Delitti, amore e gelosia1982

SCHEDA FILM

Delitti, amore e gelosia

Anno: 1982 Durata: 110 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:POLIZIESCO

Regia:Luciano Secchi

Specifiche tecniche:PANORAMICO

Tratto da:ROMANZO "IL COMMISSARIO CLERICI" DI LUCIANO SECCHI

Produzione:LUCIANO SECCHI PER MAX BUNKER PRODUCTION

Distribuzione:NEW GOLD (1984) - AVO FILM, GENERAL VIDEO

ATTORI

Cochi Ponzoni nel ruolo di Don Dino
Diego Roberto Pesaola nel ruolo di Luca
Fiorenza Marchegiani nel ruolo di Paola Fabbi
Giuliana Riviera
Lilla Brignone
Nello Mascia
Paolo Bonacelli nel ruolo di Commis Dell Amore
Renato Mori
Saverio Marconi nel ruolo di Fabio Clerici
Tom Felleghy
Tuccio Musumeci
 

SOGGETTO

Secchi, Luciano
 

SCENEGGIATORE

Secchi, Luciano
 

MUSICHE

Peguri, Gino
 

MONTAGGIO

Vincioni, Attilio
 

SCENOGRAFIA

Ricci Poccetto, Elena
 

COSTUMISTA

Bono, Mariolina

TRAMA

Fabio Clerici e Paola Fabbi sono due giovani che si amano, però la loro mentalità è molto diversa. Paola è impegnata politicamente: è femminista e radicale; Paolo si è appena laureato col minimo dei voti, va a Roma e ritorna al paese, nella bassa milanese, in qualità di commissario di polizia. Aiutato dal poliziotto Salvatore vuole fare luce su un misterioso personaggio che fa telefonate minacciose, manda lettere anonime e commette anche delitti. Le indagini lo conducono a una chiesa sede di un'associazione socio-culturale-religiosa: Comunità nuova, animata da un giovane prete moderno: Don Dino. Nel frattempo Paola si incontra con Luca amico di Fabio e suscita la gelosia di quest'ultimo, impegnato a far luce su una ennesima telefonata del "gufo" che minaccia un delitto. Il delitto avviene. Fabio accusa ingiustamente Luca di essere l'omicida. Richiamato dal Capo commissario Dell'Amore, a causa dei metodi violenti che ha usato, Fabio si dimette dalla polizia. Ma intanto una felice intuizione lo porta a scoprire che il "gufo" è una signorina matura, una beghina piuttosto esaltata, che non tollera le innovazioni di Don Dino ed è convinta che certi peccatori è meglio inviarli al Creatore. Risolto brillantemente il caso misterioso del "gufo", Fabio viene invitato a ritirare le dimissioni dalla polizia, ma nel frattempo giunge una proposta di lavoro in banca. Il regista non ci rivela la decisione di Fabio, sappiamo solo che l'esperienza nella polizia l'ha trasformato in un uomo maturo.

CRITICA

I personaggi non esistono, tanto sono semplificati, vuoti e stucchevoli, senza un minimo di consistenza psicologica: non sanno muoversi, non sanno parlare. I dialoghi sono inconsistenti, con battute talmente ovvie e risapute da diventare ridicole o banali (Segnalazioni Cinematografiche).

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica