? nata una star?2012

SCHEDA FILM

È nata una star?

Anno: 2012 Durata: 90 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Lucio Pellegrini

Specifiche tecniche:-

Tratto da:racconto "È nata una star" di Nick Hornby (Ed. Guanda)

Produzione:BEPPE CASCHETTO PER IBC MOVIE, WARNER BROS. ENTERTAINMENT ITALIA; PRODUZIONE ESECUTIVA: RITA ROGNONI PER PUPKIN PRODUCTION

Distribuzione:WARNER BROS. PICTURES ITALIA

ATTORI

Luciana Littizzetto nel ruolo di Lucia
Rocco Papaleo nel ruolo di Fausto
Pietro Castellitto nel ruolo di Marco
Michela Cescon nel ruolo di Elena
Ninni Bruschetta nel ruolo di Rasero
Gisella Burinato nel ruolo di Marisa
Fausto Maria Sciarappa nel ruolo di Goretti
Cristina Odasso nel ruolo di Federica
Valeria Milillo nel ruolo di Carla
Alice Torriani nel ruolo di Lorena
Christian Burruano nel ruolo di Nicola
Giovanni Esposito nel ruolo di Sauro
Tatiana Lepore nel ruolo di Manuela
Antonio Zavatteri
 

SOGGETTO

Hornby, Nick
 

MONTAGGIO

Benevento, Clelio
 

SCENOGRAFIA

De Angelis, Roberto

TRAMA

Una mattina come tante, una donna trova nella sua buca delle lettere un video accompagnato da un biglietto che sconvolgerà il suo ménage familiare: si tratta di un film erotico vietato ai minori, il cui protagonista è suo figlio, adolescente. Imbarazzata dalla rivelazione del 'talento nascosto' del ragazzo, la donna dovrà trovare il modo di confessare la scoperta al marito e insieme cercare di affrontare la situazione. Da quel momento niente in famiglia sarà più come prima...

CRITICA

"Sarà che la sorpresa - ragazzo di famiglia medio borghese superdotato che fa il pornodivo - arriva subito, come nel racconto di Hornby (cui è aggiunta la recita a scuola), poi Lucio Pellegrini deve straparlare del Walter (Walterone!), per dirla con la brava Littizzetto, arrivando alla cosmica conclusione che tutto ha un senso. Non è convinto Rocco Papaleo, che porta in dote curioso orgoglio virile paterno e recente popolarità, mentre zia Cescon indaga sulle misure del nonno. Stallone fuori ruolo l'innocente Castellitto jr." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 23 marzo 2012) "Dopo l'esploit di qualche tempo fa, ora la frequenza con cui escono film del nuovo genere commedia all'italiana è inversamente proporzionale al numero di spettatori che li vanno a vedere. Dati alla mano. Qual è il motivo? Il discredito che certi film non riusciti gettano su quelli di successo, anche quando brutti. 'È nata una star?' voleva essere un film intelligente e comico, con un cast di richiamo e aspettative di successo. Purtroppo è un film deludente, girato male, scritto peggio. Tratto da un libro assai minore di Nick Hornby, racconta la storia di una famiglia piccolo-borghese il cui quotidiano viene alterato dallo sconosciuto talento del giovane figlio, pornostar superdotato. Ecco, un'idea scema che poteva generare qualche situazione divertente. Invece il film non riesce mai a trovare il suo centro e il suo divertimento. Littizzetto non è un'attrice e non riesce a sopportare i non-ritmi di questa commedia. Papaleo è senza spalla. Castellitto, figlio di Castellitto poteva essere chiunque altro. Pellegrini, il regista, si è dimenticato come si gira. Peccato." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 23 marzo 2012) "Piacerà alla recente ma sempre più numerosa schiera di ammiratori di Rocco Papaleo, divenuto inopinatamente superstar a 53 anni dopo le azzeccate apparizioni al festival di Sanremo. Qui nei panni del babbo che 'non' accetta il figlio pornofacente ha un paio di scene da Oscar (o, se volete, da David di Donatello). Abbastanza fuori parte la Littizzetto. Ma non fa troppo danno." (Giorgio Carbone, 'Libero', 23 marzo 2012) "Dal 2000 ad oggi nessun cine-produttore al mondo ha deciso di trasformare in un film il racconto 'Not a Star' (da noi 'È nata una star', 2010 Guanda) di Nick Hornby. Un motivo ci sarà stato. Che certamente è sfuggito al Malpaese, dove basta il richiamo del 'Grande Attributo' a spalancare portafogli a vanvera. E in quest'occasione - qualunque sia stato il budget investito dal produttore-agente delle star tv Caschetto insieme alla Warner - in modo eclatante, giacché la commedia in questione è uno dei peggiori ital-film dell'annata, e forse non solo. Debole di scrittura, regia e performance persino di due laureati in comicità come Littizzetto & Papaleo (genitori sgomenti davanti al figliolo superdotato e porno-divetto interpretato dal poco imbarazzato e molto imbarazzante Castellitto jr.) non riesce neppure ad esser volgare (visto il tema..) allineando con surreale precisione le regole 'da evitare' nel cinema. E dispiace dirlo, perché il seme originario poteva prefigurare un cine-virgulto più solido." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 22 marzo 2012)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica