NEWS a cura di Cinematografo.it

James Franco

27 luglio 2011

Gli Orizzonti di Franco

L'attore si dirige in Sal, in cartellone nella sezione pi sperimentale della Mostra. Con lui anche Pietro Marcello e Jonathan Demme

C' James Franco che si dirige (Sal), Jonathan Demme che ci regala un identikit sui generis della designer inglese Carolyn Parker (I'm Carolyn Parker: the Good, the Mad and the Beautiful), il ritorno di Pietro Marcello nel documentario Il silenzio di Pelesjan e il nuovo misterioso Tsukamoto (Kotoko). Senza dimenticare Pippo Delbono e l'apertura affidata al Cut di Amir Naderi: Orizzonte 2001, che conferma la propria vocazione al mix di linguaggi e di formati del cinema proponendo un cartellone ricco, vario e, sulla carta di grande spessore. Corti, medi e lungometraggi, per una selezione che spazia dal film-saggio all'animazione, dalla meditazione dolorosa alla commedia, dalle commistioni tra gesto cinematografico e arti visive. Vale la pena di provare a tracciare alcuni percorsi ipotetici: la convergenza tra arti visive e cinema nei nuovi lavori di Mark Lewis (Black Mirror at the National Gallery), Yuri Ancarani (Piattaforma luna), Rirkrit Tiravanija (Lung Neaw Visits His Neighbours), Devin Horan (Late and Deep), Nicolas Provost (L'Envahisseur), Flatform (Movimenti di un tempo impossibile) o Eija-Liisa Ahtila (The Annunciation); il potere dell'inquadratura e la sovversione del montaggio sono gli strumenti espressivi forti che contraddistinguono i film di Yves Caumon (L'Oiseau), Amir Naderi (Cut), Shinya Tsukamoto (Kotoko, Kim Kyungmook (Jultak dongshi), Gurvinder Singh (Anhey ghorhey da daan), Teresa Villaverde (Cisne), Amiel Courtin-Wilson (Hail); e nuove manifestazioni del rapporto con il reale trovano forme diverse in Tusi Tamasese (O le tulafale), Clarissa Campolina (Swirl) e Helvcio Marins Jr. (Girimunho), Mattias Gustafsson (Start), Jos Luis Torres Leiva (Verano), Mati Diop (Snow Canon): tutti, partono dagli elementi di fiction che permeano il mondo che ci circonda; mentre Ross McElwee (Photographic Memory), Pippo Delbono (Amore 3D), Jonathan Demme e Angela Ricci - Lucchi (Louyrie - This Our Still Life) mettono in scena la dimensione intima del diario (proprio o altrui); la scommessa di fare cinema con i documenti, le figure o le tracce della storia il punto di partenza di progetti come quelli di Heinz Emigholz e Felice D'Agostino (Notes sur nos voyages en Russie 1989-1990), James Franco, Arturo Lavorato (Parabeton - Pier Luigi Nervi and Roman Concrete), Oscar Perez e Marc Ribot (Hollywood Talkies), Wim Vandekeybus e Marina de Van (In attesa dell'avvento), Norbert Pfaffenbichler (Conference), Yuri Leiderman/Andrey Silvestrov (Birmingham Ornament) e Mller/Girardet (Meteor); lavori come quelli di Xu Haofeng (Wokou de zongji, arti marziali), Isamu Hirabayashi (Monkey Sandwich, backstage immaginario di una messa in scena teatrale) Mauro Andrizzi (Le petit poucet, fiaba dell'orrore), Charles Yi Yong Lim (All the Lines Flow, thriller metafisico) o di Mirai Mizue (Modern N 2), Edgardo Cozarinsky e Yves Netzhammer (663114 e Dialogial Abstraction, animazione e 3 D non-allineati), incarnazioni contemporanee del cinema di genere; la reinvenzione del rapporto tra cinema e racconto letterario (comico o drammatico), al di l delle forme convenzionali, al centro delle ricerche di Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt (Palcios de pena), Amit Dutta (Accidentes gloriosos), Joseph Dabernig (Hypercrisis), Romuald Karmakar (Nocturnos), Wattanapume Laisuwanchai (Passing Through the Night) e Yolande Zauberman (Sonchidi); il cinema documentario pensato come visione di universi interiori e territori nascosti, oppure come modo di rendere "visibile" il mondo, la chiave giusta per apprezzare i lavori di Michael Glawogger (Die Herde des Herrn), Ben Russell (Would You Have Sex with an Arab), Simon Pummell (Shock Head Soul), Ben Rivers (Whores' Glory, (River Rites) e (Two Years at the Sea).

Trova Cinema

Box office
dal 21 al 24 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi belli  1.196.456
    Gli anni pi belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica