NEWS

02 novembre 2009

Perché credo nel cinema

a cura di Cinematografo.it

"Con scrittori, pittori e musicisti vorrei che all'incontro col Papa ci fossero anche i registi", scrive Mons. Ravasi sul numero di novembre di RdC

"Ad ascoltare la voce di Benedetto XVI non ci siano solo pittori, scultori, scrittori, poeti, musicisti, architetti ma anche registi e attori". Così Mons. Gianfranco Ravasi sul nuovo numero in edicola della Rivista del Cinematografo. Ricordando l'incontro tra il Papa e gli artisti del prossimo 21 novembre nella cappella Sistina - 45 anni dopo quello voluto da Paolo VI - Mons. Ravasi si interroga su quale sia lo statuto del cinema nel panorama generale delle arti, soffermandosi sui casi in cui il mondo di celluloide si rivela persino più alto rispetto a quella della scrittura: "Un esempio tra i tanti, la pellicola Arancia meccanica di Stanley Kubrick è più emozionante del romanzo di Anthony Burgess. O almeno l'esito può essere pari, come nel caso del Giardino dei Finzi Contini di De Sica e il rispettivo romanzo di Bassani". Nei confronti della pittura poi, Ravasi sottolinea come non si possa "ignorare l'intreccio suggestivo che non pochi movimenti pittorici stabilirono con la cinematografia, a partire dal futurismo che al cinema dedicò un suo "Manifesto", passando attraverso quella sorprendente opera impressionista che è il film Il gabinetto del dottor Caligari di Robert Wiene (1919) o ai prodotti surrealisti firmati insieme da Buñuel e Dalì, Un chien andalou (1928) e L'âge d'or (1930), per giungere ai film di Andy Warhol. Infine il Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura ricorda lo stretto legame tra cinematografia e ricerca del trascendente "non tanto con la valanga degli spesso modesti film biblici quanto piuttosto con la tormentata interrogazione dei grandi maestri. Basta solo citare i nomi di Bergman, Bresson, Dreyer e di Tarkovskij per scoprire orizzonti grandiosi in cui si dipanano i più complessi e mirabili itinerari esistenziali". Esperienze che confermano come "la settima arte, nelle sue espressioni più alte e autentiche, non voglia "rappresentare la pelle umana delle cose, l'epidermide della realtà", come sospettava Antonin Artaud. Ma - citando il pittore catalano Joan Mirò - l'Invisibile che si cela nel visibile".

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Creed II  3.691.845
    Creed II

    La vita di Adonis Creed è diventata un equilibrio tra gli impegni personali e l'allenamento per il suo prossimo grande combattimento: la sfida della sua vita. Affrontare un avversario legato al passato della sua famiglia, n...

  2. 2. Mia e il leone bianco  1.594.099
  3. 3. La Favorita  1.062.688
  4. 4. Glass  865.833
  5. 5. Ricomincio da Me  862.882
  6. 6. Compromessi sposi  643.773
  7. 7. Bohemian Rhapsody  611.898
  8. 8. Non ci resta che il crimine  481.723
  9. 9. Ralph Spacca Internet  386.154
  10. 10. L'agenzia dei bugiardi  357.123

Tutta la classifica