CITY OF GHOSTS2002

SCHEDA FILM

CITY OF GHOSTS

Anno: 2002 Durata: 116 Origine: USA Colore: C

Genere:THRILLER

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:BANYAN TREE, MAINLINE PRODUCTIONS., KINTOP PICTURES, LIVING FILMS, ETERNITY PICTURES, MGM, SUD-EST, UNITED ARTISTS

Distribuzione:FANDANGO (2003)

TRAMA

Indagato per una truffa assicurativa finita male, il giovane truffatore newyorchese Jimmy Cremmins scappa dagli Stati Uniti e trova rifugio in Cambogia, a Bangkok, sulle tracce del suo 'maestro' Marvin che è fuggito via portando con sé il bottino. Giunto in Oriente, dopo qualche tempo riesce ad incontrare Marvin che tenta di persuaderlo ad unirsi a lui nella sua nuova (e legittima) impresa. Jimmy, tuttavia, è determinato a recuperare i soldi che gli sono dovuti per tentare di ricominciare da capo, stimolato, in questo, dall'amore che sta sbocciando per l'archeologa Sophie. Quando Marvin scompare, Jimmy non tarda a rendersi conto che si tratta dell'ennesima truffa organizzata, questa volta, ai danni di persone sbagliate e assai pericolose. Per questo si mette alla sua ricerca in un ambiente misterioso e ostile dove anche il più incallito dei criminali potrebbe trovare delle difficoltà.

CRITICA

"Erano dieci anni che pensavo a questo film, ha rivelato il neo regista Matt Dillon, per giustificare l'uscita del suo 'City of Ghosts'. Considerati i modesti risultati, è sperabile che il prossimo film lo giri dopo una riflessione più stringata. (...) Tirando le somme, senza ovviamente rivelare il finale, è un film a cavallo tra avventura e poliziesco, cupo, violento e dispersivo, che penetra faticosamente nelle psicologie e non dà mai la scossa dell'emozione. Tra maschi con la barba di tre giorni e l'ultimo lavaggio del mese prima, la sempre fresca Natascha McElhone è l'unica (si suppone) a profumare di bucato": (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 6 giugno 2003) "Cupo, violento e dispersivo poliziesco del neoregista Matt Dillon, che dirige se stesso in un film che penetra faticosamente nelle psicologie, offrendo come novità l'ambientazione esotica. Tra maschi con la barba di tre giorni e l'ultimo lavaggio del mese prima, la sempre fresca Natascha McElhone è l'unica (si suppone) a profumare di bucato." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 15 maggio 2004) "'City of Ghosts', prima regia nel lungo di Matt Dillon, rispolvera la penna di Barry Gifford ('Cuore selvaggio'), maestro nel creare figure fuori dell'ordinario. Dillon sa che il noir è atmosfera, ignorando trama e società per concentrarsi sul rapporto padre-figlio. I duetti con Caan sono molto belli. Peccato per un finale fiacco e dei personaggi femminili troppo ingombranti per essere così insignificanti". (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 6 giugno 2003). "Malgrado i cinque anni per scrivere la sceneggiatura e l'aiuto del dotato Barry Gifford, collaboratore di Lynch, il film fortissimamente voluto da Matt Dillon non è granché. Se la storia, che aspira un po' a Conrad un po' a Greene, si avvita su se stessa riproponendo troppe volte le stesse situazioni, l'ambientazione è suggestiva: peccato che l'esordiente Matt non sappia bene dove posizionare la macchina da presa e si contenti di metterla un po' dove capita. James Caan è un 'padrino' ammiccante e manierato; Stellan Skarsgard fa un cattivo da fumetto. Quanto a Depardieu, gli perdoni il Cielo l'ennesimo macchiettone; noi siamo arrivati al limite". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 7 giugno 2003) "Raccontandoci la storia di un mini truffatore che va a cercare il suo ispiratore e la sua parte di bottino, un James Caan invecchiato e collegato con la malavita locale, l'attore rimane al di quale di un film che non riesce ad esprimere, a drammatizzare, a evocare, le cui atmosfere sono solo annunciate, i cui personaggi sono un mix di folklorismo vecchio stile, come il Depardieu albergatore extralarge, i cui sentimenti sono didascalicamente riassunti nella love storiella con Sophie, archeologa che ama la civiltà in toto. Ma il film non inizia mai, sembra fatto col materiale non girato: e quando inizia è di una noia davvero fuori dal comune". (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 7 giugno 2003)

Trova Cinema

Box office
dal 10 al 13 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica