American Buffalo1996

SCHEDA FILM

American Buffalo

Anno: 1996 Durata: 88 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:NORMALE A COLORI

Tratto da:Testo teatrale di David Mamet

Produzione:GREGORY MOSHER

Distribuzione:CECCHI GORI DISTRIBUZIONE (1997) - CECCHI GORI HOME VIDEO

TRAMA

Convinto di essere stato raggirato da un cliente - che ha pagato una forte somma di denaro per avere una moneta con impressa una testa di bufalo - il rigattiere Don si confida con l'amico Teach. Insieme decidono di organizzare una rapina ai danni del cliente, attirato nel negozio del rigattiere con un inganno. Ma il vero scopo di Teach è quello di togliere di torno Bobby, il giovane assistente del rigattiere che questi considera come un figlio.

CRITICA

"Di uno sterminio morale sono vittime anche i protagonisti della commedia di David Mamet 'American Buffalo'. Sceneggiato dallo stesso Mamet - che ha adattato al taglio, ai ritmi e alle scansioni del cinema i toni e i tempi della pièce teatrale -, diretto da Michael Corrente - che ha interpretato egregiamente questa trasposizione -, 'American Buffalo' è una metafora sulla sindrome dell'escluso, sull'inganno, sul raggiro, sul plagio esercitati nelle forme più subdole. Rese ancora più sordide e abiette dalla miseria morale che le determina". (Enzo Natta, 'Famiglia Cristiana', 16 luglio 1997) "Come il solito, il teatro di Mamet è la combinazione di un puntiglioso microrealismo plebeo e di una tecnica allusiva (più che simbolica) che spinge il testo verso l'astrazione e che esige una raffinata 'mala fede': lo scrittore finge di dire e non dice oppure finge di non dire e dice. L'ambientazione 'bassa' dei suoi copioni comporta il ricorso al turpiloquio, nel quale Mamet fa figura di maestro. Guido Almansi lo definisce 'un cantore della bestemmia e dell'invettiva'. Il suo motto potrebbe essere 'Turpiloquor, ergo sum'. Come accorgersene, però, se nella traduzione italiana il testo è stato passato in candeggina e se l'orchestrazione linguistica delle parolacce si disperde nella nostra lingua?" (Morando Morandini, 'Il giorno', 18 giugno 1997) "In un film ristretto a tre soli personaggi e negli angusti spazi di un negozio ingorgato di cianfrusaglie, la regia di Michael Corrente, al suo secondo film dopo il forse sopravvalutato 'Federal Hill', ma di formazione ed esperienze tutte teatrali non si scosta dagli schemi convenzionali delle play teatrali riportate sul set e non si concede arditezze tecniche, tanto meno graffianti trasparenze metaforiche alla Robert Altman. Ma American Buffalo ha due rimarchevoli atout a proprio vantaggio, il testo di David Mamet e l'interpretazione di Dustin Hoffman". (Alberto Pesce, 'Il Giornale di Brescia', 15 giugno 1997)

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica