Dalle Ardenne all'inferno1967

SCHEDA FILM

Dalle Ardenne all'inferno

Anno: 1967 Durata: 121 Origine: GERMANIA Colore: C

Genere:GUERRA

Regia:Alberto De Martino

Specifiche tecniche:35 MM, SUPERTECHNISCOPE, TECHNICOLOR

Tratto da:-

Produzione:EDMONDO AMATI PER FIDA CINEMATOGRAFICA, JACQUES ROITFELD, GLORIA FILM

Distribuzione:FIDA, MITEL, STARDUST - NUMBER ONE VIDEO, BMG VIDEO

ATTORI

Frederick Stafford nel ruolo di Sesamo
Daniela Bianchi nel ruolo di Cristina, moglie del generale
John Ireland nel ruolo di Capitano O'Connor
Curd Jürgens nel ruolo di Generale Tedesco
Adolfo Celi nel ruolo di Rollman
Michel Constantin nel ruolo di Petrowsky
Helmut Schneider nel ruolo di Hassler
Fajda Nichols nel ruolo di Magda
Anthony Dawson nel ruolo di Colonnello americano
Renato Rossini nel ruolo di Joe O'Connor Howard Ross
Tom Felleghy nel ruolo di Ufficiale americano
Jacques Monod nel ruolo di Partigiano
Valentino Macchi
 

MONTAGGIO

Colangeli, Otello
 

SCENOGRAFIA

Azzini, Nedo
 

COSTUMISTA

Romanini, Gaia
 

EFFETTI

Ascani, Eugenio

TRAMA

Olanda, 1943. Due prigionieri americani, Sesamo e Rollman, riescono ad evadere da un campo di concentramento nazista; entrati in contatto con il partigiano olandese Rollman, i due americani concordano un piano che dovrà consentire loro di penetrare nella sede del comando tedesco e di impadronirsi di importanti documenti nonché di alcune cassette colme di diamanti custodite in una camera blindata. Grazie all'aiuto della moglie di un generale della Wermacht, un'ebrea di nome Cristina, i due americani e Rollman penetrano all'interno del comando tedesco e trafugano i documenti segreti e le cassette dei diamanti. A questo punto Cristina, ormai compromessa, deve seguire i tre nella loro fuga ma questo fatto fa cadere in disgrazia suo marito. Saranno i paracadutisti alleati, scendendo in gran numero dal cielo, a cambiare le sorti della battaglia.

CRITICA

"Probabilmente nelle intenzioni del regista esisteva l'ambizione di offrire un prodotto che, insieme alla spettacolarità (...) affrontasse alcuni temi della guerra, in una specie di grande affresco (...). I risultati sono estremamente modesti, non solo per il mancato approfondimento di qualsiasi aspetto della vicenda, ma anche proprio dal punto di vista spettacolare". (Anonimo, "Cinema Nuovo", n. 191, febbraio 1968). "Si tratta di una tipica storia poliziesco-spionistica insolitamente inquadrata nel clima dell'ultima guerra. Nonostante alcuni squilibri di tono e qualche ingenuità, il film si lascia vedere volentieri per la notevole spettacolarità di alcune sequenze." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 63, 1968)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica