SCHEDA FILM

Che gioia vivere

Anno: 1961 Durata: 73 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:SATIRICO

Regia:-

Specifiche tecniche:DYALISCOPE

Tratto da:un'idea di Gualtiero Jacopetti

Produzione:FRANCO MAGLI PER CIN.CA RIRE, TEMPO FILM (ROMA), FRANCINEX (PARIGI)

Distribuzione:CINERIZ

TRAMA

Roma 1921. Dopo la naja, Ulisse e Turiddu non se la sentono di tornare al loro paesello e decidono di rimanere nella grande città. Allettati da un premio di ingaggio, s'iscrivono ai fasci di combattimento e vengono incaricati di svolgere un'inchiesta fra le tipografie cittadine per scoprire dove sono stati stampati certi volantini di propaganda antifascista. Saputo che i manifestini sono usciti dalla tipografia Olinto & Figli, Ulisse capisce che i tipografi sono una simpatica famiglia e che la figlia più giovane di Olinto è una bella e brava ragazza. Per questo motivo decide di farsi assumere come apprendista tipografo. Frequentando i Fossati viene a scoprire che sono in rapporto con un gruppo di anarchici, ma a lui, in fondo, la politica non interessa, quindi fa finta di niente. Più tardi, però, è costretto a farsi passare per anarchico col nomignolo di "El camposanto", e viene incaricato di compiere un attentato durante la visita a Roma di quattro generali. Accade però che il piano va all'aria perché la famiglia Fossati è schedata dalla polizia e tutti vengono arrestati preventivamente. Ma dalla prigione si può evadere e il nostro eroe, per mantenere fede alla promessa, approfitta per andare, insieme alla figlia del signor Olinto, a compiere l'attentato. Naturalmente Ulisse è tutt'altro che propenso a compiere violenze e le sue bombe sono soltanto dei... cavolfiori! In città giungono però due autentici terroristi che mettono nei guai Ulisse, ritenuto il vero attentatore. Ulisse scopre casualmente dove i terroristi intendono collocare le bombe e tenta di sventare i loro piani, ma la sua opera è ostacolata dai fascisti che, invece, desiderano che gli attentati riescano per poter, poi, reagire a loro modo. Comunque tutto finisce nel modo migliore: le bombe scoppiano ma per la previdenza di Ulisse, senza danni. Ulisse viene però pestato dai fascisti e torna in carcere perché considerato un pericoloso anarchico...

CRITICA

"Una regia attenta e calibrata e la buona interpretazione di un notevole complesso di attori, fa sì che il film risulti assai divertente e brillante. Ottima la ricostruzione ambientale e piena di finezze la satirica rievocazione del costume dei tempi." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 50, 1961)

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica