SCHEDA FILM

Domani è troppo tardi

Anno: 1950 Durata: 100 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:Ispirato a "Printemps Sexuel" di Alfred Machard

Produzione:RIZZOLI FILM/NOVELLA FILM, G. AMATO

Distribuzione:R.K.O.

TRAMA

Mirella e Franco, due adolescenti, frequentano, in sezioni separate, la stessa scuola media. Mirella, bella e romantica, ha la testa piena di sogni d'amore. E' figlia unica: i suoi genitori sono molto severi con lei. Anche Franco sente gli effetti dell'età critica, ma suo padre non sa essergli di guida. A scuola, soltanto una giovanissima insegnante osa affermare che gli adolescenti d'ambo i sessi devono essere illuminati con franche spiegazioni e guidati con benevoli consigli. Mirella e Franco sono accolti nella colonia estiva, istituita in un vecchio castello. La direzione della colonia è affidata ad una signora d'età matura, di rigidi principi, che si trova ben presto in contrasto con la giovane insegnante e col di lei collega, un professore. Durante una scorribanda nei dintorni, ragazzi e ragazze vengono sorpresi da un furioso temporale. Mirella e Franco smarriscono la strada e si riparano, fradici di pioggia, in un casolare deserto. Scoperti dopo molte ore, vengono maltrattati dalla direttrice, che inveisce contro Mirella febbricitante. Questa, che in realtà non ha commesso niente di grave, esasperata e intimorita dalle ingiuste accuse, corre a gettarsi nel vicino lago. La salva Franco e con l'aiuto del professore la richiama alla vita.

CRITICA

"[...] (Il fim) conserva invece - sia pur limitato - un certo interesse se non altro per la validità del tema che si è tentato di portare sullo schermo. In sostanza, denunciare quell'ipocrisia velata con cui vengono trattati nelle nostre scuole in genere e nelle famiglie in particolare, certi problemi attinenti all'educazione sessuale dei giovani [...]. Purtroppo, oltre la povertà d'invenzione, gli autori hanno dimostrato di conoscere scarsamente la psicologia dei giovani di cui volevano svelare le reazioni e i travagli [...]". (E. Bruno, "Filmcritica", n. 1 del dicembre 1950).

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica