Dogville2003

SCHEDA FILM

Dogville

Anno: 2003 Durata: 135 Origine: GERMANIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO, THRILLER

Regia:Lars von Trier

Specifiche tecniche:35MM (1:2.35)

Tratto da:-

Produzione:4 1/2, ALAN YOUNG PICTURES, CANAL+, DET DANSKE FILMINSTITUTET, EDITH FILM OY, FILM I VAST, HACHETTE PREMIERE, ISABELLA FILMS B.V., J&M ENTERTAINMENT, KC MEDIEN AG, KUSHNER-LOCKE COMPANY, KUZUI ENTERPRISES, LIBERATOR PRODUCTIONS, MDP WORLDWIDE, MEMFIS FILM

Distribuzione:MEDUSA, DVD: MEDUSA HOME ENTERTAINMENT

ATTORI

Nicole Kidman nel ruolo di Grace
Stellan Skarsgård nel ruolo di Chuck
Siobhan Fallon nel ruolo di Martha
Chloë Sevigny nel ruolo di Liz Henson
Patricia Clarkson nel ruolo di Vera
Jeremy Davies nel ruolo di Bill Henson
Philip Baker Hall nel ruolo di Thomas Sr.
Paul Bettany nel ruolo di Tom Jr.
Lauren Bacall nel ruolo di Ma Ginger
James Caan nel ruolo di L'Omone
Blair Brown nel ruolo di Sig.Ra Hanson
Ben Gazzara nel ruolo di Jack Mckay
Jimmy Uller nel ruolo di Chuck
Jean-Marc Barr nel ruolo di L'Uomo Col Grande Cappello
Bill Raymond nel ruolo di Mr. Henson
Erich Silva
Harriet Andersson nel ruolo di Gloria
Udo Kier nel ruolo di L'Uomo Col Cappotto
 

SOGGETTO

von Trier, Lars
 

SCENEGGIATORE

von Trier, Lars
 

SCENOGRAFIA

Grant, Peter
 

COSTUMISTA

Rasmussen, Manon
 

TRAMA

Stati Uniti, inizio anni Trenta. Una giovane ed affascinante donna in fuga, Grace, arriva a Dogville, in un piccolo centro di provincia, inseguita da un gruppo di gangsters. Di lì a poco la sua presenza sconvolgerà la tranquilla esistenza della comunità locale. I cittadini incoraggiati da Tom acconsentono, infatti, a nascondere la donna e in cambio lei accetta di lavorare per loro. Ma quando gli inseguitori cominciano a cercarla insistentemente in città, gli abitanti pretendono qualcosa in più. Grace ha però un segreto, e presto Dogville si pentirà di averle girato le spalle.

CRITICA

"Ogni generazione conta due - tre cineasti eccezionali. Von Trier (con Kitano, con Scorsese..) è uno di questi e il suo film ci stupisce una volta di più. In un certo senso 'Dogville' ribalta 'Dogma', il manifesto del '95: al posto dei luoghi autentici, della luce naturale e degli attori spontanei una scenografica convenzionalizzata come a teatro, luci artificiali, una superstar. Il film è diviso in nove capitoli e un prologo, come un romanzo, e raccontato dalla voce di un narratore onnisciente. Forse sono gli strumenti linguistici di un nuovo corso, che Lars chiama 'cinema fusionale' (cinema + teatro + letteratura), perfettamente funzionali alla realizzazione di un'atroce, magnifica parabola sui rapporti sociali. (...) Un film da Palma d'oro, dove Von Trier sfrutta al meglio il talento della Kidman: mostrare un viso d'angelo, facendo affiorare per gradi tutta la ferocia del personaggio". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 20 maggio 2003) "L'ultima follia di Lars Von Trier è un film lungo tre ore, buio e bisbigliato, tutto girato in teatro di posa ma senza scenografie. C'è qualche mobile, ci sono i costumi e i rumori d'ambiente. Ma non ci sono gli ambienti. Niente case, niente strade, alberi o pareti. Solo segni e scritte per terra: casa di Chuck, viale degli Olmi, cespugli, etc. Quanto basta a creare Dogville, piccola città mineraria Usa negli anni della Grande Depressione. Ma non è una semplice follia. E' la premessa, geniale, di un film che non lascia nulla come prima. Né per il cinema né per il suo autore. (...) La grandezza di 'Dogville' sta anche nella sapienza dello script, nel cast, nella scelta di girare in Danimarca ma in inglese. Perché un paese è la sua lingua e c'è più America in Lauren Bacall, Ben Gazzara, James Caan, Chloe Sevigny, che in tutte le Montagne Rocciose. Dopo tutto, l'America è anche un luogo dell'anima. Il luogo in cui, oggi, i meccanismi del Potere sono più macroscopici. E riproducibili". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 20 maggio 2003) "Tanta letteratura. Risolta per di più con gli schemi del teatro. Lars von Trier, infatti, che firma il film, ha rinunciato del tutto a quelle teorie del suo Dogma 95 decise nel pretendere ambienti autentici, luci naturali e interpreti non professionisti. Ha immaginato una città solo indicata da segni sul pavimento, con case senza muri e con pochi arredi, facendo sentire i rumori di porte e finestre anche se non ci sono e costruendovi attorno delle cornici stilizzate al massimo, a cominciare dalle Montagne Rocciose risolte con la legna e cartapesta. In mezzo l'azione, con riferimenti, per tutti quei simboli di cose assenti, alla celebre 'Piccola città' di Thornton Wilder, capolavoro, negli anni Trenta, del teatro d'avanguardia. Però se questa azione si segue (spesso a fatica), lo si deve non tanto ai suoi snodi narrativi, statici, verbosi e prolissi, ma ai modi di regia con cui Lars von Trier l'ha, alla lettera, portata in scena. Composizioni figurative perfette, luci suggestive, quel nulla in palcoscenico che si fa vita reale, anche se dimentica il cinema. Grace è una Nicole Kidman ormai grande attrice. Con comprimari celebri al suo fianco, americani e scandinavi." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 7 novembre 2003) "Lars Von Trier ha fatto con Nicole Kidman bravissima un film molto bello e un poco difficile. (...) Lo stile è quello drammatico delle opere di Brecht-Weill; distanza e distacco cancellano ogni emotività, commozione o sentimentalismo; secondo l'autore si tratta di 'cinema fusionale' che condensa teatro, letteratura, film. Ma potrebbe anche essere una parabola sul destino degli immigrati del Terzo Mondo in Europa: prima accolti con dimostrativo altruismo, poi sfruttati sul lavoro, poi maltrattati tanto da suscitare una aggressiva rivolta." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 7 novembre 2003) "Anche con quaranta minuti in meno 'Dogville' rimane sufficientemente se stesso per dividere il pubblico come è successo a Cannes: qualcuno, convinto che Von Trier abbia inventato il cinema, l'amerà: qualcuno l'odierà, irritandosi per le trovate a effetto del danese; e qualcuno (fra i quali chi scrive) si collocherà nel mezzo, in una gelida indifferenza, la stessa che provammo all'uscita da 'Dancer in the dark'. Inutile dire che l'indifferenza è proprio ciò che manderebbe in bestia Von Trier, geniale press-agent di se stesso, regista in cui indubbio talento è finalizzato a far parlare sempre e comunque di sé. Von Trier vuole stupire, indignare, farsi amare o odiare. Con noi casca male: non lo amiamo non lo odiamo." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 7 novembre 2003) "Nell'affrontare la descrizione di un paese dove non è mai stato, quasi imitando i nostri grandi americanisti da Vittorini a Pavese, Von Trier (anche se lo nega) si è ricordato di un dramma che ebbe successo poco prima della Seconda Guerra. Come in 'Piccola città' di Thornton Wilder c'è un narratore (presente però soltanto in voce), non ci sono scenografie realistiche, appena i tracciati sul pavimento dello studio e pochi elementi di arredo. Tira un'aria da vecchio teatro moderno che sulle prime sembra un residuo di avanguardismi superati, ma nel procedere dell'azione si entra nel gioco e se ne intendono la raffinatezza e la necessità. La suggestione nasce dallo stile (inquadrature, illuminazione, montaggio) e dalla presenza di attori che andrebbero elogiati uno per uno. Il sentimento che pervade la finta tragedia americana è di un pessimismo agghiacciante." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 8 novembre 2003) "'Dogville' è agli antipodi di 'Witness' di Peter Weir (1985) e ricorda 'Gente di rispetto' di Luigi Zampa (1975). La sua morale è che nella plebe identitaria del paese o sei nato o resterai sempre un estraneo. 'Dogville' un film antiamericano? Ma la cittadina californiana, che sembra un'utopia è un incubo, è già nell'Invasione degli ultracorpi' dell'americano e hollywoodiano Don Siegel (1956). 'Dogville' condanna non l'America, ma il modo di vita dei piccoli centri; se condanna di più quelli dell'area germanico - scandinava protestante, è perché l'autore, regista e protagonista conoscono meglio quel mondo. Oltre a un'esigenza di risparmio, la riduzione degli ambienti a qualche sedia e qualche letto sul pavimento, con porte inesistenti e stanze dai perimetri indicati da righe di gesso sul pavimento, vuol far capire che ovunque ci siano poca gente e molta miseria, lì c'è una Dogville." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 7 novembre 2003)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 giugno

Incasso in euro

  1. 1. Pets 2 - Vita Da Animali  1.034.246
    Pets 2 - Vita Da Animali

    Max il Terrier si trova di fronte ad importanti cambiamenti di vita. La sua padrona ora è sposata e ha un bambino, Liam. Max è talmente preoccupato di proteggere il piccolo che sviluppa un tic nervoso. Nel frattempo, mentre...

  2. 2. Aladdin  1.002.333
  3. 3. X-Men: Dark Phoenix  913.019
  4. 4. Il traditore  459.875
  5. 5. Godzilla 2  391.593
  6. 6. Rocketman  290.415
  7. 7. Polaroid  204.399
  8. 8. A mano disarmata  141.552
  9. 9. Dolor y Gloria  111.703
  10. 10. John Wick 3 - Parabellum  44.342

Tutta la classifica