SCHEDA FILM

Cavalcata d'eroi

Anno: 1949 Durata: 90 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:STORICO

Regia:Mario Costa

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:ALBERTO ATTILI PER VULCANIA COMPAGNIA

Distribuzione:REGIONALE

ATTORI

Cesare Danova nel ruolo di Massimo Ruffo
Carla Del Poggio nel ruolo di Giulia Fabbri
Camillo Pilotto nel ruolo di Alessandro Fabbri
Otello Toso nel ruolo di Angelo Masina
Paola Borboni nel ruolo di La marchesa Ferrari
Achille Majeroni nel ruolo di Il vescovo
Alfredo Varelli nel ruolo di Luciano Manara
Anita Durante
Antonio Gradoli
Arturo Dominici nel ruolo di Generale Giletti
Attilio Dottesio nel ruolo di Mazzini
Ave Ninchi nel ruolo di Aurelia
Carlo Romano nel ruolo di Paolo Tassoni
Carlo Tamberlani nel ruolo di Pisacane
Dante Maggio nel ruolo di Ciccillo
Fosca Freda
Germana Paolieri nel ruolo di La duchessa
Giorgio Costantini
Laura Holt
Marco Viacrio nel ruolo di Mario
Mario Ferrari nel ruolo di Generale Odinot
Peppino Spadaro nel ruolo di Capitan Turi
Ugo Sasso nel ruolo di Giuseppe Garibaldi
Vittorio Sanipoli nel ruolo di Ottavio Monis
 

SOGGETTO

Costa, Mario
 

MONTAGGIO

Colangeli, Otello
 

SCENOGRAFIA

Giovagnoli, Lamberto

TRAMA

A Roma si sono verificati dei moti rivoluzionari: Pio IX ha lasciato la città. Mentre gli eventi portano alla proclamazione della Repubblica Romana, il Papa chiede aiuto alla Francia. Goffredo Mameli, Angelo Masina e Luciano Manara stringono amicizia con Massimo Ruffo, un pittore esiliato dai Borboni per le sue idee politiche. Una mattina i quattro amici costringono alla fuga i briganti, che hanno dato l'assalto ad una diligenza, diretta a Roma. Sono tra i passeggeri la contessa Ferreri e sua nipote Giulia: tra Giulia e Massimo nasce fulmineo l'amore. Ma la fanciulla è fidanzata al conte Noris, emissario del Governo francese, che il padre di Giulia desidera avere amico. Le truppe d'Oudinot, sbarcate a Civitavecchia, vengono respinte: viene concordata una tregua, durante la quale Giulia, abbandonata la casa paterna, s'unisce a Massimo. I combattimenti riprendono e, malgrado il loro eroico valore, i repubblicani devono ritirarsi di fronte alle truppe francesi numericamente preponderanti. Caduti gli ultimi baluardi, l'Assemblea Nazionale è costretta ad offrire la resa. Garibaldi con pochi compagni lascia Roma, per raggiungere Venezia. Lo seguono, tra gli altri, Massimo e sua moglie Giulia, che ha avuto il perdono paterno.

CRITICA

"(...) Nonostante la superficialità con la quale il racconto è stato svolto, non è il caso di gettare la croce addosso al regista, sia per le buone intenzioni mostrate, sia perchè in effetti il film è di carattere strettamente commerciale e quel che mostra vale(...)". (F. Gabella, "Intermezzo", n. 3 e 4 del 28 febbraio 1951)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica