Cloverfield2008

SCHEDA FILM

Cloverfield

Anno: 2008 Durata: 85 Origine: USA Colore: C

Genere:AZIONE, FANTASCIENZA, THRILLER

Regia:Matt Reeves

Specifiche tecniche:PANASONIC AG-HVX200, SONY CINEALTA F23, THOMSON VIPER FILMSTREAM CAMERA, 35 MM (1:1.85)

Tratto da:Il film è stato ideato e prodotto da J.J. Abrams, la mente delle serie 'Alias', 'Felicity', 'Lost'.

Produzione:J.J. ABRAMS E BRYAN BURK PER BAD ROBOT

Distribuzione:UNIVERSAL, DVD: PARAMOUNT

ATTORI

Lizzy Caplan nel ruolo di Marlena Diamond
Jessica Lucas nel ruolo di Lily Ford
Michael Stahl-David nel ruolo di Rob Hawkins
Mike Vogel nel ruolo di Jason Hawkins
Odette Yustman nel ruolo di Beth McIntyre
T.J. Miller nel ruolo di Hud Platt
Margot Farley nel ruolo di Jenn
Theo Rossi nel ruolo di Antonio
Brian Klugman nel ruolo di Charlie
Kelvin Yu nel ruolo di Clark
Liza Lapira nel ruolo di Heather
Lili Mirojnick nel ruolo di Lei
Ben Feldman nel ruolo di Travis
Chris Mulkey nel ruolo di Tenente Colonnello Graff
 

SOGGETTO

Goddard, Drew
 

SCENEGGIATORE

Goddard, Drew
 

MONTAGGIO

Stitt, Kevin
 

SCENOGRAFIA

Whist, Martin
 

COSTUMISTA

Mirojnick, Ellen

TRAMA

All'inizio del film una didascalia avvisa che le immagini che seguono erano contenute in una telecamera ritrovata sul sito di Cloverfield, già noto come Central Park, New York. Durante una festa d'addio per un loro amico, cinque giovani newyorkesi restano coinvolti in un attacco alla città perpetrato da un gigantesco mostro misterioso. I tragici avvenimenti di quella sera ed i loro strenui tentativi di sopravvivenza sono stati registrati dalla loro videocamera...

CRITICA

Dalle note di regia: Un paio di anni fa ero in Giappone con mio figlio piccolo e sono rimasto molto colpito nel vedere nelle vetrine dei negozi molti giocattoli ispirati a Godzilla. Ho pensato che negli USA non c'er un equivalente e ho concepito la storia di 'Cloverfield'. "Sbilanciamoci. Tra qualche decennio si parlerà di un cinema 'prima' e 'dopo' Cloverfield. E' uno di quei film che segnano uno spartiacque. Non per quello che inventano, ma per come 'sistemano' cose che sono nell'aria, nella cultura, nello Zeitgeist - lo spirito del tempo - di un'epoca. 'Cloverfield' è nell'ordine: un film catastrofico, un film sulla sindrome post-11 settembre, una commedia di caratteri sui giovani yuppies globalizzati del XXI secolo, un finto home-movie - un film casalingo, 85 minuti che si immaginano ritrovati dentro una videocamera perduta su un campo di battaglia. 'Cloverfield' è 'Godzilla' più 'American Psyco' più 'Blair With Project'. E' un film che risolve in modo perfetto e definitivo uno dei grandi temi del cinema contemporaneo: la presenza, dentro i film, di immagini digitali, di riprese effettuate con videocamere portatili capaci di 'rubare' la realtà. E' il film che fonde il cinema-verità con la logica del reality, gli dà una cornice apocalittica e riesce a non fare impazzire la maionese. E' un film che sta al cinema di oggi come 'Sentieri selvaggi' stava al western o 'Cantando sotto la pioggia' al musical. E' un classico, in un'epoca in cui i classici sembravano finiti." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 1 febbraio 2007) "Il punto cruciale del film è proprio qui: credere che il meccanicamente voyeuristico che ha fatto la fortuna sui video dei computer di casa di You Tube possa essere meccanicamente riprodotto al cinema, dove invece l'identificazione tra spettatore e schermo scatta solo se esistono alcune condizioni precise. una delle quali è la leggibilità dei messaggi, la condivisibilità del quadro di riferimento. In 'Cloverfield' tutto questo non avviene: la frammentarietà delle riprese e del racconto agisce come una specie di incontrollabile 'reset' che rompe la tensione e disturba la visione, azzarando ogni volta il legame primario tra spettatore, schermo e sala buia su cui è costruito il meccanismo di fascinazione e di identificazione del cinema. (...) Atro discorso sarà il consumo televisivo (...) Certo è che al cinema la superficialità della sceneggiatura e la sfarinatura della tensione finiscono per rendere un pessimo servizio all'idea che i nuovi percorsi della paura debbano passare di qui." (Paolo Mereghetti, 'Il Corriere della Sera', 1 febbraio 2008)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica