NEWS

06 settembre 2009

Microcinema cresce

a cura di Cinematografo.it

La Mostra di Venezia e FEdS ospitano nuovamente il "primo network italiano di sale digitali". Giraldo dell'Acec: "Necessario svecchiamento tecnologico"

Microcinema, il primo network italiano di sale digitali, è una realtà volta a sviluppare e a diffondere il cinema digitale nel nostro paese, in particolar modo nella provincia, dove le sale cinematografiche, attraverso la crescente capillarità delle Sale della Comunità, stanno vivendo una seconda giovinezza proponendosi come nuovi luoghi di aggregazione sociale. In occasione dell'incontro ospitato dalla Fondazione Ente dello Spettacolo alla Mostra del Cinema di Venezia, il Presidente dell'Ente Dario E. Viganò ha introdotto il discorso ricordando che il principale obiettivo di Microcinema , sin dal 1997, è studiare e sviluppare in maniera sostenibile l'universo del cinema digitale in Italia dando, anche attraverso la collaborazione con l'Acec, l'Associazione Cattolica Esercenti Cinema, un forte sostegno alle sale cinematografiche che intendono rinnovarsi in chiave tecnologica. Proprio grazie a tale innovazione, le tradizionali sale hanno oggi la grande opportunità di potersi proporre come importanti luoghi di incontro e condivisione, non solo per visionare film in digitale, ma anche per assistere a spettacoli teatrali, opere liriche (anche in diretta come successo nel 2007 dal Teatro dell'Opera di Roma per La traviata di Verdi), balletti o eventi sportivi. Secondo quanto affermato da Francesco Giraldo, Segretario Generale dell'Acec, "di fronte alla situazione tecnologica di partenza sono stati fatti grandi passi avanti e considerando che, dal punto di vista tecnologico ogni sei mesi possono presentarsi novità, è necessario essere tecnologicamente aperti e anche le monosale essere polivalenti. Una flessibilità che consenta di ritornare alle sale dell'anima e al significato originario dell'animatore culturale, dove il gap strutturale può essere colmato vincendo anche quello culturale". Sempre secondo Giraldo, questo è un processo che non può essere gestito da un'imprenditoria "vecchia", facendosi pressante appunto uno svecchiamento di tipo tecnologico. A questo proposito, l'intervento di Luigi Grispello, Presidente dell'Agis Campania, ha toccato il nodo di come un imprenditore potrebbe muoversi volendo investire nelle sale a tecnologia digitale; questo, ovviamente, non può non passare per una valutazione dell'utile che ne deriverebbe, e qui l'analisi porta a comprendere come i vantaggi possano riguardare alcune situazioni ma non la totalità, ad esempio per ciò che concerne l'abbassamento del costo del lavoro, dove solo alcune sale hanno possibilità di risparmiare. Luigi Cuciniello, Direttore Organizzativo della Mostra del Cinema di Venezia, ha insistito "sull'importanza di offrire le stesse possibilità a tutti i soggetti interessati, dove spesso il digitale è visto come uno scalino mentre ciò a cui bisognerebbe puntare dovrebbe essere l'orizzontalità, dando la possibilità al sistema di rilanciarsi e di essere al contempo competitivo, lasciando da parte gli ‘eldoradi' ma guardando con realismo ad un sistema che, senza perdere di vista il momento artistico, si fa anche economicamente rispettabile, dove è proprio il pubblico a sancire tale progressivo successo". Non si può negare, secondo Paolo Protti, Presidente dell'Anec, l'Associazione Nazionale Esercenti Cinema, che, in questo confronto fra tradizione ed innovazione, fino a poco tempo fa la situazione si presentava  preoccupante; oggi, passi in avanti sono stati compiuti con, ad esempio, la partecipazione e l'intervento dello Stato attraverso il tax credit.In conclusione, il produttore inglese Nigel Dennis ha posto l'accento sull'importanza dei server aperti per tutti gli standard di codifica video e sul fatto che chi decide di venire ad investire in Italia lo fa per dare al mercato italiano ciò che il mercato italiano vuole.

Trova Cinema

Box office
dal 21 al 24 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica