DAYLIGHT - TRAPPOLA NEL TUNNEL1996

SCHEDA FILM

DAYLIGHT - TRAPPOLA NEL TUNNEL

Anno: 1996 Durata: 113 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:PANROAMICA A COLORI

Tratto da:-

Produzione:JOHN DAVIS, JOSEPH M. SINGER, DAVID T. FRIENDLY PER DAVIS ENTERTAINMENT - UNIVERSAL PICTURES

Distribuzione:UIP - CIC VIDEO

TRAMA

Nel tunnel sottomarino che unisce l'isola di Manhattan al New Jersey il traffico è come tutti i giorni intenso, fatto di lavoratori che tornano a casa, camion, macchine di passaggio. Un giorno un incidente stradale provoca un'esplosione devastante. I due ingressi del tunnel rimangono bloccati e un gruppo di persone resta bloccato dentro, in uno scenario devastato e pauroso. Una palla di fuoco si è spostata da un lato all'altro del tunnel, fiamme tossiche si sprigionano in continuazine e il fiume si fa sentire al di sopra delle precarie pareti di difesa. I soccorsi tardano ad organizzarsi, ed allora Kit Latura, ex capo dell'Emergency Medical Service, caduto in disgrazia, decide di mettere in gioco la propria vita per cercare di salvare i prigionieri. Entra nel tunnel attraverso il sistema di ventilazione, ma subito rimane a sua volta intrappolato e cerca di portare la calma tra la disperazione delle varie persone. Solo dopo molti rischi, molte situazioni pericolose e tanta paura, quasi tutti il gruppo riesce a tornare alla luce e a essere salvato. Kit, con il suo coraggio, ha riscattato gli errori del passato.

CRITICA

Anche se i personaggi di grana grossa servono male le ambizioni dello script, il regista Rob Cohen (Dragonheart) possiede un gran senso visivo e non spreca un'inquadratura. Basterebbe la scena che vede Stallone introdursi nel tunnel superando cinque enormi ventilatori, gioiello di suspence e grandiosità, a garantirgli l'Oscar per l'azione (se esistesse). Ma anche la fine dello pseudo-Fogar, rubata al Pozzo e il pendolo di Poe, o certe scene visionarie (come quella colonna d'aria che, catapulta la bella di turno fra i vivi, come dire dall'Inferno al Paradiso) testimoniano una finezza insolita. Stallone rischia come sempre la pelle, ma stavolta il regista gli ruba la scena. Sarà l'inizio del tramonto o l'alba di una nuova era? (Il Messaggero, Fabio Farzetti, 24/12/96) In attesa che il nuovo presidente dell'Ente Cinema Gillo Pontecorvo compia il miracolo (sarà possibile?) di rilanciare Cinecittà, ci sarebbe da essere grati a Sylvester Stallone per aver rinverdito i fasti dei nostri gloriosi stabilimenti, ormai adibiti soprattutto a lavorazioni televisive. (La Stampa, Alessandra Levantesi, 24/12/96) "Spettacolare kolossal catastrofico con targa Usa, anche se girato a Cinecittà, banalissimo quando mette a confronto le personalità dei protagonisti, ma davvero eccitante in almeno un paio di sequenze. Una su tutte, quando Sly passa indenne attraverso cinque mastodontici ventilatori. Certo, non è Laurence Olivier, ma che importa: mica deve recitare l'Amleto". (Massimo Bertarelli, 'Il giornale', 19 ottobre 2001)

Trova Cinema

Box office
dal 16 al 19 gennaio

Incasso in euro

  1. 1. Il primo Natale  3.142.556
    Il primo Natale

    Salvo e Valentino, un ladro e un prete, si ritroveranno a fare un viaggio nel tempo, fino all'Anno Zero....

  2. 2. Frozen 2 - Il segreto di Arendelle  1.640.886
  3. 3. L'immortale  1.114.347
  4. 4. Cena con delitto - Knives out  1.024.963
  5. 5. Un giorno di pioggia a New York  395.422
  6. 6. Che fine ha fatto Bernadette?  180.700
  7. 7. L'inganno Perfetto  151.003
  8. 8. Cetto c'è, senzadubbiamente  142.592
  9. 9. L'ufficiale e la spia  127.337
  10. 10. Midway  87.261

Tutta la classifica