SCHEDA FILM

Doppia veritÓ

Anno: 1989 Durata: 107 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:NORMALE

Tratto da:-

Produzione:MARTIN BREGMAN PER WEINTRAUB ENTERTAINMENT GROUP

Distribuzione:COLUMBIA TRI STAR FILMS ITALIA (1990) - COLUMBIA TRI STAR HOME VIDEO

TRAMA

In un college americano, il perseverante Tucker Muldowney e la tenace Monica Tomanski, due borsisti che alternano i libri al servizio in cucina, confortati dall'amicizia del giovane Garson McKellar, un aspirante commediografo, e con il valido aiuto del professor Charlie Nichols, si addestrano in dibattiti oratori - ricoprendo alternativamente i ruoli dei difensori pro o contro una tesi - al fine di superare le eliminatorie tra gli stessi universitari, per poi cimentarsi contro i detentori del titolo oratorio dell'UniversitÓ di Harward, davanti alla Corte Suprema e in pubblica riunione a Washington. In questa sede l'intervento sia di Monica sia di Tucker sul complesso problema dell'aborto Ŕ intelligente e meditato: Monica, che confessa di aver abortito dopo essere stata violentata, descrive il tormento segreto della donna sottoposta a torture psicologiche e morali; Tucker invece insiste sul significato ed il valore della vita in assoluto. Malgrado le insidie oratorie dei campioni di Harward, la tesi sostenuta da Monica e da Tucker viene accolta a maggioranza.

CRITICA

"Il titolo italiano 'Doppia veritÓ' si riferisce a un'arte del dire che si esercita indifferentemente a favore o contro un argomento: l'importante Ŕ la capacitÓ dialettica dimostrata. Per˛ se il film mediocremente scritto e girato da Douglas Day Stewart ha un suo piccolo interesse sociologico Ŕ proprio perchÚ sostiene come unica veritÓ un'allarmante posizione ideologica. Strani Anni Novanta: a Est crollano i muri e a Ovest c'Ŕ chi vuole rifondare la struttura morale di un Paese sostenendo che libertÓ equivale a irresponsabilitÓ." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 24 Giugno 1991) "Con una materia interessante, la vocazione sulla dialettica messa a disposizione di qualsiasi causa come torna pura, e un'ambientazione con fulcro pedagogico, il regista Ŕ riuscito a fare un maldestro melodramma con la stessa struttura dei film di vittoria (Ŕ una categoria che nel cinema americano va ben al di lÓ del genere sportivo...) : 1) presentazione dei conflitti dei personaggi collegati alla gara, che pu˛ essere anche soltanto psicologica; 2) assaggio, tra piccole vittorie e sconfitte, delle abilitÓ degli eroi; 3) crisi emotiva dei protagonisti per agganciare definitivamente la tenerezza del pubblico; 4) soluzione finale dei conflitti nella vittoria all'ultimo istante. Il tema del dibattito conclusivo davanti alla Corte Suprema per battere l'UniversitÓ di Harvard? L'aborto. Chi vince? Se leggete la pagina degli esteri dei giornali non Ŕ difficile indovinare." (Silvio Danese, 'Il Giorno', 29 Giugno 1991)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica