Criminali da strapazzo2000

SCHEDA FILM

Criminali da strapazzo

Anno: 2000 Durata: 94 Origine: USA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:-

Specifiche tecniche:35 MM (1:1,85) TECHNICOLOR

Tratto da:-

Produzione:DREAMWORKS PRODUCTIONS, HELEN ROBIN PER SWEETLAND FILMS

Distribuzione:CECCHI GORI DISTRIBUZIONE

TRAMA

Ray Winkler è un piccolo truffatore con grandi sogni. Reclutata sua moglie e qualche altro compagno di sventura, lascia il suo lavoro di lavapiatti e apre un negozio di dolci vicino a una banca. Mentre sua moglie lavora al negozio, lui e la sua piccola corte dei miracoli lavorano negli scantinati per introdursi nella banca. La ricchezza gli piove addosso da una direzione inaspettata e si realizzano appieno i suoi sogni ma... TRAMA LUNGA Uscito da poco di galera, Ray Winkler, che si ritiene fantasioso e pieno di ingegno, ne inventa un'altra delle sue. L'idea è quella di affittare un negozietto accanto ad una banca, scavare un tunnel sotterraneo e ripulire il caveau. Impresa facile e senza rischi, alla quale la moglie Frenchy acconsente solo per evitare le continue insistenze del coniuge. Per organizzare la squadra Ray va a recuperare tre elementi conosciuti in carcere e ansiosi di tornare a lavorare. Anche Frenchy viene coinvolta in prima persona: c'è infatti da inventare un'attività che si svolga in quel negozio-paravento, e la donna mette su una produzione di dolci fatti in casa. Passa qualche giorno e i quattro si dimostrano talmente incapaci col piccone da andare incontro a guai di ogni genere; mentre i biscotti di Frenchy ottengono un successo inatteso e di enormi proporzioni. L'attività si allarga, i guadagni aumentano, Frenchy è una donna molto ricca e vuole sentirsi in grado di frequentare le persone dell'alta società. Mentre è Ray stavolta ad essere contrario, la moglie si affida ai consigli di David, affascinante uomo del bel mondo che ben presto comincia a corteggiarla. Frenchy organizza grandi cene nella nuova lussuosa casa, si interessa di arte e letteratura, impara a parlare bene. Ma gli amministratori hanno approfittato della situazione, ci sono buchi di bilancio e tasse non pagate. E' la bancarotta, e il fallimento dell'azienda. David, che mirava ai soldi di lei, subito sparisce. Ray e Frenchy si ritrovano nell'appartamento per loro ora troppo grande. Lui la sera prima aveva rubato una collana ad un ricevimento ma adesso si accorge di aver preso la copia. Sono senza soldi ma hanno le idee più chiare. Si dichiarano reciproco amore.

CRITICA

"Non accadeva da tempo: pubblico e critica americana uniti nell'osannare l'ultima pellicola di Woody Allen. Dopo le recenti commedie sulla nevrosi - protagonisti uno scrittore, un giornalista e un chitarrista letteralmente a pezzi - i cui esiti in patria sono stati piuttosto fallimentari nonostante l'ampio impiego di luminose star, Allen torna alle atmosfere leggere di 'Prendi i soldi e scappa' e ad un genere di umorismo meno sofisticato". ('Ciak', agosto 2000) "Con il suo trentesimo film (il conto è giusto?), alla media di uno all'anno, Woody Allen si prende una vacanza dai bersagli alti, dai morality plays in forma di commedia, dai percorsi nella nostalgia, torna alle origini, ai tempi di 'Prendi i soldi e scappa', 'Bananas', 'Il dormiglione', e ci dà una commedia che vuole essere divertente (senza pudore) piena di gag (anche vecchiotte), di belle battute (e di battute facili)". (Irene Bignardi, 'la Repubblica', 7 settembre 2000) "'Criminali da strapazzo' fa ridere, però rischia di deludere i fan duri e puri di Allen, che sembra regredito agli albori del proprio cinema. Woody appare invecchiato. Proprio lui, che nella fase più ispirata della carriera ne aveva da vendere, non riesce più a esprimere novità o idee originali. Qui tutto (...) è già visto e un po' scontato. Strapazzato e rinsecchito, anche l'Allen attore ha l'aria stanca (...). Neppure le situazioni più efficaci vanno esenti da una certa prevedibilità. A meno che non si tratti di una crisi d'ispirazione accuratamente premeditata". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 16 dicembre 2000) "Ridere si ride, eccome. Però stavolta Woody va un pochino 'a programma'. Ma grado il solito jazz al posto giusto, la foto smaltata di Zhao Fei, le citazioni di vecchie e amatissimi film, si accontenta di sparare battute a raffica portando la drammaturgia in zona sit-com. Anche se per una volta si concede non una ma ben due grandi 'spalle' femminili. I duetti con Tracey Ullmann, moglie raggirata dall'arrampicatore Hugh Grant, e la cugina scema Elaine May valgono da soli il film". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 15 dicembre 2000) "Che festa è un nuovo film di Woody Allen, che torna alla farsa del suo primo periodo e offre anzi una doppia farsa. 'Fa conversazione e non parlare' è una delle battute della commedia semplice e divertente". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 15 dicembre 2000)

Trova Cinema

Box office
dal 5 al 8 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Frozen 2 - Il segreto di Arendelle  6.899.794
    Frozen 2 - Il segreto di Arendelle

    La Regina Elsa e la principessa Anna si spingeranno ancora oltre i confini del loro regno per scoprire qualcosa tenuto a lungo nascosto....

  2. 2. Un giorno di pioggia a New York  1.240.439
  3. 3. Cetto c'è, senzadubbiamente  1.115.564
  4. 4. L'ufficiale e la spia  721.370
  5. 5. Midway  576.769
  6. 7. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  224.251
  7. 8. Parasite  141.341
  8. 9. Il Peccato  136.808
  9. 10. Countdown  132.262

Tutta la classifica