Chi si ferma ? perduto1960

SCHEDA FILM

Chi si ferma è perduto

Anno: 1960 Durata: 102 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:COMMEDIA

Regia:Sergio Corbucci

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:CINEPRODUZIONI EMO BISTOLFI

Distribuzione:TITANUS - REGIONALE

ATTORI

Totò nel ruolo di Antonio Guardialavecchia
Peppino De Filippo nel ruolo di Peppino Calabona
Aroldo Tieri nel ruolo di Matteo Rossi
Luigi De Filippo nel ruolo di Donato Cavallo
Alberto Lionello nel ruolo di Mario Rossi
Alberto Talegalli nel ruolo di Cliente che protesta
Mario Castellani nel ruolo di Amilcare Pasquetti
Lia Zoppelli nel ruolo di Giulia Pasquetti
Jacqueline Pierreux nel ruolo di Teresa, la moglie di Peppino
Luigi Pavese nel ruolo di Cesare Santoro
Anna Campori nel ruolo di Italia, la moglie di Antonio
Pietro De Vico nel ruolo di Cameriere
Renzo Palmer nel ruolo di Cavicchioni
Peppino De Martino nel ruolo di Antiquario
Enzo Petito nel ruolo di Napoleone
Rita Cuttica nel ruolo di Sposina
Vittorio Vaser nel ruolo di Proietti
Solvejg D'Assunta nel ruolo di Assunta
Nando Angelini nel ruolo di Sposino
Angela Passalacqua
Angela Portaluri
Gino Scotti
Marisa Traversi
 

MUSICHE

Ferrio, Gianni
 

MONTAGGIO

Tamburini, Dolores
 

SCENOGRAFIA

Lolli, Franco
 

COSTUMISTA

Di Bari, Dina

TRAMA

Antonio Guardalavecchia e Peppino Colabona sono vecchi amici e lavorano a Napoli nello stesso ufficio in un'azienda di trasporti. I due, per la loro anzianità di servizio, potrebbero aspirare alla promozione, ma il Capo Ufficio Santoro, dispotico e brutalmente aggressivo, sbarra loro la strada. Le rispettive mogli, che ambiscono a migliorare la loro condizione, sono poco orgogliose dei loro mariti. Quando, improvvisamente, il cav. Santoro muore, i due si scatenano per ottenerne la successione. Anzitutto sono costretti a far scomparire le loro note negative e lo fanno scassinando nottetempo la cassaforte. Poi devono vincere la lotta tra loro per conquistare le simpatie dell'ispettore. Guardalavecchia predispone le cose in modo di trovarsi in treno col suo superiore e, senza che lui sospetti nulla, rendersi utile. Senonché sullo stesso treno viaggia un'altro Rossi, anche lui Ispettore, ma scolastico, che si reca a Napoli per ragioni di ufficio. In base a questo "equivoco" le cose si complicano. Inoltre sopraggiunge anche il titolare della Ditta con la sorella nubile alla quale Guardalavecchia cerca di fare la corte per ottenere il sospirato posto. Ma tutti i nodi vengono al pettine...

CRITICA

"Il film, sfruttando i soliti luoghi comuni attinenti al genere farsesco e alle caratteristiche dei due protagonisti, riesce piuttosto prolisso e assai modesto." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 49, 1961) "(Il film) appartiene (...) al filone facile, preveduto e volgaruccio (...). Qualche invenzione verbale, un'eccellente interpretazione della coppia De Filippo-Totò, non sono certo sufficienti per invitare ad un onesto divertimento lo spettatore di gusto". (Pietro Bianchi, "Il Giorno", 16 dicembre 1960)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica