DI ALBERTO MORAVIA

Produzione:ARDITA FILM

Distribuzione:REGIONALE

 

SCENEGGIATORE

Andreassi, Raffaele
 

SCENOGRAFIA

Comfort, Lance

TRAMA

"Faccia da mascalzone": Due ragazze, Veronica e Amelia, avendo ricevuto un biglietto d'invito per uno stabilimento cinematografico, pregano Mario, il fattorino dell'albergo, di accompagnarle. Le due ragazze s'illudono che questo incontro occasionale col cinema possa essere l'inizio di una brillante carriera. Viceversa, mentre per le ragazze la speranza risulterà vana, Mario si vedrà scelto da un regista, il quale per il suo film cerca una "faccia da mascalzone". La parte sarà brevissima, ma sarà la prima di una serie di piccole parti che gli verranno affidate in virtù della sua faccia. Durante la visita allo stabilimento, Mario, Veronica e Amelia assistono alla lavorazione di due films ed alla proiezione di un terzo "Nick il grande" narra la storia di Nicola Mortana, famigerato gangster, che, scontata in America una condanna, ritorna in Italia per vivere tranquillamente al suo paese, presso sua madre. Questa da principio non vuol saperne di lui: quando infine si decide ad accoglierlo, Nick viene ferito da due sicari inviati dalla banda, che ha lasciato. Egli però non morirà. "Solitudine": Un giovane americano ed una ragazza, che non è romana, s'aggirano per le vie di Roma. Entrambi sentono il peso della propria sconsolata solitudine. Avendo fatto amicizia, se ne vanno insieme rincuorati. "Il tesoro di S. Urbano": Un tesoro è stato trafugato in circostanze misteriose durante la guerra. Dopo molti anni si trova, in riva al lago, il corpo di un uomo assassinato ed accanto a lui un pannello di Pier della Francesca, che faceva parte del tesoro. Varie persone si recano a S. Urbano nella speranza d'impadronirsi del tesoro. C'è tra gli altri il direttore del museo di New York, che vorrebbe il pannello per unirlo ad un altro, che il museo già possiede. C'è un commissario di polizia, che cerca l'assassino dell'uomo del lago e riesce ad identificarlo grazie alla chiaroveggenza del direttore del museo. L'assassino, che minaccia la vita del direttore, verrà ucciso da un vecchio signore, che è stato da lui lungamente ricattato.

CRITICA

<<(...) Mediocre la regia: il racconto procede faticosamente e appare piuttosto slegato. Discreta l'interpretazione dei protagonisti, buona la fotografia>>. (Segnalazioni Cinematografiche)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica