SCHEDA FILM

Chi l'ha vista morire?

Anno: 1971 Durata: 95 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:GIALLO

Regia:Aldo Lado

Specifiche tecniche:TECHNISCOPE, TECHNICOLOR

Tratto da:-

Produzione:DORIA (ROMA) PER DORIA FILM PRODUZIONI, DUNHILL CINEMATOGRAFICA (ROMA), DIETER GEISSLER FILMPRODUKTION (MONACO), JADRAN FILM (ZAGABRIA).

Distribuzione:REGIONALE

ATTORI

George Lazemby nel ruolo di Franco Serpieri
Anita Strindberg nel ruolo di Elizabeth Serpieri
Adolfo Celi nel ruolo di Serafian
Dominique Boschero nel ruolo di Ginevra Storelli
Peter Chatel nel ruolo di Philip Vernon
Alessandro Haber
José Quaglio
Nicoletta Elmi
Piero Vida
 
 

MONTAGGIO

Curi, Angelo

TRAMA

A Mégève, in Francia, la piccola Nicole viene uccisa mentre gioca sulla neve; la governante, Ginevra Storelli, si trasferisce a Venezia: il caso viene archiviato. Quattro anni dopo, nel 1972, un'altra bambina, Roberta, da poco giunta a Venezia, proveniente da Amsterdam, dove viveva con la madre Elizabeth, viene trovata uccisa. Il padre, lo scultore Franco Serpieri, comincia da solo a cercare il responsabile della morte di Roberta, avendo scarsa fiducia nell'azione del commissario De Donato. Analogie con la precedente morte di un'altra bambina lo spingono verso persone che conosce ma che non frequenta: il mercante Serafian; una sua amica, Ginevra Storelli; l'amante di questa, Filippo Venier; lo storpio figlioccio di Serafian; un avvocato equivoco, Bonaiuti. Le indagini non provocano altro che la morte di quasi tutti i personaggi sospetti, e mettono in pericolo la vita degli stessi coniugi Serpieri (Elizabeth è nel frattempo arrivata a Venezia). Lo scultore poi scopre che l'assassino è un sacerdote, padre James, che mediante le azioni delittuose intendeva "vendicarsi" dell'attività di prostituta della madre, e impedire che delle bambine potessero crescere nel vizio.

CRITICA

"Scarse capacità tecniche al servizio di un film confuso e artificioso. Questa povertà nella realizzazione non rende meno grave l'indegnità morale di cui l'opera è imbevuta, indegnità che si configura nell'ingannare le attese degli spettatori (che si aspettavano un vero e proprio "giallo", com'era nelle promesse e premesse di questo film), e nel turbarli spiritualmente per mezzo di un'orripilante sequela di scene sadiche o di sequenze erotiche." ('Segnalazioni Cinematografiche')

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica