Ci vediamo a casa2011

SCHEDA FILM

Ci vediamo a casa

Anno: 2011 Durata: 108 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Maurizio Ponzi

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:-

Produzione:PRODOTTO DA DAMIANO ANDRIANO PER DALEX FILM S.R.L. IN COLLABORAZIONE CON RAI CINEMA

Distribuzione:MICROCINEMA

ATTORI

Ambra Angiolini nel ruolo di Vilma
Edoardo Leo nel ruolo di Franco
Antonello Fassari nel ruolo di Giulio
Myriam Catania nel ruolo di Gaia
Giulio Forges Davanzati nel ruolo di Stefano
Nicolas Vaporidis nel ruolo di Enzo
Primo Reggiani nel ruolo di Andrea
Giuliana De Sio nel ruolo di Madre di Enzo
Federico Rosati nel ruolo di Giordano
Alessandro Nardocci nel ruolo di Federico
Francesca De Martini nel ruolo di Madre di Gaia
Claudio Spadaro nel ruolo di Padre di Gaia
Claudio de Pasqualis nel ruolo di Avvocato
Federico Scribani Rossi nel ruolo di Prete
Isabelle Adriani
 

MUSICHE

Felli, Andrea
 

MONTAGGIO

Montanari, Luca
 

SCENOGRAFIA

Brugnoli, Gianni
 

COSTUMISTA

Cioncolini, Stefano

TRAMA

Tre storie di coppie, molto diverse tra loro, ma tutte assillate dallo stesso problema: trovare casa. Vilma e Franco vivono in periferia e sognano una casa tutta per loro, ma realizzare il loro desiderio sembra impossibile. Così, pur di vivere insieme, accettano l'ospitalità di Giulio, un amico pensionato. I pochi metri quadri e tanti piccoli incidenti, però, renderanno la convivenza a tre meno facile del previsto. Gaia sta arredando il suo nuovo loft. Stefano è uno scapolo impenitente. I due si sono conosciuti da poco al circolo del tennis e, più per necessità che per convinzione, Gaia si è trasferita a casa di Stefano. Ben presto, entrambi si renderanno conto di non essere compatibili per vivere sotto lo stesso tetto. Enzo vive a casa con la madre e per hobby canta in un coro. Andrea è un poliziotto alloggiato in caserma. I due ragazzi si frequentano da poco e tutto sembra andare per il meglio, fatta eccezione per qualche indagine di troppo e una madre troppo ingombrante.

CRITICA

"Desolante commedia all'Italiana, o meglio alla romanesca, che con il fragile pretesto del caro affitti, inscena tre storielle di rara inconsistenza e dall'umorismo prossimo allo zero. La meno sciapa è quella con Ambra Angiolini. Tra le altre impossibile individuare la peggiore, nonostante l'impegno dell'imbambolato gay Nicola Vaporidis." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 29 novembre 2012) "Se un ragazzo, avendo detto alla sua ragazza «ci vediamo a casa», si sente rispondere «da me o da te?», può ritenersi un fortunato. I suoi coetanei, infatti, nella maggioranza dei casi e soprattutto quando cominciano ad avere una relazione amorosa, si scontrano subito con il problema della casa, perché o vivono ancora con i genitori o dormono presso qualche comunità, come, ad esempio, una caserma. Su questi spunti, il film di oggi, scritto e diretto da Maurizio Ponzi dopo le sue tre commedie di successo per Francesco Nuti negli anni Ottanta ed anche, molto di recente, dopo quel film sul cinema nella Roma del '43 che si intitolava 'A luci spente'. (...) Una commedia, naturalmente, ma leggera e spesso attenta a seguire questa o quella evoluzione psicologica che, all'interno di qualche episodio, tende con una certa finezza a suscitare ombre e sospetti mai risolti fino in fondo. Con il gusto di provocare sorprese e anche qualche tensione almeno in quegli spettatori che, cominciando ad affezionarsi ai personaggi, si augurano di non vederli soggiacere a certi ostacoli. Gli interpreti concorrono con disinvoltura, anche piacevolmente, e chi non fa parte dei duetti come Giuliana De Sio nel personaggio di una madre giovanile, esibisce abilmente colori vividi; spesso con perfidia." (Gian Lugi Rondi, 'Il Tempo', 29 novembre 2012) "Ci si sente un po' fessi, a ribadire certe ovvietà, ma forse «repetita juvant»: almeno dai tempi di 'Guardie e ladri' la nostra commedia è il termometro del Paese, la messinscena di desideri e paure, in una parola: l'Italia. Maurizio Ponzi non è nato come regista di commedie (i suoi esordi avvennero a cavallo fra Pasolini e il cinema sperimentale) ma ha dato il meglio di sé nella commedia «di costume», tra l'altro dirigendo Francesco Nuti a inizio carriera nei suoi tre film più belli ('Madonna che silenzio c'e stasera', 'Io Chiara e lo Scuro', 'Son contento'). Ad una prima lettura, il suo nuovo 'Ci vediamo a casa' non è nemmeno una commedia in senso stretto: si sorride, più che ridere, e qua e là ci si intenerisce per le vicende tragicomiche dei personaggi. Ma della commedia 'Ci vediamo a casa' ha la struttura ben calibrata (sceneggiatura di Piero Spila, Stefano Tummolini, Giancarlo De Cataldo e dello stesso Ponzi) e il gusto per l'osservazione ironica della realtà. Mescola tre storie (non tre episodi!) raccordandole nel finale in modo felicemente fluido. E proprio dal finale, per sottolineare uno dei punti da cui siamo partiti (il cinema come specchio dei desideri), bisogna partire. (...) Funzionano magnificamente le prime due storie, un po' meno la terza, ma la visione è piacevolissima." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 29 novembre 2012)

Trova Cinema

Box office
dal 3 al 6 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica