NEWS a cura di Cinematografo.it

08 settembre 2011

Che Orizzonti alle spalle!

Successo per la retrospettiva sperimentale 1960-1978: da Anna ai "Woody Allen di Campo de' fiori", è il Lido della memoria

Prosegue con successo la retrospettiva Orizzonti 1960-1978, a cura di Enrico Magrelli, Domenico Monetti e Luca Pallanch, che sta riportando alla luce opere sperimentali dimenticate nel flusso della memoria del cinema italiano: dal restauro, a cura della Cineteca Nazionale e della Cineteca di Bologna, del capolavoro dell'underground italiano Anna di Alberto Grifi e Massimo Sarchielli, con la presentazione di sequenze inedite prelevate dalle 11 ore di girato del film, preludio a un recupero completo dell'opera; all'omaggio a Carmelo Bene, ripartendo dal suo primo cortometraggio, Hermitage, interamente girato in una stanza d'albergo, accompagnato dalle prove teatrali, nell'appartamento dell'attrice Maria Monti, immortalate in Bis dal compianto filmaker Paolo Brunatto, e dalle sperimentazioni vocali del saggio di diploma CSC Il canto d'amore di Alfred Prufrock di Nico D'Alessandria. La voce di Carmelo Bene, inseguendo, sulle note dissonanti di Luciano Berio, i versi di T.S. Eliot, fa da ideale colonna sonora alla retrospettiva, nella quale i cortometraggi di Mario Schifano esibiscono corpi e volti di occasionali interpreti (Marco Ferreri, Renato Salvatori, Annie Girardot, Keith Richard, Gerard Malanga) cancellando parole, suoni, rumore per privilegiare un flusso inarrestabile di immagini che travolge il clima felice degli anni sessanta. Accanto a questi nomi notissimi, qui colti nella fase primordiale di massima creatività, la retrospettiva ha rivelato piccoli gioielli nascosti: Inquietudine (pedinamento zavattiniano dell'artista maudit Franco Angeli) e Zooomm Track! del fotografo Mario Carbone, Kappa e Soglie dello scenografo Nato Frascà, i cortometraggi beat di Romano Scavolini e quelli metropolitani del misteriosissimo fotoreporter Axel Rupp, l'inedito saggio di diploma CSC Sul davanti fioriva una magnolia… di Paolo Breccia, e i film dei "Woody Allen di Campo de' Fiori", i gemelli Mario e Fabio Garriba, con le loro declinazioni grottesche sul tema della morte (In punto di morte, Pardo d'oro al Festival di Locarno 1971, I parenti tutti e Voce del verbo morire). E a distanza di 40 anni, dalla sua presentazione veneziana, è tornato a ruggire Il potere di Augusto Tretti, "il matto che avrebbe dovuto salvare il cinema italiano" (Fellini) e che invece fu travolto dal fallimento della Titanus e dalla miopia dei produttori.

Trova Cinema

Box office
dal 17 al 20 gennaio

Incasso in euro

  1. 1. Non ci resta che il crimine  1.991.217
    Non ci resta che il crimine

    Roma, 2018. Tre amici di lungo corso, con scarsi mezzi ma un indomabile talento creativo, decidono di organizzare un "Tour Criminale" di Roma alla scoperta dei luoghi che furono teatro delle gesta della Banda della Magliana...

  2. 2. Aquaman  1.835.877
  3. 3. Ralph Spacca Internet  1.730.410
  4. 4. Bohemian Rhapsody  1.235.303
  5. 5. Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità  1.001.504
  6. 6. City of Lies - L'ora della verità  724.556
  7. 7. La Befana vien di notte  500.266
  8. 8. Moschettieri del Re  40.348
  9. 9. Attenti al gorilla  396.597
  10. 10. Vice - L'uomo nell'ombra  377.427

Tutta la classifica