SCHEDA FILM

Cronache di poveri amanti

Anno: 1953 Durata: 115' Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:romanzo omonimo di Vasco Pratolini

Produzione:COOPERATIVA SPETTATORI PRODUTTORI CINEMATOGRAFICI

Distribuzione:MINERVA FILM (1954) - AZZURRA HOME VIDEO

TRAMA

Intorno al 1925, Mario, giovane tipografo fiorentino, per essere più vicino alla sua fidanzata, Bianca, va ad abitare nella breve via del Corno e fa amicizia col maniscalco "Maciste", suo padrone di casa, e col fruttivendolo Ugo, tutti e due antifascisti. Accade che Alfredo Campolmi, proprietario di una pizzicheria, essendosi rifiutato di versare certi contributi al partito, viene selvaggiamente bastonato dai fascisti. Al capezzale del Campolmi, all'ospedale, Mario incontra spesso la moglie Milena, amica della sua fidanzata, Bianca, e se ne innamora: egli rompe il fidanzamento con Bianca. In un conflitto notturno con gli squadristi, Maciste viene ucciso; Ugo, ferito, si rifugia in casa della "signora", una strozzina che controlla gli interessi della contrada. Essendosi innamorato di Gesuina, la servetta, Ugo, una volta guarito, la sposa. Anche Alfredo Campolmi muore: Mario e Milena si sono confessati il loro amore, ma, per pietà verso il defunto, si separano. Più tardi anche Mario viene arrestato dalla polizia.

CRITICA

"Tutta la prima metà del film, e anche oltre, si distende in un suo crescendo, plastico e mosso, e culmina, come tensione, nell'episodio di una delle spedizioni punitive fasciste. Sin qui ci sarebbe poco da osservare. (...) Poi, nell'ultima parte, sarebbe stato opportuno un piglio altrettanto netto (...), invece il film si dilunga (...) creando più di un ristagno a danno di un vitale tessuto connettivo, di una serrata coerenza." (Mario Gromo, "Film visti", Mondadori, 19589 "Il racconto cinematografico, tratto dal romazo omonimo di Vasco Pratolini, notevolmete modificato e attenuato, si articola in sequenze tecnicamente notevoli e di dramamtoca coralità. Non difettano talune zone di cedimento e di confusione nel ritmo narrativo. Pregevoli l'interpretazione e la fotografia." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 35, 1954)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica