A Star Is Born2018

SCHEDA FILM

A Star Is Born

Anno: 2018 Durata: 135 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO, MUSICALE, ROMANTICO

Regia:Bradley Cooper|Clint Eastwood

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:BILL GERBER, JON PETERS, BRADLEY COOPER, TODD PHILLIPS E LYNETTE HOWELL TAYLOR PER MALPASO PRODUCTIONS, GERBER PICTURES, THUNDER ROAD PICTURES, LIVE NATION, METRO-GOLDWYN-MAYER (MGM), JOINT EFFORT

Distribuzione:WARNER BROS. PICTURES

ATTORI

Bradley Cooper nel ruolo di Jackson Maine
Lady Gaga nel ruolo di Ally Stefani Germanotta
Sam Elliott nel ruolo di Bobby
Andrew Dice Clay nel ruolo di Lorenzo
Beyoncé Knowles nel ruolo di Esther Blodgett/Vicki Lester
Tom Cruise nel ruolo di Norman Maine
 

MONTAGGIO

Cassidy, Jay Lash
 

SCENOGRAFIA

Murphy, Karen
 

COSTUMISTA

Benach, Erin

TRAMA

Un divo del cinema, la cui fama rischia di imboccare il viale del tramonto a causa dei suo problemi di alcolismo, decide di aiutare una giovane cantante-attrice a muovere i passi giusti per raggiungere il successo...

CRITICA

"Bisogna ammettere che Lady Gaga non sfigura, soprattutto rispetto alla Streisand: sulla forza della voce (che nel film si presenta con un'intensa esecuzione di 'La vie en rose') non c'erano certo da aspettarsi sorprese, ma anche la parte recitativa è piuttosto soddisfacente. Come si dice non sarà Sarah Bernhardt, ma certe idee di regia, come nella scena in cui si fa guardare con una sopracciglia applicata e l'altra no, aiutano a darle un'identità che non si dimentica." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 1 settembre 2018) "Se Cooper dimostra buone capacità registiche dando nuova voce, anima e corpo a un cinema popolare hollywoodiano soffocato da commediacce e supereroi, se nei panni di Jackson, bello, dannato e votato all'autodistruzione, farà sospirare non poco il pubblico femminile, la vera sorpresa è proprio Lady Gaga che recita per lo più senza trucco, in una veste acqua e sapone decisamente inedita e affascinante, sgranando i suoi grandi occhi su un mondo che sembra guardare davvero per la prima volta." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 1 settembre 2018) "(...) non è nata una stella del pop, quello lo sapevamo già, né una nuova Meryl Streep. Ma Stefani Germanotta, una Lady Gaga senza plateali maquillage o provocazioni, ha il carisma coinvolgente da diva un po' rétro. (...) La chimica sullo schermo tra Cooper e Gaga funziona (...)." (Arianna Finos, 'La Repubblica', 1 settembre 2018) "(...) la storia è proprio sempre quella, Cooper ci mette il suo fascino da seduttore hollywoodiano, una voce invidiabile e alcuni trucchetti alla chitarra per rendere plausibile il suo personaggio. Ma il suo vero talento è stato quello di coinvolgere Lady Gaga. Per diversi motivi. II primo è musicale, lei ha scritto le canzoni del film e questo è già un valore aggiunto. Poi le canta e questo alza ancora di più lo spessore spettacolare perché anche per i frequentatori meno assidui della scena musicale risulterà difficile rimanere indifferenti di fronte allo sfoggio del talento spaventoso di Lady Gaga (...). Se tutto questo non bastasse la nostra riesce a dare di Ally (così è ribattezzata per i nostri tempi la protagonista) un'interpretazione decisamente efficace. Forse proprio perché non deve dimostrare nulla ai soloni del marketing hollywoodiano, il suo personaggio risulta molto più intenso e credibile del bonazzo Jackson-Cooper che si deve fare carico del tormento della condizione e indugia in lunghi silenzi che dovrebbero far salire il tasso di drammaticità, mentre fanno solo allungare la durata del film. Che sembra diretto sulla base di un algoritmo per raggiungere emotivamente lo spettatore. Sam Elliott, la voce più cavernosa del cinema statunitense, duetta con il fratellastro Cooper e si rinfacciano il copyright nella narrazione del film, ma la vera grande protagonista è lei che qui si presenta molto più come Germanotta che come Lady Gaga. Le mise stravaganti sono bandite come il trucco. Rimane il suo talento puro, capace di sostenere l'intero film." (Antonello Catacchio, 'Il Manifesto', 1 settembre 2018) "È nata una stella, e non è solo un titolo: Lady Gaga dimostra che oltre all'ugola c'è di più (...). Il testimone Stefani Joanne Angelina Germanotta l'ha preso da Barbra Streisand che nel 1976, al terzo 'A Star Is Born' dopo l'originale di William Wellman (1937) e il remake di George Cukor con Judy Garland (1954), duettava con Kris Kristofferson per Frank Pierson: non ne fa sentire la mancanza, e il merito è anche del partner, Bradley Cooper, che abbandonate le 'Notti da leoni' si riscopre uno e bino, ovvero interprete e neo-regista. (...) Una coppia per l'award season stelle e strisce, e ancor prima per il botteghino (...), ed è presto spiegato: il paso doble di Jackson Maine (Cooper), svelto di chitarra e ancor più di bicchiere, e la cameriera orfana di palco e sogni Ally (Gaga) allinea esecuzioni accorate (...) e romanticismo genuino, centrando tenerezze non addomesticate e battute non pastorizzate. (...) 'A Star Is Born' è troppo lungo e un po' involuto nella seconda parte, ma tutt'altro che disprezzabile (...), perché la chimica tra Gaga e Cooper c'è, si sente (...) e si vede." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 1 settembre 2018) "(...) poteva (...) fermarsi a un cortometraggio, migliorando una sceneggiatura di lungaggini e cose risapute, la rivisitazione di un classico come 'A Star Is Born' (da Cukor a Wellman e la Streisand) diretto da Cooper, ottimo interprete, ma mediocre direttore alla prima esperienza: sequenze troppo lunghe, primi piani al triplo della loro durata massima, e un errare di sviluppo del personaggio di Lady Gaga, dalle stalle alle stelle senza un vero training artistico e umano che ci convinca e coinvolga (...)."(Silvio Danese, 'Nazione-Carlino-Giorno', 1 settembre 2018) "(...) Lady Gaga (... ) coglie l'occasione per confermarsi ottima cantante ma soprattutto, come già altre star musicali, regalarsi una nuova immagine virginale. L'occasione invece non è colta dal neofita Bradley Cooper che del mito di Pigmalione sullo schermo regala una versione esile, sottile, sicuramente scempia." (Andrea Martini, 'Nazione-Carlino-Giorno', 1 settembre 2018) "Il risultato è un film musicale stilisticamente non del tutto riuscito, in grado comunque di mettere in risalto la bravura di entrambi i protagonisti." (Giulia Bianconi, 'Il Tempo', 1 settembre 2018)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Mamma mia! Ci risiamo  1.072.481
    Mamma mia! Ci risiamo

    Andando avanti e indietro nel tempo per mostrare come le relazioni forgiate nel passato risuonano nel presente......

  2. 2. Hotel Transylvania 3 - Una vacanza mostruosa  1.035.886
  3. 3. Mission: Impossible - Fallout  924.596
  4. 4. Resta con me  587.318
  5. 5. Slender man  582.357
  6. 7. Ritorno al Bosco dei 100 Acri  276.742
  7. 8. Come ti divento bella  197.164
  8. 9. Ride  172.351
  9. 10. Revenge  135.224

Tutta la classifica