Copia conforme2008

SCHEDA FILM

Copia conforme

Anno: 2008 Durata: 106 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Abbas Kiarostami

Specifiche tecniche:RED ONE CAMERA, DIGITALE, 4K REDCODE RAW STAMPATO A 35 MM - TECHNICOLOR

Tratto da:-

Produzione:ABBAS KIAROSTAMI, ANGELO BARBAGALLO CHARLES GILLIBERT MARIN KARMITZ NATHANAËL KARMITZ PER ABBAS KIAROSTAMI PRODUCTIONS, MK2 PRODUCTIONS, BIBI FILM, FRANCE 3 CINEMA

Distribuzione:BIM (2010)

ATTORI

Juliette Binoche nel ruolo di Gallerista francese
William Shimell nel ruolo di James Miller
Jean-Claude Carrière nel ruolo di Uomo in piazza
Agathe Natanson nel ruolo di Donna in piazza
Gianna Giachetti nel ruolo di Proprietaria del caffé
Adrian Moore nel ruolo di Il figlio
Angelo Barbagallo nel ruolo di L'interprete
Andrea Laurenzi nel ruolo di La guida
Filippo Troiano nel ruolo di Lo sposo
Manuela Balsimelli nel ruolo di La sposa
 

TRAMA

James è uno scrittore inglese giunto in Italia per tenere una conferenza sulla stretta relazione tra l'originale e la copia nell'arte, argomento del suo ultimo libro. Nell'occasione conosce una giovane gallerista d'origine francese e con lei si intrattiene amabilmente tra le stradine di un piccolo paese del sud della Toscana. Ben presto, però, James si ritrova coinvolto in un gioco pericoloso in cui sarà difficile riconoscere il vero dal falso.

CRITICA

"Uno storico dell'arte tiene una conferenza sul vero e il falso nell'arte (già va il primo sbadiglio). Juliette Binoche e lo storico dell'arte salgono in auto e continuano a parlare di vero e di falso (altri sbadigli). Vanno a prendere un caffè, lo fanno raffreddare, intanto chiacchierano in inglese (sbadiglissimi). Lui risponde al cellulare, Binoche parla in italiano con la padrona (lo spettatore che ama il cinema ha ormai la mascella slogata). Kiarostami in trasferta toscana è come Wenders in trasferta a Palermo: inutile, anche come richiamo per le vacanze intelligenti." (Mariarosa Mancuso, 'Il Foglio', 19 maggio 2010) "E veniamo al flop di giornata 'Copia conforme', un fiasco inaspettato per una serie di motivi. Primo: perché Abbas Kiarostami qui a Cannes ha solo incassato lodi, Secondo: 'Copia conforme' è interpretato (anzi abitato) da Juliette Binoche che addirittura ha dato la sua immagine a questo festival (chi immaginava che floppava?). Terzo: la pellicola girata in Toscana passa per italiana (che ridere, va a finire che le danno il prossimo David di Donatello). Bene a fine proiezione stampa, qualche applausino non tanto convinto e tanti buh. Parte degli applausini venivano dalle nostre palme. Ci ha fatto velo la Binoche che è deliziosa tanto da far dimenticare i non pochi sbadigli durante i cento minuti. I cento sono riempiti dai fittissimi battibecchi di una coppia non più giovane a zonzo per le colline toscane." (Giorgio Carbone, 'Libero', 19 maggio 2010) "Decisosi a girare un film di finzione per la prima volta fuori dalla sua terra natale, Kiarostami ha scelto la Toscana per ambientare una contraddittoria storia d'amore tra un professore inglese e una antiquaria francese (William Shimell, nella vita reale un apprezzato baritono, e Juliette Binoche). (...) Seguendo il flusso un po' magico e un po' ingannatore dei dialoghi, lo spettatore è portato a cercare una verità che il film non svela mai del tutto, tanto che uno sceneggiatore di gialli avrebbe molto da ridire sulle piste (false, apparenti o verosimili) che Kiarostami dissemina. Ma il senso del film (e anche il suo bello) è proprio il fatto che quella verità non potrà mai essere raggiunta. E non per un gioco perverso del regista, ma perché il cinema come mezzo espressivo è uno strumento di inganno capace di rendere credibile una 'falsa' realtà grazie alle 'menzogne' degli attori (e qui la Binoche è davvero eccellente). Un discorso che Kiarostami aveva già affrontato in 'Close-up' (1990) e di cui ci offre qui una variante più allegorica e filosofica. Anche perché, lontano dalle sue radici e dalla sua cultura, un vero autore non può che offrire una 'copia' di quello che di solito faceva in patria..." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 19 maggio 2010) "Dal corpo del capo fuori competizione ai pesi morti in concorso: su tutti, Abbas Kiarostami, che tra Arezzo e Lucignano fa una 'Copia conforme' (da oggi in sala con Bim) di 'Viaggio in Italia di Rossellini', facendo pure dire ai suoi personaggi che una buona copia è spesso meglio dell'originale ... Se il suo cinema, interpreti Juliette Binoche e l'esordiente baritono inglese William Shimell, ha perso la denominazione d'origine iraniana, Kiarostami ha provato a ritrovarla almeno verbalmente, dopo tanto silenzio sulla situazione in patria. Nel giorno in cui a Cannes si viene a sapere dello sciopero della fame iniziato da Jafar Panahi in carcere (dove sta dal 1° marzo), Abbas Cuor di Leone parte all'attacco: 'Non posso capire come un film possa essere un delitto e ancor meno un film che non è stato fatto', quello valso la reclusione all'amico-collega; 'Un cineasta in prigione è un fatto intollerabile'. Come dire, la copia conforme di un originale mai esistito: l'Abbas Kiarostami contro il regime iraniano." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 19 maggio 2010)

Trova Cinema

Box office
dal 16 al 19 gennaio

Incasso in euro

  1. 1. Il primo Natale  3.142.556
    Il primo Natale

    Salvo e Valentino, un ladro e un prete, si ritroveranno a fare un viaggio nel tempo, fino all'Anno Zero....

  2. 2. Frozen 2 - Il segreto di Arendelle  1.640.886
  3. 3. L'immortale  1.114.347
  4. 4. Cena con delitto - Knives out  1.024.963
  5. 5. Un giorno di pioggia a New York  395.422
  6. 6. Che fine ha fatto Bernadette?  180.700
  7. 7. L'inganno Perfetto  151.003
  8. 8. Cetto c'è, senzadubbiamente  142.592
  9. 9. L'ufficiale e la spia  127.337
  10. 10. Midway  87.261

Tutta la classifica